Pensioni ultime notizie su quota 100, mini pensioni, quota 41 da Giarda, Cartabellotta, Perotti

Le recenti posizioni di Cartabellotta, Perotti e Giarda su mancata revisione della spesa pubblica e conseguenze per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie su quota 100, mi

pensioni novità ultime affermazioni perotti



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:01): Ennesimi ed inediti sprechi sono stati trovati dall'esperto Cartabellotta e sono di tanti miliardi mai individuati che si sommano a quelli Giarda e Cottarelli. E Sono anche gli sprechi a rappresentare un freno all'introduzione di novità per le pensioni. Quello che emerge chiaro è l'inarrestabilità di questo processo, considerando che stiano continuano i casi nelle ultime notizie e ultimissime senza che si ponga una serio argine.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:33): Si moltiplicano gli sprechi e ora se ne trovano pure di inediti da miliardi, ed è inevitabile che per le novità per le pensioni si registra lo stop. Non solo, quindi, non riescono a far decollare ulteriori iniziative nelle ultime notizie e ultimissime, ma  vengono limiti i soldi disponibili o sono assenti per l'argomento.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:15): Ancora qualche decina di miliardi sprecata appena scovata e nel frattempo le novità per le pensioni nonostante le tante affermazioni rimangono ferme. Ed è quello della difficoltà a disporre di un budget collettivo adeguato, aggravato adesso nelle ultime notizie e ultimissime dai problemi reiterati a non riuscire a ridurre come si dovrebbe gli sprechi.

Il problema della mancata revisione della spesa pubblica diventa sempre più impellente da risolvere: mentre, infatti, si continua ad avere necessità di soldi da investire per l’attuazione di iniziative urgenti, molte delle quali bloccati per mancanza di denaro, proprio come le profonde novità per le pensioni di quota 100 e novità per le pensioni di quota 41 per tutti senza oneri, si continuano, d’altro canto, a sprecare miliardi in provvedimenti che puntualmente si rivelano inutili o nulli. Ne è un esempio la norma per l’occupazione introdotta dal precedente esecutivo e che l’occupazione non è poi riuscita a rilanciare in maniera esemplare; ne sono un esempi gli sprechi nella sanità e nel comparto pubblico.

Ma la stessa revisione della spesa pubblica è da anni al centro di discussioni ma anche di passi indietro da parte di quelli stessi commissari che di volta in volta ne sono stati incaricati ma il cui lavoro è sempre stato bloccato. Eppure attuarle, anche in riferimento a revisioni di alcune tipologie di pensioni stesse, come pensioni di invalidità, di guerra, baby pensioni, sarebbe importante proprio per recuperare milioni o miliardi di euro sempre più importanti per l’attuazione di successivi provvedimenti positivi per tutti, profonde novità per le pensioni comprese.

Le recenti affermazioni di Cartabellotta e impatto su novità per le pensioni

A confermare sprechi miliardari crescenti Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, che ha reso noti gli ultimi dati relativi agli sprechi del mondo sanitario, comparto nel quale, secondo le ultime notizie, ogni 10 euro spesi se ne potrebbero risparmiare 2, per un totale di 22 miliardi e mezzo su una spesa di 112,5 miliardi che è stata registrata lo scorso anno. Secondo Cartabellotta, infatti, ridurre gli sprechi nella sanità si potrebbe tranquillamente  Si potrebbe, infatti, intervenire su determinati capitoli, come revisione e taglio delle prestazioni inutili, estensione dei costi standard negli acquisti, miglioramento dell’organizzazione per la prevenzione. Ma si tratta di interventi che consapevolmente si potrebbero attuare, in modo da recuperare risorse economiche da redistribuire poi in maniera equa, anche per quanto riguarda le novità per le pensioni per tutti, ma che continuano a non essere fatti.

Le ultime affermazioni di Perotti e conseguenze per novità per le pensioni

Roberto Perotti è tra quei commissario incaricati della revisione della spesa pubblica che ad un certo punto, come confermano le ultime notizie, ha deciso di lasciare il suo incarico perchè, come da lui stesso affermato, a causa di decisioni istituzionali, i piani di tagli da lui proposti non sono stati attuati nè c'era l'intenzione di farlo, per cui sarebbe risultato inutile continuare a rivestire una posizione che non avrebbe consentito di far nulla realmente.

Una posizione decisamente scomoda, come quella di altri commissari incaricati di rivedere la spesa pubblica, che finora non ha effettivamente portato a nulla, perchè gli sprechi, nonostante le tante chiacchiere, non sono stati ridotti, basti pensare ai soldi che si spendono ancor per le partecipate, per le province, ai tanti bonus frantumati, e non solo, e, infatti, non ci sono soldi ancora per attuare quegli importanti provvedimenti, come le novità per le pensioni di quota 100 e di quota 41 per tutti senza alcun onere, che permetterebbero in maniera reale di rilanciare una nuova crescita economica nel nostro Paese.   

Le recenti posizioni di Giarda e conseguenze per novità per le pensioni

Anche per l'economista, Piero Giarda, la mancata attuazione di un piano concreto di revisione della spesa pubblica priverebbe letteralmente lo Stato di risparmi miliardi che non solo, come riportano le ultime notizie, potrebbero essere impiegati finalmente per l’attuazione delle profonde novità per le pensioni di quota 100 e di quota 41 per tutti senza oneri ma non solo. Piuttosto, dunque, che continuare a sprecare soldi o investire quelli disponibili in provvedimenti che sono sempre sperimentali, per pochi e, come dimostrato a misure come la novità per le pensioni con la staffetta, inutili, sarebbe meglio ripensare tanto ad un concreto piano di tagli quanto ad un nuovo piano di investimenti importanti per tutti e che possano finalmente favorire tutti, senza continuare a creare privilegi e differenziazioni che, invece, secondo le intenzioni, si vorrebbero cancellare.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il