Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 tra pensioni e assegno universale secondo più fattibile

Assegno universale più fattibile di importanti novità per le pensioni: situazione, motivi e obiettivi per contrastare l’indigenza

Pensioni ultime notizie quota 100, mini

pensioni novità assegno universale fattibile



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:32): Potrebbe allora essere l'assegno universale il provvedimento più fattibile anziché una delle tante novità per le pensioni costantemente allo studio. Molto dipenderà dalle tante variabili sotto esame nelle ultime notizie e ultimissime, ma rispetto ad altre soluzioni, è quella su cui si registra una maggiore comunanza di intenti.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:01): A trovare una maggiore convergenza, è l'assegno universale più che differenti novità per le pensioni anche per via di alcuni casi concreti di applicazione. Rispetto ad altre idee è proprio questo lo strumento considerato più fattibile nelle ultime notizie e ultimissime, ben sapendo che non può bastare a colmare tutte i vuoti e a correggere gli errori esistenti.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:59): Per differenti motivi, è meno facile che si concretizzino le novità per le pensioni piuttosto che l'assegno ufficiale e gli elementi che lo fanno ritenere nelle ultime notizie e ultimissime appaiono sempre più evidenti

Introdurre importanti novità per le pensioni di quota 100 e quota 41 per tutti senza oneri e l’assegno universale potrebbe rappresentare per il nostro Paese una mossa vincente, tuttavia le priorità cambiano. Se fino a qualche tempo fa si diceva che tra assegno universale e novità per le pensioni, tra quota 100 e quota 41 per tutti, sarebbe stato meglio puntare sulla novità per le pensioni di quota 100 che avrebbe avuto certamente molti più vantaggi rispetto all’assegno universale, sia in termini di rilancio dell’occupazione, sia in termini di risparmi, seppur nel lungo periodo, le ultime notizie ritengono, invece, che al momento tra assegno universale e novità per le pensioni, il primo sia più fattibile.

Assegno universale più fattibile rispetto a novità per le pensioni

Se secondo alcuni assegno universale e importanti novità per le pensioni potrebbero essere considerati due elementi complementari, per altri l’uno al momento risulterebbe più fattibile delle altre per diversi motivi che secondo le ultime notizie sono:

  1. nuovo silenzio da parte delle differenti forze sulle novità per le pensioni, gli stessi penstellati non ne parlano più ma continuano a parlare di assegno universale e quindi per vincere e contrastare i pentastellati che da sempre fanno dell’assegno universale un loro cavallo di battaglia, sarà necessario puntare su questa misura;
  2. appoggio da parte della Comunità all’introduzione dell’assegno universale, già in vigore in quasi tutti gli altri Paesi comunitari, ad eccezione proprio della nostra nazione e della Grecia;
  3. avvio già avvenuto localmente in molte zone territoriali che hanno dato l’ok a diverse forme locali di assegno universale, motivo per il quale potrebbe essere unificato a livello nazionale.

Zone locali dove è già in vigore l’assegno universale

Le ultime notizie confermano l’avvio dell’assegno universale a livello locale, in diverse regioni e comuni, da Lombardia a Piemonte, Marche, Friuli Venezia Giulia, Puglia, ai Comuni di Trento, Livorno, Bari e Ragusa, fino all’ultimo caso dell’Emilia. E’ quest’ultima, infatti, l’ultima regione in ordine di tempo ad aver dato il via libera all’assegno universale per tutti i cittadini residenti nella regione da almeno due anni, che abbiano un reddito Isee inferiore a 3 mila euro all'anno, e che avrebbe un valore massimo di 400 euro mensili per 12 mesi.

Le forme di assegni universali introdotte a livello locale per sostenere chi si ritrova a vivere in condizioni di indigenza, potrebbero contribuire, però, solo ad aumentare quelle diseguaglianze tra tutti, considerando che i cittadini delle altre regioni in cui l’assegno universale non è ancora stato introdotto non ricevono sostegni per la loro indigenza, motivo per il quale potrebbe essere finalmente introdotto un assegno unico a livello nazionale, valido per tutti e come del resto esistente in quasi tutti gli altri Paesi comunitari.

Assegno universale e rilancio di novità per le pensioni comunque fondamentali

Nonostante al momento risulti decisamente più fattibile l’assegno universale rispetto alle profonde novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti senza oneri, queste ultime sarebbero le misure ideali per spingere effettivamente un rilancio di produttività efficienza e consumi, avviando un ciclo economico generale positivo. Novità per le pensioni di quota 100 (per cui servirebbero circa 7 miliardi di euro) e novità per le pensioni di quota 41 per tutti (per cui servirebbero circa 5 miliardi di euro) avrebbero, infatti, il vantaggio di rilanciare l’occupazione, attraverso un nuovo ricambio generazionale, e allo stesso tempo a produttività e consumi, riuscendo anche ad ottenere vantaggi in termini di risparmi, seppur nel lungo periodo.  E’ chiaro, dunque, che sia preferibile impegnarsi per l’approvazione reale di profonde novità per le pensioni piuttosto che sull’assegno universale che, però, al momento potrebbe essere il miglior punto di ripartenza per ottenere consensi in vista di elezioni subito e il miglior sostegno economico per tutti coloro che si ritrovano a vivere in condizioni di gravi difficoltà economiche.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il
Puoi Approfondire