Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 Gutgeld, Cipoletta, Casero

Si discute di revisione della spesa, di tagli agli sprechi e di come legarli alle novità per le pensioni ben sapendo che nelle ultime notizie pensioni emergono aspetti insopprimibili.

 Pensioni ultime notizie quota 100, mini

Pensioni ultime notizie e novità affermazioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:10): Lasciano perplessi sia le affermazioni che i dati sulla revisione della spesa che avremmo fatto meglio di tutti gli altri, elemento che sarebber favorevole per le novità per pensioni, quando finora si è affermato ma anche dimostrato con i fatti nelle ultime notizie e notizie continue scoperte di sprechi e di malagestione

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:30): Se c'è qualcuno che afferma che nella revisione delle spesa abbiamo fatto meglio, è perchè si vuole cercare e sottolineare solo un lato positivo, anche quando questo è davvero piccolo per cercare di giustificare questa stasi per le novità per le pensioni e tutto. Anche eprchè tanti altri nelle ultime notizie e ultimissime affermano esattamente il contrario.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:45):  E si viene a sapere che per la revisione della spesa siamo tra i più positivi, un fatto che lascia basiti, anche perchè tante volte visto che le novità per le pensioni ne sono collegate almeno a doppio filo abbiamo illustrato nelle ultime notizie e ultimissime come gli sprechi siano sempre presenti e tanto.

Si torna a parlare di gestione della spesa pubblica e di come legarla alle novità per le pensioni e, come vedremo dalle posizioni approfondite, non c'è uniformità di vedute. Restano però alcune evidenze nelle ultime notizie pensioni da cui non si scappa e da tenere in considerazione nell'ipotesi di interventi ulteriori: l'incidenza sul totale del budget complessivo della spesa per pensioni resta nel nostro Paese tra i più alti a livello comunitario e il percorso intrapreso, tra eccessive rigidità e poche vere novità per le pensioni a favore dei destinatari, ha prodotto solo in parte risultati interessanti in termini di sostenibilità.

Le ultime posizioni di Innocenzo Cipolletta e conseguenze per novità per le pensioni

Non tutti sono così critici sulla gestione della spesa pubblica, novità per le pensioni o meno. Un po' a sorpresa perché le sue valutazioni vanno in contrasto con la quasi totalità di ricerche e analisi, per Innocenzo Cipolletta, numero uno di Assonime, sodalizio fra le società nazionali per azioni, la valutazione è positiva ovvero virtuosa. Ma non si può fare a meno di ricordare che la spesa per pensioni mostra un andamento sostanzialmente crescente in tutto il periodo considerato e solo in parte iniziano a vedersi i risultati dei cambiamenti introdotti negli ultimi anni in termini di novità per le pensioni. Non solo, ma il deficit continua a essere eccessivo, anche senza considerar le novità per le pensioni e senza considerare l'impatto eccessivo che questo capitolo di spesa ha sul budget nel suo complesso. E poi la revisione della spesa nel nostro Paese è stata solo parziale, ha solo sfiorato le novità per le pensioni nonostante i tanti commissari che hanno gestito l'operazione ne hanno chiesto un intervento più deciso.

Le recenti posizioni di Yoram Gutgeld e impatto su novità per le pensioni

A chiedere da tempo la revisione della spesa, con particolare riferimento alle novità per le pensioni c'è anche Yoram Gutgeld. Anzi, ne era stato ufficialmente incaricato dall'ex capo della maggioranza. Il punto è che nonostante il gran parlare che se n'è fatto, poco è stato raccolto. Le coordinate individuate erano state chiare: rivedere le pensioni, contrastare le truffe, tagliare i rami secchi, rimodulare le pensioni per vedove e figli. Insomma, un progetto ragionevole sulle novità per le pensioni e per certi versi anche ambizioso, ma che non hai avuto un grande seguito. E infatti non stanno mancando le accuse, non necessariamente da parte di esponenti istituzionali, che gli puntano il dito contro accusandolo di aver fatto tanti proclami ma poche azioni concrete. Non solo, ma se da una parte l'esecutivo taglia - è un'altra delle contestazioni mosse a uno dei più ascoltati dall'ex capo della maggioranza - dall'altra spende ancora di più, allungando così la lista degli sprechi.

Le ultime affermazioni di Luigi Casero e impatto su novità per le pensioni

C'è sempre il problema di mantenere i conti in equilibrio e naturalmente continua a essere proprio questa la chimera inseguita dal Tesoro e a ispirare le sue scelte. Anche e soprattutto quando si parla di novità per le pensioni, una delle voci di spesa più dispendiosa. Non stupiscono allora le ultime affermazioni del viceministro Luigi Casero sull'importanza di effettuare tagli ragionati e attenti su tutti i livello. Il punto è che nelle decisioni economiche dei vari esecutivi che si sono succeduti alla guida del Paese e in cui aveva avuto voce in capitolo, aveva parlato di 25-30 miliardi di euro di sforbiciate, anche in relazione alle novità per le pensioni. Ma il bottino portato a casa è stato piuttosto magro. E i quadro non sembra cambiare più di tanto in questo momento in cui è tornato a parlare di fatture elettroniche per privati. Dati alla mano forniti dallo stesso Casero, il risparmio per le casse dello Stato raggiungerebbe la soglia di 50 miliardi di euro. Parte di questa cifra potrebbe essere utilmente dirottata sulle novità per le pensioni, ma ipotesi a parte, questo schema si è arenato e non è andato avanti.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il