Prove Invalsi esami terza media giovedì 15 Giugno 2017. Preparazione test e risultati aggiornamenti in tempo reale

Sono tante le indicazioni utili e le informazioni sulle prove Invalsi 2017 per la terza media fornite dal web per la preparazione per conoscere i risultati.

Prove Invalsi esami terza media giovedì

Test Invalsi 2017: aggiornamenti matematica italiano



Siamo a due giorni dalle prove Invalsi 2017 di matematica e italiano per gli alunni della terza media ovvero dell'ultimo anno della Scuola secondaria di primo grado. Giovedì 15 giugno 2017 è l'appuntamento comune per tutte le scuole italiane. Appena saranno disponibili, anche noi di businessonline.it, oltre alle piattaforme specializzate nel mondo scolastico, pubblicheremo tutte le domande e le risposte della prova Invalsi 2017 ovvero aggiornamenti in tempo reale. La soluzione dei quesiti di matematica non richiede calcoli complessi e gravosi. Tuttavia alcuni strumenti possono agevolare gli allievi nell'individuazione della risposta corretta. Più specificatamente

  1. è necessario il righello graduato
  2. è fortemente consigliata la squadra
  3. sono consentiti goniometro compasso

Prove Invalsi 2017: i migliori siti per la preparazione ai test

Utili indicazioni e informazioni sulle prove Invalsi 2017 per gli alunni della terza media ovvero dell'ultimo anno della Scuola secondaria di primo grado arrivano dai portali orizzontescuola.it, studenti.it e scuolazoo.com, esclusivamente dedicati al mondo della scuola. Un ampio speciale sulle prove Invalsi con tanti di consigli e suggerimenti utili è presente sul sito skuola.net, tra i più consultati in ambito scolastico. Le prove non si pongono in antitesi con la valutazione formativa e sommativa quotidianamente realizzata all'interno delle scuole, ma rappresentano un punto di riferimento esterno per integrare gli elementi di valutazione esistenti.

Nonostante i limiti delle prove standardizzate, queste offrono la comparabilità dei risultati conseguiti dagli alunni e dalle scuole. Tuttavia è fondamentale che le prove Invalsi tengano in considerazione le condizioni e le caratteristiche degli studenti oggetto di analisi periodica, puntando a fornire anche valutazioni di valore aggiunto. Ecco poi il sito ufficiale dell'Istituto nazionale per la valutazione del sistema dell'istruzione, l'ente che predispone le prove per la verifica delle competenze, i cui contenuti non vanno ovviamente trascurati dagli studenti. Altro materiale per esercitarsi in vista del test è presente sul sito Engheben, arricchito tutti gli anni con nuovo materiale su cui esercitarsi.

In questo caso non c'è bisogno di caricare il test, stamparlo e modificarlo, ma basterà rispondere online alle domande e vedere la correzione subito dopo aver finito la prova. Nel complesso il percorso di produzione di una prova Invalsi per la terza media dura dai due ai tre anni e inizia con la produzione delle domande da parte degli autori. Questi sono tutti insegnanti o dirigenti del sistema nazionale di istruzione. La formulazione delle domande avviene sia individualmente che in gruppi di autori. Nel processo di formulazione gli autori sono affiancati da esperti e per gli autori vengono organizzati periodicamente seminari di formazione.

Con le domande prodotte dagli autori vengono preparati i fascicoli per il pretest. Le prove da pretestare sono assemblate da gruppi di lavoro, uno per ogni livello testato, composti da insegnanti, dirigenti, ricercatori, esperti Invalsi. I gruppi di lavoro procedono anche alla revisione linguistica e alla sistemazione grafica. Vengono pretestati diversi fascicoli per ogni livello. Il pretest è un elemento fondamentale della preparazione delle prove. Per ogni livello viene individuato un campione rappresentativo di studenti a cui vengono somministrati i diversi fascicoli che possono anche contenere varianti di formulazione della stessa domanda. I pretest vengono somministrati da operatori dell'Invalsi, nelle stesse condizioni previste per la prova. I fascicoli compilati vengono raccolti e codificati.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il