Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 manifestazioni non determinano nessuna certezza

L'eccessiva prudenza dell'ex primo cittadino del capoluogo meneghino non fa bene alle novità per le pensioni e in una parte della sinistra alternativa prevalgono delusione e confusione.

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

Pensioni ultime notizie incertezza maggiore dopo manifestazioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:30): Servono unità e compattezza di vedute anche sulle novità per le pensioni per portare a casa i risultati. Si tratta di quelle componenti che stanno mancando sia alle forze alternative di sinistra e sia alla stessa maggioranza nelle ultime notizie e ultimissime. Di conseguenza è arduo in queste condizioni di delusione e poca chiarezza aspettarsi significativi migioramenti.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:30): Chi si attendeva un maggiore compattezza anche sulle novità per le pensioni da parte delle forze alternative di sinistra è rimasto deluso. Perché dalle posizioni espresse sul palco sono emerse le differenze rispetto alla maggioranza, ma anche la volontà più o meno espressa nelle ultime notizie e ultimissime di cercare un percorso comune e a tratti equivoco.

Nonostante le uscite pubbliche delle forze alternative di sinistra a prevalere è ancora l'incertezza. Come fanno notare molti dei presenti alle manifestazioni di piazza, se su alcune questioni, come l'esigenza di insistere con le novità per le pensioni, la posizione dell'ex primo cittadino del capoluogo meneghino che si pone da collante tra tutte le forze, è apparsa chiara, su alcuni passai cruciali la confusione è imperante. O meglio viene registrata eccessiva prudenza e tentativo di tenere aperte troppo porte. Inevitabile che per gli esponenti più radicali e con meno voglia di compromessi, sia prevalsa la delusione. Il rischio è che non venga percepita la differenza tra questo mondo e quello della maggioranza, sia in termini dell'indispensabilità di prevedere una leadership differente e sia di progetti, in cui le novità per le pensioni potrebbero finire in secondo piano. Nel capoluogo meneghino, il segretario della maggioranza ha partecipato alle manifestazioni dei circoli dove ha chiuso al dialogo con i fuoriusciti. Nella Capitale, l'ex primo cittadino del capoluogo meneghino ha lanciato con i fuoriusciti l'iniziativa delle forze alternative di sinistra per unire parte delle maggioranza e il ricco mondo che si agita sulla sua sinistra.

Posizioni a confronto e riflessi per le novità per le pensioni

La piazza arancione attacca le scelte della maggioranza, anche sulle novità per le pensioni e immagina una coalizione di centrosinistra, rifiutando la grande alleanza con il Cavaliere. I leader emergenti hanno criticato le scelte in tema occupazione volute dal segretario della maggioranza fino alle decisioni in ambito fiscale. Secondo lo stesso segretario della maggioranza il dibattito sulle alleanze addormenta i cittadini e non chiude all'eventualità di una intesa post urne con il Cavaliere. E difende quanto fatto per favorire la ripresa del nostro Paese. Le differenze sono tante e senza una reale volontà a recuperare il rapporto, sono destinate a rimanere insanabili:

  1. sulle novità per le pensioni non c'è accordo perché le forze alternative di sinistra chiedono interventi di rottura rispetto a quelli introdotti con la continuità degli ultimi esecutivi ovvero quota 41 con una serie di paletti e mini pensioni, con o senza oneri, destinati però a una platea ristretta di beneficiari;
  2. sotto il profilo fiscale l'abolizione della imposta sulla prima abitazione anche per quelle di alto valore catastale è stato un errore e parte di questa cifra poteva essere impiegata per finanziare le novità per le pensioni mentre il segretario della maggioranza crede invece che la sinistra debba mandare segnali messaggi forti e chiari di volontà di riduzione della pressione fiscale;
  3. in merito alle decisioni per rilanciare il mercato occupazione, di fatto l'altra faccia della medaglia che include anche le novità per le pensioni, per le forze alternative di sinistra manca una tutela per i ragazzi, per i dipendenti e per gli autonomi mentre il segretario della maggioranza non intende intaccare l'impianto introdotto e si rivolge a coloro che affidano alle imprese competitive la creazione di posti occupazionali buoni e duraturi;
  4. sul sistema per fare esprimere le preferenze ai cittadini, così decisive per le urne ovvero per la formazione della rappresentanza e dunque delle prospettive sulle novità per le pensioni, il dialogo resta aperto, ma mentre le forze alternative di sinistra vorrebbero favorire le coalizioni, il segretario della maggioranza è contrario se per coalizione si intende un no alla sua leadership;
  5. l'intesa più forte si registra sulle norme per la concessione della cittadinanza allargata con la maggioranza favorevole a coinvolgere minori figli di genitori
  6. stranieri a patto che frequentino le scuole nazionali da almeno 5 anni e le forze alternative di sinistra che vanno su questa linea se non addirittura con minori vincoli.

Il tutto mentre il responsabile della Giustizia lancia l'ipotesi di una consultazione interna sulla possibile intesa con il Cavaliere, scenario che non sarebbe escluso dal solo segretario della maggioranza.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il