Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 blocco priorità cittadini reali da antistorico reato

Inedita proposta di reato antistorico blocca priorità per i cittadini, novità per le pensioni comprese: ultime notizie e cosa accade

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

pensioni novità reali priorità cittadini blocco reato



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:01): La maggioranza insiste sia nel tenere ai margini le novità per le pensioni e sia nell'affrontare questioni che non sono di certo basilari per i cittadini. O almeno, non adesso in cui le urgenze sono ben altre e profondamente avvertite nelle ultime notizie e ultimissime. Inevitabile allora che si crei un solco che, a rigor di logica, sarà pagato a caro prezzo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): Sorprende allora la poca tempestività con cui sono rinviate le novità per le pensioni mentre si registra una rapidità senza precedenti nell'affrontare questioni che, come abbiamo visto da recenti rilevazioni nelle ultime notizie e ultimissime, non rientrano affatto tra le priorità dei cittadini a cui queste non interessano nulla.

L'attenzione e l’impegno che in questi ultimi giorni gli esponenti stanno particolarmente dimostrando per le discussioni sul reato antistorico contro l'apologia del fascismo sembrano rappresentare un ennesimo blocco alle discussioni sulle reali priorità per i cittadini. Per quanto importante, infatti, si tratta di una questione che non interessa particolarmente a nessuno ma che fa, al tempo stesso, perdere tempo su altre questioni più importanti, come potrebbero essere le novità per le pensioni o le altre priorità per i cittadini chiaramente emerse da diverse rilevazioni statistiche e che riguardano, per esempio:

  1. misure per la ricerca di attività;
  2. sicurezza;
  3. questione migranti;
  4. misure di sostegno per gli indigenti.

Il punto è che a fronte delle questioni appena riportate e che sono prioritarie ma che continuano ad essere messe da parte si perde tempo in altre questioni che non risultano affatto prioritarie e ci si perde in un bicchier d’acqua senza far le cose che vogliono i cittadini.

Reato antistorico e blocco di priorità come novità per le pensioni

Stando a quanto riportano le ultime notizie, le attenzioni di questi ultimissimi giorni si starebbero concentrando sulla definizione di un provvedimento per punire i comportamenti individuali apologetici, che negli ultimi tempi si sono fatti particolarmente notare sui social network. L’impegno è di contrasto a questo fenomeno con la proposta presentata dalla maggioranza con la richiesta di punire chiunque propagandi immagini o contenuti del partito fascista o nazionalsocialista tedesco. La proposta prevede la reclusione da sei mesi a due anni, con possibilità di pena aumentata di un terzo se il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici. Ciò che ci si chiede è perché continuare a impegnarsi profondamente nel portare avanti questi provvedimenti che per quanto significativi non sono certo prioritari in questo particolare momento del nostro Paese in cui sarebbe decisamente preferibile affrontare altre questioni più urgenti, come le novità per le pensioni o la questione occupazionale?

Priorità reali per i cittadini e rilancio di novità per le pensioni

Stando a quanto riportato dalle ultime notizie su recenti rilevazioni statistiche, le priorità per i cittadini sono infatti ben diverse. Tra i temi che stanno loro maggiormente a cuore ci sarebbero, infatti, l’immigrazione che rappresenterebbe un problema per il 70% delle persone comuni, temi come giustizia, costi della politica e pensioni, senza dimenticare la questione imposte. Per i cittadini sarebbe infatti:

  1. importante rivedere l’attuale sistema con novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti senza oneri;
  2. importante una riduzione delle imposte che oggi pesano fortemente sui bilanci familiari, diventando in moltissimi casi anche insostenibili;
  3. importante l’attuazione di misure che consentano un rilancio effettivo delle attività, soprattutto per i ragazzi, considerando che le ultime notizie in merito continuano ad essere decisamente allarmanti.

Il punto è che nonostante proprio in questi ultimissimi giorni si sia tornato a parlare di momento successivo di analisi di ulteriori novità per le pensioni e si aspetti l’entrata in vigore ufficiale delle ultime novità per le pensioni approvate di mini pensione con e senza oneri di quota 41, le novità per le pensioni importanti per alcuni esponenti continuano a non rappresentare una priorità per il rilancio economico del nostro Paese, anche se nei fatti si tratterebbe di una posizione che facilmente potrebbe essere smentita. Attraverso importanti novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti senza alcun onere, infatti, è possibile, come spesso ripetuto, ottenere diversi vantaggi, che sarebbero tra loro collegati e che prevederebbero:

  1. nuova spinta all’occupazione, soprattutto per i ragazzi, grazie ai prepensionamenti degli impiegati più anziani;
  2. nuova spinta alla produttività, grazie all’impiego di ragazzi che sono i più esperti conoscitori delle moderne tecnologie;
  3. nuova spinta ai consumi.

Si tratta di vantaggi correlati che, dunque, permetterebbero di avviare un nuovo ciclo economico positivo in generale. Eppure a fronte di questi vantaggi, nonostante il budget che bisognerebbe impiegare ma che, alla luce delle convenienze che ne deriverebbero, sarebbe decisamente ben speso, le stesse novità per le pensioni continuano a non essere considerate prioritarie, tanto che rappresentanti dell’esecutivo ad essere avrebbero preferito, stando alle ultime notizie, un nuovo piano di taglio delle imposte sull’occupazione proprio per rilanciare la ricerca di attività. Ma si tratta di una misura che rischia di non rivelarsi, ancora una volta, positiva, considerando che nella precedente esperienza di tal genere, dopo i primi mesi di boom di assunzioni stabili, i risultati sono stati molto deludenti, a fronte di un investimento miliardario che avrebbe potuto essere decisamente meglio investito. Ora si rischia di compiere ancora una volta lo stesso errore.  

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il