Legge contro P2P in Francia: divieto di accesso ad Internet.I provider avranno un ruolo di "polizia"

In Francia gli utenti che verranno riconosciuti di scambiare files con il P2P rischieranno di perdere la possibilità di collegarsi alla rete.



In Francia gli utenti che verranno riconosciuti come rei di scambio continuato e ripetuto di files attraverso le reti peer to peer rischieranno di perdere la possibilità di collegarsi alla rete.

Dietro questa decisione del governo francese c’è un accordo tra le società che offrono connessione internet, etichette discografiche, e studi cinematografici: grazie al monitoraggio dei provider, sarà possibile individuare gli utenti che verranno prima avvertiti e poi eventualmente sospesi o tagliati fuori dalla rete.

“Una pena meno sproporzionata”, ha affermato Denis Olivennes, presidente della catena francese FNAC, rispetto a grandi multe e al carcere che rischiano di colpire in gran parte i giovani.

In cambio di questo monitoraggio della rete, le società cinematografiche hanno accettato di ridurre i tempi per la distribuzione in DVD dei film a sei mesi dalla prima visione nei cinema, mentre le major discografiche si sarebbero rese disponibili ad offrire senza DRM e per ogni tipo di player il download del materiale d’archivio francese.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il