Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 bloccato tutto da tre positivi elementi

Il rischio di andare a elezioni, subito o meno che siano, senza che si faccia alcunché di importante sulle novità per le pensioni è concreto e le ultime notizie pensioni lo dimostrano.

 Pensioni ultime notizie quota 100, mini

Pensioni, ultime notizie pensioni, elementi positivi bloccano



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:47): Diventa un evidente paradosso se le novità per le pensioni vengono bloccate da tre elementi di segno positivo. Capita perché la situazione confusa si trascina da troppo tempo nelle ultime notizie e ultimissime e anche le cose più ovvie possono diventare punti a sfavore.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:01): E così tre elementi positivi che dovrebbe facilitare le novità per le pensioni diventano un pretesto nelle ultime notizie e ultimissime per non fare nulla, una scusa che dovremo pagare cara

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): Può sembrare strano ma tre elementi positivi bloccano le novità per le pensioni. In realtà è perchè si vogliono, come sempre, cogliere solo questi aspetti nelle ultime notizie e ultimissime e fare finta che siano sufficienti.

Stiamo attraversando un periodo di alti e bassi, tra spiragli di ottimismo e picchi di pessimismo, accelerazioni su alcune delle questioni più importanti per il Paese, come le novità per le pensioni, e improvvisi congelamenti di fascicoli che sembravano sul punto di vedere il traguardo. Basti pensare che solo pochissimo tempo fa, le elezioni subito con le rinnovate regole su cui le principali forze avevano raggiunto una intesa, sembravano certe e non più ineludibili. Per le novità per le pensioni si prospettava già un percorso inedito che sarebbe passato, seppur con tutte le incertezze del caso, dal cambio di guardia alla guida del Paese. Poi succede che salta l'accordo e quasi tutte le forze affermano poco credibilmente di non aver mai voluto le elezioni subito. Ma poi ci sono interventi ben poco allusivi di ex capi di Stato, turbolenza senza fine a livello comunitario, nuovi contrastanti rapporti sullo stato di salute del Paese, incluse le novità per le pensioni, che rendono decisamente ingarbugliato il quadro attuale, caratterizzato da troppi alti e bassi e da un'assenza di stabilità, anche emotiva.

Tre elementi positivi bloccano tutto, anche le novità per le pensioni

A differenza di quanto visto in tempi recenti, spuntano però tre elementi positivi che paradossalmente bloccano tutto, anche e soprattutto in relazione alle novità per le pensioni. Un po' a sorpresa, considerando il pregresso e con differenti report alla mano

  1. la Comunità si sta mostrando più favorevole a lasciarsi spazio sui conti, aprendo così prospettive inedite per le novità per le pensioni, continuamente sacrificate sull'altare dell'equilibrio complessivo;
  2. la stessa Comunità è più propensa a dare spazio spazio sulle regole e anche questo è un punto a favore per le novità per le pensioni, anche se saranno comunque vincolate ai concetti di sostenibilità e di effettivi benefici sul parallelo versante occupazionale;
  3. si registra un leggero miglioramento del Prodotto interno lordo, non tale da consentire stravolgimenti e rivoluzioni per le novità per le pensioni, ma sufficienti per immaginare un percorso inedito rispetto a quanto visto finora.

Alla luce dei comportamenti è però evidente come questi nuovi elementi siano però stati poco sfruttati dall'esecutivo, almeno sulle novità per le pensioni. Perché nella trattazione di altre questioni chiave, ha invece dimostrato una migliore capacità negoziale con la Comunità ovvero è stato in grado di cogliere le opportunità che si sono presentate. Ben diverso è invece il caso delle novità per le pensioni, rispetto a cui i segnali positivi non sono stati affatto colti, quasi a voler significare come non ci sia più niente da dire e da aggiungere.

Prospettive della legislatura per le novità per le pensioni

Il rischio di andare a fine legislatura senza che si faccia alcunché di realmente importante sulle novità per le pensioni è allora concreto e la possibilità che non si faccia nulla di veramente importante sono reali. Anche perché i dati sono piuttosto ondivaghi e la stessa Comunità pretende risposte chiare. Se non le otterrà dopo le elezioni, subito o meno che siano, non potranno che presentarsi problemi. Ma in realtà sono ancora tante e di una certa rilevanza le questioni aperte in questa legislatura dai vari esecutivi e che sono in attesa di risposte, come

  1. l'allargamento della platea dei potenziali beneficiari delle mini pensioni con o senza oneri, considerate la principale novità per le pensioni dell'anno e ancora impantanate;
  2. la revisione delle probabilità di vita che impattano con forza sull'età della pensione ovvero sul momento in cui è possibile fare un passo indietro dalla propria attività;
  3. l'introduzione dell'assegno universale come prossima novità per le pensioni, in una delle tante versioni proposte dalle differenti forze ma non ancora concretizzata;
  4. l'applicazione di quota 41 senza penalità e limitazioni per chi ha iniziato la propria carriera professionale sin da giovanissimo in quanto le regole previste sono ritenute solo parziali.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il