Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni elezioni comunali evidenziano triplici elementi

Esito delle elezioni comunali e impatto su discussioni e alleanze in vista di elezioni subito: attese per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie quota 100, quota

pensioni novità tre elementi elezioni comunali



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:01): Dai numeri non si scappa e proprio a iniziare da quelli sulle elezioni comunali che per le novità per le pensioni può cambiare qualcosa. Il passaggio successivo è infatti quello della formazione di alleanze da parte delle differenti forze, con le idee più chiare nelle ultime notizie e ultimissime proprio per via dei risultati elettorali su base locale.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:03): Sono divesre le valutazioni che si aggiungono per elezioni comunali e su come per le novità per le pensioni possa realmente cambiare qualcosa. Senza dubbio non bisogna credere nell'esistenza di un rapporto strettamente collegato nelle ultime notizie e ultimissime, ma i risultati stanno facendo riflettere le differenti forze sulle strategie più adatte da seguire in vista delle potenziali elezioni subito (o dopo).

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): Ci sono molte considerazioni da fare sulla base delle elezioni comunali per le novità per le pensioni e agli effetti che arriveranno per elezioni subito. Le indicazioni che arrivano nelle ultime notizie e ultimissime sono preziosi elementi per tutte le principali forze in vista delle scelte sulle alleanze e sul momento più opportuno per andare alle urne.

L'esito delle elezioni comunali sembra aver decretato un primo passo, in realtà inaspettato, verso il declino dei pentastellati e un ritorno alla sola contrapposizione tra centrosinistra e centrodestra. Probabilmente, stando a quanto riportano le ultime notizie, a giocare a sfavore dei pentastellati sono state tanto le tensioni interne quanto la recente decisione dell'intero gruppo di far saltare l'accordo sul sistema di elezioni subito che ha riportato il mondo istituzionale ad un totale caos. Secondo quanto spiegato da alcuni esperti, il risultato delle elezioni comunali potrebbe effettivamente rappresentare una sorta di sconfitta di quel populismo che tanto fa discutere, tanto da aver portato ad ipotesi di grandi alleanze per sconfiggerlo, ma che in realtà tanto forte non è.  

Esito delle comunali e tre elementi significativi

Non è detto, come riportano le ultime notizie da parte di alcuni esperti, che l’esito delle elezioni comunali preannunci un nuovo solito scontro tra due forze, centrodestra e centrosinistra, riportando i pentastellati ai margini, ma di certo rappresenta un elemento su cui riflettere e che potrebbe avere diverse conseguenze anche a livello nazionale e anche nell’ottica di definizione del sistema per elezioni subito. In particolare, stando alle ultime notizie, i tre elementi che emergerebbero dall’esito delle comunali e su cui sarebbe bene riflettere sono:

  1. prossima definizione del sistema per elezioni subito o a fine mandato, che, secondo le ultime notizie, potrebbe essere per l'ennesima volta cambiato cercando una base su un impianto maggioritario simile a quello delle elezioni comunali visto che è andato bene sia al centrodestra che al centro-sinistra e che rappresenterebbe un vantaggio per le novità per pensioni per la governabilità che assicurerebbe che permetterebbe di portare avanti gli importanti provvedimenti al momento bloccati;
  2. l’esito delle elezioni comunali potrebbe spingere al ritorno delle alleanze tradizionali tra la maggioranza attuale e gli scissionisti e nel centro destra tra Schieramento del Cavaliere e Carroccio, con le due forze di Carroccio e Movimento democratico progressista che potrebbero dare un forte impulso alle novità per le pensioni, considerando la loro posizione decisamente favorevole a modifiche dell’attuale sistema;
  3. la pesante sconfitta dei pentastellati potrebbe non essere così positiva per le novità per le pensioni viste le loro idee anche se si tratta di un esito comunque da prendere con le pinze in quanto il risultato rappresenta sempre una indicazione locale mentre le elezioni nazionali sono, chiaramente, differenti.

Scenari possibili e impatto su novità per le pensioni

Se, all’indomani delle ultime notizie sull’esito delle elezioni comunali, si andasse davvero incontro allo scenario di scontro alle prossime urne tra centrodestra e centrosinistra, con un ruolo ancora incerto dei pentasetllati, al di là della ipotesi di riunione delle forze più piccole di centrosinistra, come Sinistra Italiana, Campo progressista, Movimento progressista democratico, pensata nei giorni scorsi per superare il problema della soglia al 5%, stando a quanto previsto dal sistema teutonico, si potrebbe tornare a ipotizzare una riunione tra attuale maggioranza e forze più piccole degli scissionistici che, come confermano le ultime notizie, sarebbe positiva per il rilancio delle profonde novità per le pensioni, considerando la convergenza di tutti su:

  1. su novità per le pensioni di quota 100;
  2. novità per le pensioni di revisione del sistema delle probabilità di vita;
  3. introduzione dell’assegno universale come misura di sostegno.

D’altro canto, ci sarebbe un grande ritorno anche del centrodestra ricompattato che con il Carroccio sarebbe decisamente favorevole per un concreto rilancio delle importanti novità per le pensioni. Da sempre, infatti, il Carroccio punta ad una totale revisione dell’attuale sistema, spingendo soprattutto su novità per le pensioni di quota 100, di cui è stato tra l’altro fautore di una proposta alternativa a quella presentata dal presidente del Comitato ristretto per le novità per le pensioni, ma anche novità per le pensioni di quota 41 per tutti senza alcun onere. E a questa disponibilità di cambiamento si affiancano le idee di novità per le pensioni del Cavaliere che puntano, secondo le ultime notizie, soprattutto ad:

  1. aumento delle pensioni inferiori fino a mille euro per tutti;
  2. introduzione dell’assegno universale collegato alla ricerca attiva di un nuovo impiego o alla frequentazione di corsi di formazione o di specializzazione volti all’inserimento nel mondo occupazionale ma fino ad una certa età per poi trasformarsi in una sorta di scivolo di accompagnamento alla pensione per chi è in età più avanzata.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il
Puoi Approfondire