Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 quattro prioritÓ su decisioni strategiche economiche

DisponibilitÓ economiche, decisioni economiche strategiche da definire e attese su rilancio di novitÓ per le pensioni

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

pensioni novitÓ prioritÓ decisioni economiche strategiche



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:01): Non si possono nè ritardare nè non prendere le decisioni economiche strategiche ed sarà un impegno fondamentale per l'esecutivo che dovrà decidere almeno per quattro variabili tra cui le novità per le pensioni con un atteggiamento che potrà caratterizzarsi nelle ultime notizie e ultimissime al fare lo stretto necessario o cercare di fare qualcosa di realmente rilevante

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Si va verso inesorabilmente verso le decisioni economiche più significative e tra le differenti priorità le novità per le pensioni sono in ultima posizione o quasi concentradosi nelle ultime notizie e ultimissime su differenti orientamenti

Si torna a parla delle decisioni economiche strategiche che dovranno essere definite a breve per l’avvio delle discussioni ufficiali in merito a partire da dopo l’estate e punto fondamentale da considerare e introno al quale dovranno essere definite le stesse decisioni è chiaramente la disponibilità di budget. Indipendentemente da calcoli specifici, si sa già che le risorse economiche disponibili sono decisamene inferiori alle necessità, per cui bisognerà chiaramente scegliere su quali interventi orientarsi in maniera prioritaria.

Complessivamente, stando a quanto riportano le ultime notizie, per le prossime decisioni economiche strategiche sarebbe disponibili 12 miliardi disponibili, se si bloccherà l’aumento dell’imposta sul valore aggiunto, cui potrebbero aggiungersi ulteriori 9 miliardi di euro concessi dalla Comunità. Bisogna, dunque, decidere in quali misure investire i 12 miliardi di euro al momento certamente disponibili, senza considerare eventuali altre risorse, come i miliardi dalla Comunità o eventuali risparmi da una revisione della spesa che, come confermano le ultime notizie, sembra al momento ancora molto distante.

Decisioni economiche strategiche e priorità

Mentre in quest’ultimo periodo si è tornati a parlare di novità per le pensioni, con le ultime notizie sui primi passi di nuovo avvio del momento successivo di analisi di ulteriori novità per le pensioni, e mentre si pensa ad un possibile ulteriore stanziamento di soldi per l’allargamento delle ultime novità per le pensioni approvate di mini pensione con e senza oneri e di quota 41, che ancora attendono l’avvio ufficiale considerando che mancano tutti gli atti finali, ma per cui, stando alle ultime notizie, sarebbero già arrivate diverse richieste, soprattutto per quanto riguarda la novità per le pensioni senza oneri, dovendo decidere in cosa investire i soldi disponibili per le prossime scelte economiche, è possibile che le intenzioni possano orientarsi su:

  1. piano di revisione delle imposte in generale;
  2. piano di taglio delle imposte per sostenere chi è senza attività;
  3. rinnovo degli stipendi per gli statali;
  4. eventuali novità per le pensioni, ma ancora da definire nel dettaglio.

Revisione delle imposte tra le prossime decisioni economiche strategiche

Le ultime notizie sembrano concentrarsi particolarmente sulla possibilità di investimento dei soldi in un piano di revisione delle imposte per rendere il fisco più equo. Obiettivo da alcuni dichiarato sarebbe quello di introduzione di una imposta unica con aliquota al 25%, che racchiuda tutte le nostre principali imposte, come Irpef, Ires, Iva, imposta sostitutiva sui redditi da attività finanziarie, Imu, con una ridefinizione delle modalità di finanziamento di alcuni servizi pubblici, prevedendo il servizio del tutto gratuito per la gran parte dei cittadini con eventuali costi previsti solo per coloro che vivono in condizioni più agiate. Questo piano di revisione delle imposte in generale è sostenuto da tutti coloro che ritengono sia arrivato il momento di semplificare il nostro sistema fiscale, rendendolo più trasparente per tutti.

Revisione delle imposte per sostenere chi è senza attività tra le prossime decisioni economiche strategiche

Stando, però, a quanto riportano le ultime notizie, sarebbero in tanti coloro che ultimamente si sono detti favorevoli ad un piano di taglio delle imposte per i neo assunti. Si tratta di una misura che, secondo le stime, dovrebbe costare  tra i 13 e i 15 miliardi di euro, pensata per sostenere il rilancio delle attività soprattutto per i ragazzi, ma con il grosso rischio che, esattamente come già accaduto nella precedente esperienza di tal genere, si riveli una scelta inefficace, ennesimo inutile spreco di soldi che non porterebbe alcun vantaggio né da un punto di vista di rilancio degli impieghi né da un punto di vista economico in generale. Piuttosto, come altri sostengono, sarebbe preferibile investire i soldi disponibili in quelle importanti novità per le pensioni, come quota 100 e quota 41 per tutti senza oneri, che vengono rimandate ormai da troppo tempo proprio perché considerate costose ma che richiederebbero meno risorse del piano di taglio delle imposte sull’occupazione.

Si parla, infatti, di circa 7 miliardi di euro per la quota 100 e di circa 5 miliardi di euro per la quota 41 per tutti senza alcun onere, con tutti i vantaggi che ormai ben sappiamo queste novità per le pensioni comporterebbero, a fronte di circa 15 miliardi di euro per una misura che probabilmente non porterà, ancora una volta, a nulla di positivo e concreto. Nonostante, infatti, le eventuali buone intenzioni di riduzione delle imposte per le nuove assunzioni, senza posti liberi da dover occupare resta comunque difficile rilanciare gli impieghi. Servono sistemi che prima liberino i posti e questi sistemi sarebbero proprio le novità per le pensioni di avvio di un rinnovato interscambio

Rinnovo degli stipendi del pubblico impiego tra le prossime decisioni economiche strategiche

Capitolo decisamente aperto e che dovrebbe essere chiuso, o quanto si spera, in occasione della definizione delle prossime decisioni economiche strategiche è quello riguardante lo sblocco degli stipendi dei dipendenti della pubblica amministrazione. Da oltre otto anni ormai, i salari degli statali sono fermi e da tempo si portano avanti discussioni sul loro sblocco. La soluzione che sembrava essere stata trovate prevede un aumento di 85 euro ma dopo aver effettuato una serie di conti, non ci si ritroverebbe con le risorse, considerando che solo da un punto di vista retributivo l’aumento sarebbe di 85 euro che insieme alle contribuzioni porterebbero la cifra a salire fino a 110 euro. Ed ecco che quando il provvedimento sembrava ormai quasi per esser chiuso, potrebbe arrivare l’ennesima inaspettata sorpresa negativa, che però si spera di scongiurare in vista delle prossime decisioni economiche.
 

Novità per le pensioni possibili tra le prossime decisioni economiche strategiche

Un grande punto interrogativo resta ancora sulla questione pensioni. Secondo le ultime notizie, è possibile che tra le prossime decisioni economiche strategiche figuri almeno una delle novità per le pensioni del momento successivo. Probabilmente quest’unica novità per le pensioni riguarderà le novità per le pensioni per i ragazzi e potrebbe anche arrivare la decisione di destinare ulteriori soldi alle ultime novità per le pensioni di mini pensione con e senza oneri e quota 41 ad essa collegata, considerando le diverse richieste già arrivate soprattutto per quanto riguarda la mini pensione senza oneri. Difficilmente si andrà avanti per ora con le importanti novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti che, invece, potrebbero essere rilanciate, secondo le ultime notizie, solo quando si deciderà effettivamente quando andare a prossime elezioni, per permettere alle diverse forze di recuperare consensi e voti.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il