Pensioni ultime notizie su quota 100, mini pensioni, quota 41 da Cannata, Martuci, Padoan

Le recenti posizioni di Martucci, Padoan, Cannata su sprechi che continuano nel nostro Paese e impattoo su novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie su quota 100, mi

pensioni novità ultime affermazioni pier carlo padoan



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:47): Vedremo che pieghe prenderà questa delicata vicenda, ben sapendo che sulle novità per le pensioni non solo potrebbero arrivare ripercussioni dirette e indirette, ma sulla stessa tematiche almeno due di queste autorità si sono espresso nelle ultime notizie e ultimissime a testimonianza dell'importanza della questione.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:30): E' una vicenda da seguire perché due di queste autorità si sono espresse sulle novità per le pensioni a più riprese. Se adesso la magistratura contabile punta l'indice contro il Tesoro per quanto fatto e non fatto nelle ultime notizie e ultimissime nei confronti della banca d'affari Morgan Stanley con effetti non certo buoni per la salute del Paese, occorre aprire una riflessione.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:15):  E' una questione molto delicata che vede questi tre autorità protagonisti e non certo positiva, anzi... e lascia aperte delle riflessioni su soldi e decisioni prese che si possono fare anche sulle stesse novità per le pensioni di cui almeno due dei protagonisti nelle ultime notizie e ultimissime hanno fatto affermazioni differenti.

La Magistratura Contabile ha accusato il Tesoro di negligenza nei confronti della banca d'affari Morgan Stanley che ha procurato al nostro Paese un danno di oltre 3 miliardi di euro. Nessun provvedimento, però, stando a quanto riportano le ultime notizie, sarebbe stato preso e si tratta di un caso su cui bisognerebbe riflettere considerando che il Tesoro è quello che da sempre si oppone ad una serie di iniziative che potrebbero essere considerate urgenti per il rilancio della nostra economia, come le importanti novità per le pensioni di quota 100 e quota 41 per tutti senza alcuna penalità, perchè troppo costose e non talmente prioritarie da meritare investimenti consistenti, mentre però, come confermano le ultime notizie, gli sprechi nel nostro Paese aumentano e il recente caso sulla questione derivati rappresenta l’ennesimo spreco miliardario. Proprio dalla questione derivati derivano le recenti accuse che la Magistratura Contabile ha rivolto al Tesoro.

Le ultime posizioni di Martucci e impatto su novità per le pensioni

E’ stata l’Alta Corte presieduta da Martucci, stando a quanto riportano le ultime notizie, a contestare la responsabilità del 70% dei 4,1 miliardi di euro di danni allo Stato a Morgan Stanley, accusata di aver approfittato della sua posizione sul deficit statale e di aver incassato 3,1 miliardi di euro dallo Stato tra il 2011 e il 2012. La domanda che ci si pone è: chi risarcirà il danno miliardario allo Stato? E, soprattutto, qualcuno lo farà mai? Probabilmente, vien da dire, che tutto si chiuderà con una bolla di sapone e lo Stato si ritroverà con tre miliardi di euro che invece avrebbe potuto sfruttare per riuscire finalmente ad attuare quelle iniziative urgenti per il rilancio economico del nostro Paese, come le novità per le pensioni, ma ancora bloccate. Anche per mancanza di soldi.

Le ultime posizioni di Padoan e conseguenze per novità per le pensioni

Ma quel è il ruolo del ministro del Tesoro Padoan in questa situazione? Quale la sua posizione? Al momento, stando a quanto riportano le ultime notizie, non si sarebbe chiaramente e direttamente espresso sulla vicenda. Ma la posizione del ministro Padoan in più occasioni è risultata piuttosto controversa, anche quando spesso si è parlato di soldi da impiegare per l’attuazione di profonde novità per le pensioni di quota 100 e quota 41 per tutti nei confronti delle quali, come ormai ben sappiamo, non si è mai detto favorevole, convinto del fatto che nonostante la sua rigidità, l’attuale sistema debba essere lasciato ancora per un po’ così com’è perché l’unico in grado di garantire ancora sostenibilità finanziaria al nostro Paese ancora in forte crisi.

Le recenti posizioni di Cannata e impatto su novità per le pensioni

Oltre al 70% dei 4,1 miliardi di euro di danni allo Stato che l’Alta Corte ha imputato a Morgan Stanley, ha puntato il dito anche contro il restante 30%, attribuito a Maria Cannata, all’epoca e ancora oggi direttore del debito pubblico del Tesoro, un ruolo che potremmo definire incompatibile con l’accusa dell’Alta Corte e che, probabilmente, in altri Paesi gli sarebbe stato revocato. Ma non da noi, dove, nonostante la tanto discussa questione derivati sia ennesimo esempio di ingiustizia e spreco miliardario, Cannata continua a mantenere il suo ruolo come se nulla fosse accaduto esattamente come Morgan Stanley continua ad essere nella lista delle banche che proprio insieme al Tesoro gestiscono il deficit statale, ruolo che consente di stipulare contratti derivati con lo Stato italiano ma che, al tempo stesso, prevede anche obblighi, che la banca d’affari americani ha largamente disatteso. Il problema è che questo caso appena riportato rappresenta l’ennesimo esempio di spreco miliardario nel nostro Paese, di soldi che avrebbero potuto essere impiegati in ben altri provvedimenti, decisamente fondamentali per lo sviluppo reale del nostro Paese, da novità per le pensioni a occupazione.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il
Puoi Approfondire