Maturità 2017 prima prova: tracce e titoli. Quali titoli potrebbero uscire?

Al via la maturità 2017. Un rito che tutti affrontano una volta nella vita. La maturità è il primo banco di prova nel quale bisogna lottare da soli tra paure, emozioni e speranze per il futuro

Maturità 2017 prima prova: tracce e tito

Quali saranno le tracce, quali i titoli della prima prova? Gli studenti entrano in clima Maturità 2017



Non serve scomodare Venditti con la sua celebre hit. Eppure non c’è niente di meglio di quella celebre canzone, “Notte prima degli esami” per spiegare lo stato d’animo con il quale centinaia di migliaia di studenti in tutta Italia si apprestano a vivere i giorni che separano delle prove per l’esame di maturità 2017.

Sarà un caso ma proprio in questo periodo è frequente ascoltare la celebre melodia risuonare lontana da ogni finestra che nasconde un ragazzo o una ragazza intenti a studiare. La maturità. Un rito a cui tutti, ma proprio tutti, si sono sottoposti nella vita. La maturità è il primo banco di prova nel quale ci si ritrova da soli a combattere tra paure, emozioni e speranze per il futuro. Una lotta che agita la parte più intima e nascosta.

Un’avvisaglia concreta, che sarà seguita da tantissime altre prove anche più complesse, di come qualcosa stia cambiando. Per sempre. La chiamano maturità ma è la porta di accesso al mondo degli adulti. La chiamano maturità ma è il discrimine tra quello che è stato fino ad ora e quello, tutto da costruire, che sarà. La chiamano maturità ma è il trampolino di lancio verso l’infinito delle proprie ambizioni. Sogni, speranze, progetti, energia e luce saranno di stanza davanti agli occhi di questi giovani pronti ad incontrare la proiezione di sé nel futuro.

Intanto, però c’è da portare a termine l’ultima missione potendo contare su un alleato celeste visto che la prima prova è stata fissata per mercoledì 21 giugno, San Luigi Gonzaga. Quel San Luigi che, da protettore dei ragazzi e degli studenti, butterà sicuramente un occhio per i nuovi “maturandi”. Che condividono con i predecessori la stessa, unica, adrenalinica, condizione. Quella della notte prima degli esami. E allora via con le paure. Le elucubrazioni su tracce e titoli. Le disperate ricerche su quali i titoli che potrebbero uscire. Sensazioni uniche.

Prima prova maturità 2017 tracce e titoli

La prima prova della maturità 2017 si svolgerà mercoledì 21 giugno. La prima prova, trattandosi in sostanza della prova di italiano, sarà uguale per tutti i maturandi indipendentemente dall'indirizzo di studio.

Bisognerà scegliere tra le diverse tracce proposte dal Ministero, da svolgere in un massimo di sei ore con il solo aiuto del vocabolario d’italiano. Bisognerà leggere i titoli ed eseguire il lavoro tenendo fede alla richiesta. Sono quattro le opzioni generali tra le quali bisognerà individuare quella più vicina alle proprie inclinazioni e in base alla preparazione personale sugli argomenti. Ecco di cosa stiamo parlando:

  1. Opzione A: analisi del testo: il Miur propone un brano di prosa o una poesia di un autore italiano che il maturando dovrà analizzare.
  2. Opzione B: saggio breve o articolo di giornale. Questa tipologia presenta a sua volta quattro sotto-temi visto che gli argomenti possono suddividersi nelle categorie di ambito storico-politico, tecnico-scientifico, artistico-letterario e socio-economico. La scelta sarà duplice: da un lato si dovrà scegliere l’argomento di cui parlare. Dall’altro bisogna decidere anche lo stile da utilizzare per svilupparlo, a seconda che si tratti di un saggio breve o dell’articolo di giornale.
  3. Opzione C: tema storico: il Miur indicherà un argomento di carattere storico sul quale scrivere il tuo tema, affiancato dalla documentazione necessaria per svilupparlo.
  4. Opzione D: tema di attualità : è il classico tema d’ordine generale. Il Ministero fornisce l’argomento da affrontare e, in alcuni casi, anche citazioni o documenti a cui fare riferimento.

Maturità 2017 quali titoli potrebbero uscire

Questi giorni di vigilia, sempre per continuare nel solco della tradizione, di grande pathos e fibrillazioni per chi deve sostenere la Maturità 2017. Ore cruciali nelle quali, accanto allo studio matto e disperatissimo di leopardiana memoria la modernità mette a disposizione anche diversi strumenti in grado di solleticare l’attenzione degli studenti. Che non risparmieranno le ricerche sul web dei titoli che potrebbero uscire. Ecco che si scoprono cose davvero interessanti:

  • Per l’analisi del testo sono in pochi a credere che la maturità 2017 sarà la ‘prima’ per un’autrice donna. La possibilità di doversi cimentare con uno scritto di Grazia Deledda raggiunge appena l’un per cento di preferenze. Leggermente maggiore il gradimento per Alda Merini con il 2%, ex aequo come Elsa Morante. Peggio di loro solo Cesare Pavese che non superare neanche quota 1%. Tra i meno quotati anche Salvatore Quasimodo, Umberto Eco e Umberto Saba.
  • Sul saggio breve o l’articolo di giornale ci si potrebbe aspettare un titolo sul terrorismo, ormai una realtà entrata prepotentemente nelle vite di tutti a forza di attentati, morti e stragi. Molte sono state le proposte e le discussioni a questo proposito. Ad esso è collegata anche la politica particolarmente xenofoba di Trump.
  • Il tema storico potrebbe invece vertere proprio sulla crisi economica globale. Un’eventuale traccia potrebbe richiedere ai maturandi di parlare prima della crisi economica italiana ricollegandola poi alla crisi europea e globale e metterle a confronto con quelle di altre epoche storiche.
  • Sul tema di attualità l’immigrazione sembra godere di un certo credito anche perché consente di analizzare diversi aspetti: economico, lavorativo, quello legato alla criminalità e così via. Poche preferenze per la ‘crisi economica argomento forse abusato troppo, e per la Costituzione italiana nonostante il lungo dibattito che ha accompagnato il referendum dello scorso dicembre. Ancora meno appeal avrebbe un tema sul premio Nobel assegnato a Bob Dylan.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il