Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 esecutivo e maggioranza divisioni accentuate

Ultima proposta su bollo auto ulteriore crepa tra esecutivo ed attuale maggioranza e ancora ritardi su novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie quota 100, mini

pensioni novità ulteriore distacco esecutivo maggioranza



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:01): Quello delle imposte è uno degli argomenti più delicati che, al pari delle novità per le pensioni, rischiano di avere immediate ripercussioni sulla stabilità dell'esecutivo. Succede anche questa volta, come sta emergendo dalla ultime e ultimissime notizie su bollo auto e revisione, con sviluppi tutti da scoprire.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Se la proposta di legare bollo auto e revisione dovesse riuscire, sulle novità per le pensioni arriverebbero presto riflessi o sarebbe, comunque, una ulteriore goccia pronta a far traboccare il vaso. Perché una decisione di questo tipo interverrebbe sul versante imposte, sempre delicato secondo le ultime e ultimissime notizie, con spinte per il voto prima e dunque con l'urgenza di pensare a un nuovo progetto per le novità per le pensioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:01): Continua a esserci distacco tra esecutivo e maggioranza, e ora con l'obbligo del bollo auto e revisione diventa tutto più difficile perché in pratica è un aumento delle imposte che la maggioranza non vorrebbe nelle ultime notizie e ultimissime e tutto questo potrebbe avere effetto sulle urne prima del previsto che porterebbe riflessi anche per le novità per le pensioni.

Continua a crescere il distacco tra l’esecutivo e l’attuale maggioranza e questa volta a creare divisione è la differente posizione sulle novità relative al pagamento del bollo auto. Da sempre tra le tasse più evase nel nostro Paese, il del bollo auto, come riportano le ultime notizie, sarebbe stato oggetto di discussioni relative alle modalità del suo pagamento.

Ultime novità sul bollo auto e conseguenze sul rapporto tra esecutivo e attuale maggioranza

Le ultime novità riguardano l’idea del pagamento del bollo auto obbligatorio collegato alla revisione, proposta che era stata cancellata per volere dell’attuale segretario nell'iter economico precedente e che, invece, come riportano le ultime notizie, ora torna di grande attualità e si tratta di una nuova crepa nei rapporti tra esecutivo e attuale maggioranza, che continuano a discutere e dividersi su temi importanti, come quello delle novità per le pensioni su cui l’attuale esecutivo continua a ritardare sull’arrivo degli atti finali relativi alle ultime novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti senza oneri, e temporeggiare sull’avvio del momento successivo delle ulteriori novità per le pensioni e su novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti, e soprattutto dopo le questioni:

  1. sull’obbligo dei vaccini;
  2. sul telemarketing;
  3. sulla nuova norma per difesa personale.

Si tratta di temi che dividono e che stanno contribuendo solo a rendere sempre più difficile la coesistenza tra esecutivo e maggioranza attuale e stanno facendo in modo che lo stesso esecutivo non funzioni

Nuova norma proposta per pagamento del bollo auto

La nuova norma che riguarda il pagamento del bollo auto prevede, infatti, lo stretto collegamento tra possibilità di effettuare la revisione dell’auto e il regolare pagamento del bollo. Stando a quanto previsto, infatti, le autofficine autorizzate ad effettuare le revisioni auto dovrebbero controllare, in collaborazione con gli uffici del dipartimento dei trasporti, che i proprietari dei veicoli siano in regolare posizione con il pagamento del bollo e se i pagamenti del bollo risulteranno regolari, allora la revisione potrà essere tranquillamente effettuata. Ma il bollo non risulterà regolarmente versato, non potrà essere effettuare la revisione dell’auto, bloccando di conseguenza la circolazione della stessa auto. La revisione potrà poi essere effettuata solo nel momento in cui il proprietario del veicolo abbia regolarizzato i pagamenti mancanti dovuti.

Questa norma, come detto, era già stata presentata ma bocciata, sia per evitare scompiglio tra i cittadini, sia perché si voleva evitare che le officine arrivassero a svolgere un ruolo di competenza dell’Agenzia delle Entrate. Ora, però, la stessa norma è tornata tra le richieste di modifiche presentate per il nuovo iter economico e ci si chiede come si chiuderà questa partita. Presumibilmente, si tratta di un tema che da qui fino alla fine delle discussioni relative alle misure da inserire nel nuovo iter economico, continuerà a dividere. Divisioni che, come sopra anticipato, ci sono anche in riferimento ad altre questioni e che non sembrano preannunciare nulla di buono per la tenuta stessa del’esecutivo.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il