Tradimenti tra marito e moglie: uno su tre avviene in pausa pranzo con un collega di ufficio

I colleghi affollano le fantasie sessuali degli italiani e ben 8 su 10 hanno la tentazione di metterle in pratica.



Almeno un adulterio su tre avviene infatti fra le 12.30 e le 14.30. Ma solo i più fortunati hanno due ore di tempo per tornare a casa o trovare un hotel a portata di mano. Gli altri si arrangiano come possono, in macchina, approfittando degli uffici che si svuotano, o addirittura nei bagni dei ristoranti. I colleghi affollano le fantasie sessuali degli italiani e ben 8 su 10 hanno la tentazione di metterle in pratica.

Ma se tradire fa ancora paura, chi rinuncia finisce per pentirsi per non aver colto l'occasione. E tra i fedifraghi, solo 1 su 10 si sente in colpa. È quanto emerge da una ricerca della rivista Riza Psicosomatica, in edicola in questi giorni, condotta su circa mille italiani, uomini e donne, di età compresa fra i 20 e i 60 anni.

Il primo dato significativo della ricerca riguarda le tentazioni.

Ne saremmo vittime, in diversa misura, praticamente tutti: chi spesso (29%), chi abbastanza di frequente (43%), chi ogni tanto (17%), o raramente (9%). Capita tutte le volte che si incontra qualcuno di attraente (32%), dopo un litigio col partner (24%), tutte le volte che ci si sente particolarmente in forma (17%), o quando ci si trova, per lavoro o per vacanza, lontano da casa (8%)

.Le persone che inducono maggiormente in tentazione sono, nell'ordine, colleghi di lavoro (29%), semplici sconosciuti (26%), o il classico migliore amico (o migliore amica) del partner (18%). Ma se un italiano su due afferma di aver resistito tenacemente, c'è un buon 36% che confessa di aver tradito in questo ultimo anno. Pentimenti? Pochi, appena l'11%. E a parte un 10% di incerti, gli altri (79%) sembrano ben felici della loro condizione di adulteri.

Quanto al momento per consumare il tradimento, il 29% approfitta della pausa pranzo, mentre un italiano su quattro non si fa problemi per una scappatella durate l'orario di lavoro (26%). Il 16% lo fa prima di tornare a casa la sera, mentre l'11% preferisce farlo lontano da occhi indiscreti, quando si trova in viaggio, sia esso di lavoro o per vacanza, mentre per il 13% è la serata da single a fare da carburante.

L'ufficio, quindi, si conferma il luogo a più alto 'rischio-corna' (31%). Più ancora della casa (27%), dell'automobile (15%), o del motel (10%). Meno frequentate le palestre (8%) e i bagni dei ristoranti (5%). Tuttavia, il tradimento fa ancora paura a quasi la metà degli italiani (48%).

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il