Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 Orfini, Bersani, Salvini

Alla ricerca delle migliori alleanze per le novità per le pensioni, ma ci sono ancora molti snodi decisivi da affrontare.

Pensioni ultime notizie quota 100, mini

Pensioni ultime notizie e novità affermazioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:30): Vi è in un corsa un continuo mutamento interno delle varie forze che potrebbe portare a sorprese per lealleanze e, quindi, per le novità per le pensioni. Nonostante la confusione e lo stallo del fare concrete nelle ultime notizie e ultimissime si stanno mettendo le basi per il futuro (che al momento è, comunque, caotico e non così positivo)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:30): Senza dubbio è proprio quella delle alleanze la strada da percorrere anche per le novità per le pensioni. Il problema è riuscire a capire quale possa rivelarsi conveniente e quale nelle ultime notizie e ultimissime è effettivamente raggiungibile. Sono tante le variabili che le forze differenti stanno tenendo in considerazione e nessuno scenario è precluso.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:45): Sono sempre di più le alleanze che si potrebbero creare e alcune per le novità per le pensioni sembrano in apparenza preferibili per quanto affermato nelle ultime notizie e ultimissime anche se il quadro resta molto dinamico

La macchina delle alleanze è ufficialmente in moto e in attesa di sapere dove condurrà, è indubbio che alcune di queste siano decisamente più convenienti di altri in termini di novità per le pensioni. Le trattative stanno andando avanti, ma sono legate a tanti altri fattori, come la scelta delle norme definitive con cui far decidere i cittadini.

Le ultime posizioni di Pier Luigi Bersani e conseguenze per novità per le pensioni

Apparentemente le possibilità di scelta di Pier Luigi Bersani, esponente di punta del Movimento Democratico e Progressista ovvero della forza nata in seguito all'uscita dal principale schieramento a sostegno della maggioranza, sono numerose. Da una parte c'è quello di un avvicinamento alla stessa maggioranza. Ma il percorso è impervio perché la frattura è recente, un'alleanza rischierebbe di non essere capita dagli elettori e dal punto di vista programmatico le distanze possono essere incolmabili, come quelle associate alle novità per le pensioni. Dall'altra c'è quella di un'alleanza con lo schieramento inedito della sinistra rinnovata. I punti in comune sono tanti e includono anche le novità per le pensioni, l'intesa andrebbe nel segno dell'ovvietà, ma quale sarebbe la reale forza in termini elettorali? Proprio questa è una delle principali incognite che renderebbe l'accordo fine a se stesso. La terza via conduce ai pentastellati e lo stesso Bersani aveva parlato di una possibile convergenza. Ma naturalmente c'è poi di cui stare certi considerando la dichiarata ritrosia degli stessi pentastellati a stringere patti pre-elettorali.

Le recenti posizioni di Matteo Orfini e impatto su novità per le pensioni

Porte aperte a inedite alleanze da parte di Matteo Orfini, esponente di punta della principale forza a sostegno della maggioranza, ma a condizioni ben precise. In prima battuta non va messa in discussione la leadership, quindi vanno accettati alcuni punti programmatici di base, tra cui potrebbe rientrare la gradualità sulle novità per le pensioni infine nessuna possibilità di stringere un patto con i transfughi. Ma non c'è dubbio che, stando così le cose, una intesa va raggiunta perché i numeri non basterebbero alla formazione di una maggioranza stabile e duratura. Resta da capire se l'opzione delle elezioni subito interessante perché potrebbe iniziare un percorso realmente inedito per le novità per le pensioni che spazzi via le incertezze di questo periodo) sia reale o rimane una possibilità definitivamente tramontata. L'ipotesi, nonostante le smentite anche dello stesso Orfini, non è del tutto da scartare, ma rimane visibile l'incertezza degli stessi schieramenti sull'utilità effettiva di percorrere questa strada. In ogni caso qualche ritocco alle norme per elezioni, subito o meno che siano, andrà fatto perché i problemi di adesso di rifletteranno in seguito con maggiore intensità.

Le ultime affermazioni di Matteo Salvini e impatto su novità per le pensioni

In maniera un po' inaspettata, per Matteo Salvino, leader del Carroccio, si aprono due strade in vista delle prossime elezioni. La prima è quella tradizionale, sicuramente più naturale, ma niente affatto scontata ed è quella che passa dall'abbraccio con il Cavaliere. Anche se su alcuni punti, come le novità per le pensioni, le posizioni non sono perfettamente convergenti, l'uno ha bisogno dell'altro, ma solo in piccole dosi. Il segretario del Carroccio vuole infatti mantenere la leadership ma se che ha bisogno del Cavaliere per raccogliere consenso uniforme in tutto il territorio nazionale. Da pare sua il Cavaliere ha bisogno del Carroccio per rafforzare le preferenze, ma nutre il timore di venire scavalcato. Per il numero uno del Carroccio si sta profilando anche un'altra strada, piuttosto a fari spenti e comunque non del tutto chiarita, ed è quella che porta ai pentastellati, che sulle novità per le pensioni mostra più punti di convergenza. L'impressione è che possa decidere di percorrere questa strada solo in caso di mancata intesa con il Cavaliere sulla base di un preciso elenco di priorità.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il