Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 diventano sempre più aspre le divisioni

Crescono le divisioni sia a livello istituzionale sia in riferimento alle priorità in vista di elezioni subito: cosa aspettarsi per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie quota 100, mini

pensioni novità divisioni crescono ancora



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:01): Il clima non è dei migliori perché le troppe divisioni registrate non sono positive per le novità per le pensioni e naturalmente rendono più incerte il quadro d'insieme. Non solo, ma anche mettere in piedi nuove iniziative nelle ultime notizie e ultimissime diventa anche più difficoltoso.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:01): Le divisioni si sono inasprite dopo il sistema di elezioni subito che ha permesso di evidenziare anche quelle più latenti su più livelli. Tutto questo rende difficile le novità per le pensioni e iniziative ora, ma soprattutto nel medio-termine cosa davvero pessima quando nelle ultime notizie e ultimissime si capisce sempre di più la necessità di agire.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): E' ormai tutta una divisione su più e significativi livelli scatenata dal sistema di elezioni subito che comporta una difficoltà ancora maggiore, se possibile, per l'esecutivo attuale nell'intraprendere iniziative, ma anche per il futuro. E le urgenze tra cui le novità per le pensioni saranno quelle che ci rimetteranno come sembra chiaro nelle ultime notizie e ultimissime dove, comunque, regna la massima confusione.

Mentre ci si avvia ad elezioni subito piuttosto che definirsi in maniera precisa  e condivisa il sistema di elezioni subito, che proprio nelle ultime ore è stato definito un totale fallimento dal segretario della maggioranza, a causa della nuova posizione del leader dei pentastellati che potrebbe far saltare tutto, si vanno accentuando le divisioni, sia da un punto di vista istituzionale tra le diverse forze, sia da un punto di vista di intenti.

Le divisioni che si stanno accentuando

Stando, infatti, a quanto riportano le ultime notizie, sarebbero diverse le divisioni che si stanno accentuando in questo periodo e che potremmo così riassumere:

  1. divisione all'interno degli schieramenti tra chi vuole subito elezioni e chi no;
  2. divisione all’interno degli schieramenti tra creazione di schieramenti inediti e possibili fuoriuscite;
  3. divisioni sulle alleanze da raggiungere, alcune delle quali inedite, altre un po’ dubbiose e sulle quali regna molta incertezza;
  4. divisione sulle priorità da portare avanti e la grande incertezza che tra queste vi siano le importanti novità per le pensioni.

Divisioni tra chi vuole elezioni subito e chi ne è contrario

Diviso il popolo di esponenti, studiosi ed esperti sulla prospettiva di elezioni subito tra chi ritiene che possano rappresentare effettivamente l’ideale occasione di rilancio delle iniziative urgenti oggi in stallo, profonde novità per le pensioni comprese come quota 100 e quota 41 per tutti, e che sarebbero decisamente importanti per riuscire nell’intento di rilanciare la crescita economica interna del Paese e di condurre verso quel rinnovamento generale del Paese grazie ad una nuova stabilità che si otterrebbe con l’elezione di un esecutivo finalmente scelto dai cittadini, e coloro che, al contrario, ritengono che andare ad elezioni subito non rappresenterà una svolta in positivo.

C’è, infatti, chi ha spiegato che andare ad elezioni subito con il sistema di cui si sta discutendo potrebbe comunque implicare il rischio di una non governabilità, il che non darebbe assolutamente nuova stabilità al Paese, nè permetterebbe di rilanciare i provvedimenti importanti bloccati, comprese le novità per le pensioni, né darebbe nuovo stimolo alla crescita, esponendo, invece, il nostro Paese ad un nuovo rischio speculazione sul deficit e ad un nuovo allargamento del differenziale, tutti elementi decisamente negativi.

Divisioni all’interno dei diversi schieramenti e per le alleanze

Le ultime notizie confermano, poi, forti divisioni anche tra le diverse forze, ognuna alla ricerca di un’alleanza forte che possa garantire alla fine delle urne una maggioranza certa e impegnandosi in tal senso sono diverse le realtà che più che puntare alla vittoria per dare nuova rappresentanza ai cittadini per gli stessi cittadini pensano a possibili alleanze per vincere sul populsimo, soprattutto dei pentastellati. Il sistema di elezioni subito ha subito una battuta d’arresta, tornando in Commissione, a causa dei pentastellati che sono stati definiti inaffidabili dal segretario della maggioranza sull’accordo tra i quattro leader; dal canto loro, come riportano le ultime notizie, gli stessi pentastellati hanno puntato il dito proprio contro la maggioranza, mentre anche il Cavaliere ha definito i pentastellati responsabili del blocco del sistema di lezioni subito, spiegando, però, che un incidente non può fermare tutto letteralmente.

E, secondo le ultime notizie, avrebbe detto sì ad una alleanza con il Carroccio e Fratelli Di Italia, no però alla creazione di una nuova forza. Una riunione, dunque, del centrodestra che allontanerebbe una rinnovata grande alleanza con l’attuale maggioranza, che verrebbe pensata solo per la vittoria contro i pentastellati ma potrebbe non portare a nulla di buono, esattamente come già accaduto nella precedente esperienza, anche in riferimento al rilancio di novità per le pensioni. E dal canto suo, il Carroccio potrebbe aprire ad un nuovo dialogo con il Cavaliere.

D’altra parte, si profila anche un inedito movimento nel centro sinistra, con l’attuale maggioranza da una parte e il ritorno di un nome illustre, quello del fondatore dell’Ulivo, dall’altra, che potrebbe portare con sé anche altri autorevoli nomi della storica sinistra, con l’obiettivo di rilanciare gli originali valori di questa forza, puntando su richieste e bisogni della gente, misure di sostegno, per l’occupazione e novità per le pensioni. E le ultime notizie parlano anche di possibile riunione dei centristi che tornerebbero a ‘lottare’ tutti insieme per superare il problema della soglia di sbarramento al 5%.

Divisione sulle priorità da portare avanti e novità per le pensioni

Stando, poi, a quanto riportano le ultime notizie, vi sarebbe anche grande divisione sulle misure da rilanciare con priorità in vista di elezioni subito e alla luce delle ultime notizie non sembra che le profonde novità per le pensioni rientrino più tra queste priorità. O meglio, non sembrano rientrarci le importanti novità per le pensioni di quota 100 e di quota 41 per tutti senza oneri, ma misure collegate alle novità per le pensioni come introduzione dell’assegno universale e crescita delle pensioni inferiori. Tra le altre priorità indicate che potrebbero essere rilanciare in vista di elezioni subito, però, ci sarebbero:

  1. revisione delle detrazioni fiscali;
  2. revisione delle imposte, con riduzione delle stesse;
  3. introduzione di una flat tax per tutti;
  4. nuova spinta agli investimenti pubblici;
  5. modifiche per l’imposta sul valore aggiunto.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il