Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 elezioni subito alternativa sempre valida

Ci sono ragioni ben precise a sostegno dell'eventualità delle elezioni subito, utili anche per le novità per le pensioni, ma le prospettive nelle ultime notizie pensioni restano incerte.

Pensioni ultime notizie quota 100, mini

Pensioni ultime notizie e novità elezioni subito



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:04): Non è una alternativa tramontata completamente quella delle elezioni subito ed è già fissato un appuntamento per stabilire se si potranno fare, come e quando nelle ultime notizie e ultimissime, guarda caso dopo il turno finale delle elezioni comunali

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:01): Tra le oppurtunità rimangono anche le elezioni subito per le novità per le pensioni non sono affatto state cancellate del tutto nelle ultime notizie e ultimissime e a breve vi saranno alcuni elementi che permetteranno di saperne di più

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): Rimangono ancora fattibili le elezioni subito e rimangono possibili con le novità per le pensioni che potrebbero portare per almeno due elementi nelle ultime notizie e ultimissime uno già istituzionalizzato l'altro logicamente comprensibile.

Anche noi lo ripetiamo da tempo: nonostante gli accordi siano saltati, l'ipotesi di elezioni subito continuano ad animare le fantasie di molti leader delle differenti forze. E le regioni sono in fin dei conti le stesse che circolavano prima ancora che l'intesa venisse mandata in frantumi. Dal punto di vista delle novità per le pensioni, è proprio questo uno scenario che viene visto con maggior favore perché in qualche modo significherebbe ricominciare tutto da capo ovvero uscire dalle secche in cui si è impantanata questa maggioranza. In fin dei conti non si registrano progressi né in riferimento alle tante questioni aperte, inspiegabilmente arenate in barba alle tante promesse. E né a quel momento successivo che avrebbe dovuto valutare l'opportunità di prevedere ulteriori novità per le pensioni. Anche in questo caso e altrettanto inspiegabilmente, il percorso avviato e sbandierato come fondamentale ha subito una battuta d'arresto. E il rischio, tutt'altro che remoto, è che si decida di mettere una pietra sopra. Ecco perché sono in tanti a invocare elezioni subito come una sorta di inizio.

Elezioni subito non sono tramontate e incidenza sulle novità per le pensioni

Le ipotesi delle elezioni subito non sono dunque tramontate e ci sono ragioni ben precise a sostegno di questa eventualità, nonostante la parziale smentita di parte degli esponenti di punta delle principali forze:

  1. è stato fissato nel calendario un incontro tra le parti in cui si verificherà con maggiore contezza l'effettiva possibilità di elezioni subito che, come evidenziato, rappresenterebbero una boccata di ossigeno per le novità per le pensioni;
  2. le trattative, anche sottotraccia, vanno avanti e al di là di cosa è più opportuno per il Paese, anche in relazione alle novità per le pensioni, le differenti forze stanno cercando di capire quale sia la strada più conveniente per la personale posizione;
  3. le elezioni comunali hanno fornito indicazioni molto importanti, ma c'è ancora il turno di ballottaggi da affrontare e verosimilmente solo dopo questo appuntamento verrà presa una decisione pressoché definitiva sull'ipotesi di elezioni subito.

Cosa potrebbe succedere senza e con elezioni subito per le novità per le pensioni

Che la fase attuale sia delicata è evidente e che le elezioni subito siano fondamentale è chiaro perché significherebbe affrontare il delicato appuntamento con le decisioni autunnali con un esecutivo più forte rispetto a quello attuale e così aprire nuove prospettive per le novità per le pensioni. Certo, prima di parlare di elezioni subito è necessario che l'esecutivo armonizzi le regole, magari via decreto. E per le novità per le pensioni si tratterebbe di una strada interessante. Ma come metterla con le incognite legate alla formazione di una maggioranza solida e con le resistenze manifestate dal capo dello Stato? Insomma, anche volendo, la strada delle elezioni subito non è lineare e presenta ostacoli di differente natura. Tra le differenti forze

  1. il Cavaliere e il Carroccio nutrono un moderato ottimismo, con il secondo che prova un sorpasso da giocare poi sul piano nazionale, ricordando come si presentano alleati a livello locale e che sulle novità per le pensioni non si registra una piena convergenza,
  2. essendo il Cavaliere favorevole in prima battuta a innalzare le pensioni inferiori mentre il Carroccio punta a una riscrittura completa delle norme;
  3. nella principale forza della maggioranza, propensa a proporre variazioni al tema delle novità per le pensioni rispetto a quanto fatto finora ovvero al progetto sulle mini pensioni, con o senza oneri, e quota 41, non si respira aria di entusiasmo, anche tenendo conto del risultato del primo turno delle elezioni comunali;
  4. tra i pentastellati, contrari alle alleanze e da sempre favorevoli all'assegno universale come principale novità per le pensioni, circola un po' di preoccupazione perché a livello locale non hanno la stessa forza che dimostrano sul piano nazionale e temono un effetto contagio;
  5. c'è una sinistra che tenta di riorganizzarsi, incluso il Movimento democratico e progressista, da sempre favorevole a vere novità per le pensioni.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il
Puoi Approfondire