Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 al via con attese importanti in Aula le audizioni

Le attese dei prossimi giorni in Aula tra misure del nuovo documento finanziario, voucher e novità per le pensioni importanti

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

pensioni novità audizioni aula importanti attese



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:30): Al via la corsa che porterà alla scrittura della versione finale. Il percorso getta le basi delle novità per le pensioni presenti e future con l'esecutivo nelle ultime notizie e ultimissime sta ragionando per l'iter di fine anno ancora più importante perché in ballo c'è il rinnovo dell'esperienza alla guida del Paese.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:30): Prendono il via le differenti audizioni dei Gruppi che si dedicano ai diversi argomenti e iniziative che si vorrebbero attuare nell'iter economico e visto che praticamente nelle ultime notizie e ultimissime non c'è neppure uno certo di essere presente, sono riunioni ancora più rilevanti novità per le pensioni comprese. E interessante sarà il resoconto dell'audizione attesa da parte del responsabile del Dicastero delle Finanze viste anche le sue ultime posizioni

Si prepara ad arrivare nelle Aule il nuovo documento finanziario per le prime audizioni da mercoledì 19 aprile, per poi essere votato il prossimo 26 aprile. Sempre per mercoledì, stando a quanto riportano le ultime notizie, è atteso l’intervento del responsabile del Dicastero della Finanza che ha chiaramente spiegato come non si sia ancora entrati nello specifico per quanto riguarda le misure ufficiali del nuovo documento finanziario e che la prima bozza presentata sarà suscettibile di diversi cambiamenti ancora. Del resto, potrebbe chiaramente arrivare la classica goccia che fa traboccare il vaso, mentre le discussioni vere e proprie sulle misure del documento che poi dovranno essere inserite nel nuovo bilancio inizieranno effettivamente dopo l’estate. C’è ancora, dunque, tanto tempo per definire nel dettaglio, e forse anche attraverso compromessi tra tutti,i provvedimenti necessari per il rilancio dell’economia italiana.

Definizione delle misure del nuovo documento finanziario e cosa si attende

Dividono, e anche fortemente, le misure del nuovo documento finanziario annunciate dal responsabile del Dicastero delle Finanze e che l’attuale maggioranza non appoggia, soprattutto per quanto riguarda il piano di privatizzazioni. Stando alle ultime notizie da parte del Dicastero delle Finanze, nel nuovo documento economico dovrebbero rientrare:

  1. taglio delle imposte sulle attività;
  2. piano privatizzazioni;
  3. possibile aumento dell'Iva.

Ma nulla su revisione della spesa pubblica e degli sprechi, nulla sulle novità per le pensioni che, come detto settimane fa, avrebbero potuto essere inserite nelle successive stesure del documento finanziario, dopo le nuove discussioni tra forze sociali ed esecutivo stesso sulle ulteriori novità per le pensioni di un momento successivo. Si tratta di novità per le pensioni che avrebbero dovuto interessare:

  1. novità per le pensioni di quota 100;
  2. novità per le pensioni di revisione delle probabilità di vita;
  3. novità per le pensioni per i più giovani;
  4. novità per le pensioni per le singole casse di categoria.

Si tratta di novità per le pensioni per cui al momento nulla più si dice, ancora una volta potremmo dire, ma che non è detto non vengano riprese. Del resto, sono diverse le attese per i prossimi giorni, perché oltre all’arrivo nelle Aula del nuovo documento finanziario, sempre mercoledì si parlerà in Aula a Montecitorio di biotestamento e in Aula a Palazzo Madama del decreto di abolizione dei voucher per cui poi bisognerà colmare il vuoto normativo lasciato con ulteriori soluzioni alternative.

Aumento Iva, taglio imposte su attività e novità per le pensioni

Con il nuovo documento finanziario sembra emergere un nuovo paradosso tutto italiano: è vero, stando a quanto riportano le ultime notizie, che l’impegno dell’esecutivo sarebbe finalizzato al rilancio concreto dell’economia italiana, è vero che si pensano solo interventi di riduzione del debito pubblico ma è anche vero che, secondo le ultime e ultimissime notizie, si va sempre verso provvedimento errati. Non si prospetta affatto positivo, infatti, il nuovo aumento Iva annunciato dal Dicastero delle Finanza, che scoraggerebbe consumi, acquisti e provocherebbe un deciso malcontento tra i cittadini, così come non si prospetta del tutto positivo il nuovo taglio delle imposte sulle attività che, si teme, potrebbe avere gli stessi deludenti risultati della nuova norma per il lavoro approvata dal precedente esecutivo.

Ancora una volta, però, si rimandano quelle importanti novità per le pensioni come quota 100 o quota 41 per tutti che, attraverso la nuova spinta al mercato lavorativo dei più giovani, consentirebbe non solo una ripresa delle attività soprattutto giovanili ma, di conseguenza, anche di produttività e consumi, che contribuirebbero a dare avvio ad un nuovo ciclo economico positivo. Perché, dunque, non orientarsi finalmente in questa direzione considerando anche una disponibilità di budget visto che, come riportano le ultime notizie, per il taglio delle imposte sulle attività servirebbero 15 miliardi di euro circa e meno ne servirebbero per la quota 100 (circa 7 miliardi di euro) e per la quota 41 per tutti (circa 5 miliardi di euro)?

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il