Liquidazione Iva trimestrale Maggio 2017: novità questa settimana

Sono in tanti i commercialisti che avrebbero preferito una proroga più sostanziosa dei tempi per la prima liquidazione Iva trimestrale dell'anno.

Liquidazione Iva trimestrale Maggio 2017

Proroga liquidazione Iva maggio 2017



Con un anticipo di circa 10 giorni rispetto alla scadenza prefissata, è arrivata la proroga ufficiali dei tempi per effettuare l'operazione di liquidazione Iva trimestrale. Rispetto alla scadenza prefissata del 31 maggio 2017, la nuova data da segnare sul calendario è il 12 giugno 2017. Si tratta di un supplemento di tempo varato dal Consiglio dei ministri nel corso della settimana e accolto con favore da commercialisti e associazioni di categoria. Anche se, è bene ricordarlo, sono in tanti i professionisti che avrebbero preferito una proroga più sostanziosa dei tempi per la prima liquidazione Iva trimestrale dell'anno.

Liquidazione Iva trimestrale: tante novità

Il programma per la generazione dei file in riferimento alla liquidazione Iva è allora disponibile sul sito ufficiale dell'Agenzia delle entrate seguendo il percorso Home -> Cosa devi fare -> Comunicare dati -> Fatture e corrispettivi -> Software di compilazione, alla pagina "Software di compilazione Comunicazioni Liquidazioni Periodiche Iva". Nel medesimo spazio web è presente il software di controllo, seguendo il secondo percorso Home -> Cosa devi fare -> Comunicare dati -> Fatture e corrispettivi -> Software di controllo, ricordando che i file possono essere generati con altri strumenti informatici che rispettino la struttura definita. Va da sé che i software sviluppati sono sempre gratuitamente utilizzati.

I nuovi servizi permettono ai contribuenti e agli intermediari di condividere con l'amministrazione finanziaria i dati di sintesi delle operazioni di liquidazione Iva effettuate nel trimestre di riferimento. In parallelo, le Entrate hanno messo a disposizione istruzioni e assistenza per contribuenti e intermediari, disponibili sul sito dell'Agenzia seguendo il percorso Home -> Strumenti -> Specifiche tecniche -> Modelli di comunicazione -> Fatture e corrispettivi. La stessa Agenzia delle entrate rende noto che i soggetti che hanno già accreditato un canale web services per il colloquio con il Sistema di interscambio, possono trasmettere attraverso lo stesso canale singole comunicazioni (file XML) firmate elettronicamente, con firma digitale o con certificato emesso dall'Agenzia riferiti a un singolo contribuente.

Sempre dal punto di vista procedurale, in caso di mancanza dei requisiti per avvalersi della procedura di liquidazione dell'Iva di gruppo occorre indicare l'ultimo mese di controllo, ricordando che ha effetto a iniziare dalla liquidazione periodica relativa al mese o al trimestre nel corso del quale si è verificata. Ad esempio, la società nei cui confronti venga meno il controllo nel corso del mese di maggio, deve indicare, se effettua liquidazioni mensili, il numero 04 nella Comunicazione relativa al secondo trimestre dell'anno, in quanto il controllo si considera esercitato fino al mese di aprile. Se invece effettua liquidazioni trimestrali, deve indicare nella Comunicazione relativa al secondo trimestre dell'anno il numero 03 poiché il controllo si considera cessato con il primo trimestre.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il