Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 Esecutivo-Alta Magistratura pesanti accuse

Corruzione devastante e mancata revisione della spesa pubblica: accuse dall’Alta Magistratura e sempre meno risorse per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie quota 100, mini

pensioni novità Alta Magistratura accusa esecutivo



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:01): Per la seconda volta a breve distanza, l'Alta Magistratura procede con rilievi pesanti sull'operato dell'esecutivo per le cose non fatte e differenti sprechi che colpiscono le novità per le pensioni (e non solo). Ma già in precedenza nelle ultime notizie e ultimissime vi erano statouna sottolineatura precisa solo sulle pensioni e i sistemi attuati che non avrebbero raggiuto gli obiettivi.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:01): Sono troppe le storture con evidenze dfferenti sulle novità per le pensioni per fare finta di nulla. La magistratura continua a segnalare casi di inefficienza e di corruzione nelle ultime notizie e ultimissime, ma le risposte non sono sempre all'altezza, anzi quasi mai da parte dell'esecutivo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 03:01): Non è la prima volta che l'esecutivo viene accusato dall'Alta Magistratura e sottolineature rilevanti vi erano state già per le novità per le pensioni insieme a differenti questioni che sono riprese nelle ultime notizie e ultimissime dallo stesso organo.

Una errata gestione dei grandi problemi che affliggono il Paese e nessuna misura effettivamente concreta di lotta al fenomeno della corruzione che, al contrario, in Italia, continua ad essere particolarmente diffuso e dilagante, al pari dell’evasione fiscale. Nonostante le misure di controllo e di contrasto a corruzione ed evasione fiscale, l’Alta Magistratura avrebbe mosso nei confronti dell’attuale esecutivo e del precedente che ha gestito il paese per diverso tempo l’accusa di non aver messo in campo misure efficaci di contrasto alla corruzione e ha sottolineato il rischio di dispersione dei fondi comunitario destinati al nostro Paese.

Le accuse dell’Alta Magistratura all’esecutivo

Stando a quanto riportano le ultime notizie, secondo l'Alta Magistratura la corruzione nel nostro Paese avrebbe raggiunto livelli devastanti e molto dipenderebbe dal sistema decisamente carente e poco funzionante dei controlli, considerati troppo scarsi e poco efficaci ad assicurare la legalità e la trasparenza. Per l'Alta Magistratura, la corruzione ha esclusivamente effetti negativi sulle risorse pubbliche perchè non porta chiaramente ad alcun contenimento della spesa e non permette di andare avanti con l'attuazione di tutti quei provvedimenti che invece sarebbero fondamentali per permettere al nostro Paese e ai suoi conti di tornare a crescere.

Secondo lo stesso presidente dell’Alta Magistratura i risparmi di spesa rappresentano un elemento cruciale nel reperimento di risorse che, però, sarebbero nulla se non impiegate in importanti misure ci sostegno degli investimenti pubblici o ulteriori interventi di rilancio dello sviluppo, tra cui proprio le novità per le pensioni. L’Alta Magistratura, infatti,non ha mai nascosto di essere nettamente favorevole all’approvazione di novità per le pensioni di revisione dell’attuale sistema che sarebbero fondamentali per un rilancio di un iter di crescita, ritenendo, tra l’altro, che le ultime novità per le pensioni approvate di mini pensione con e senza oneri e di quota 41, che però ancora devono entrare in vigore, non bastassero al raggiungimento dell’obiettivo appena spiegato.

Le ultime notizie sulla devastante corruzione nel nostro Paese sottolineate dall'Alta Magistratura non rappresentano, però, proprio del tutto una novità. E' da tempo, infatti, che si punta il dito contro questo negativissimo fenomeno, ma il problema è che risulterebbe essere troppo radicato e anche negli alti sistemi di gestione del nostro stesso Paese. E si tratta chiaramente di una diffusione che:

  1. limita fortemente l'efficienza della qualità dei servizi;
  2. rappresenta uno dei motivi degli aumenti delle imposte;
  3. scoraggia gli investimenti;
  4. aumenta indigenza e discriminazioni.

La stessa Magistratura, se da un lato, considera positivi alcune importanti misure messe in campo come l’introduzione nell’Ordinamento giuridico dell’Autoriciclaggio e il nuovo codice degli appalti pubblici, dall’altra, continua comunque a parlare di corruzione come della grande tragedia del nostro Paese. Da alcune stime effettuate, è stato calcolato che dalla lotta alla corruzione e all’evasione fiscale si potrebbero recuperare oltre 100 miliardi di euro. Una cifra che parla da sé, che permetterebbe di risolvere tutti i problemi del nostro Paese e, al tempo steso, di attuare tutte le iniziative pur costose, come le novità per le pensioni, ma importanti per il rilancio dello sviluppo interno del nostro Paese.

Non solo corruzione: nel mirino dell'Alta Magistratura anche revisione della spesa e fondi comunitari

Sotto la lente di ingrandimento dell'Alta Magistratura anche la mancanza revisione della spesa pubblica che, stando a quanto riportano le ultime notizie, non avrebbe chiaramente prodotto alcun risparmio, nonostante alcuni dicano che si sono registrati miliardi di euro di risparmi. E', dunque, necessario per l'Alta Magistratura che finalmente si concretizzino le misure di riduzione e tagli di spesa pubblica e sprechi. Ma non solo: particolare attenzione, sempre secondo l'Alta Magistratura, dovrebbe essere prestata all'impiego dei fondi comunitari che vengono destinati al nostro Paese.

L’Alta Magistratura, come confermano le ultime notizie, ha anche sottolineato il rischio di dispersione dei finanziamenti comunitari, soprattutto considerando che le stesse ultime notizie parlano di un uso scorretto dei fondi strutturali in più dell'80% dei casi solo nel 2015. Eppure, il ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno ha parlato di ultime notizie sulla dispersione dei fondi comunitari del tutto infondate. Probabilmente, come già analizzato in altre circostanze, anche per quanto riguarda la lotta alla corruzione così come la revisione della spesa pubblica, ciò che non permette di raggiungere gli obiettivi che si dovrebbero è ancora una volta la mancanza di competenza e professionalità da parte di chi dovrebbe effettivamente occuparsi di portare a compimento tali provvedimenti. Le intenzioni, infatti, sono sempre positive, si parla sempre di controlli capillari e novità contro corruzione ed evasione fiscale, così come si parla sempre di necessità di tagli di sprechi e spesa pubblica superflua, eppure da anni si parla e basta, senza mai arrivare ad alcun risultato concreto, come dimostrano le ennesime ultime notizie.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il