Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 una tantum proseguono sostegni (novitā,affermazioni)

Ancora investimenti per sostegni una tantum e ancora nulla per assegno universale e importanti novitā per le pensioni

Pensioni ultime notizie quota 100, mini

pensioni novitā ancora avanti sostegni una tantum



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:30): Molti sostegni in costante aumento e a pioggia senza ordine, tutto il contrario di quello che doveva essere con novità per le pensioni che sono state solo ulteriori sostegni come è stato anche ammesso nelle ultime notizie e ultimissime da differenti esponenti. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:01): Se le scelte degli ultimi esecutivi sono state fallimentari sulle novità per le pensioni è anche per il frazionamento dell'impianto che ha ha creato. In un momento in cui serviva più semplicità e disposizioni eque e universali nelle ultime notizie e ultimissime, ecco che le agevolazioni non hanno fatto altro che acuire le differenze.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): Continua a mancare un disegno universale anche sulle novità per le pensioni. Uno di quelli in grado di abbracciare tutte le esigenze, ma allo stesso tempo di prevedere sane distinzioni tra categorie ovvero tra chi ha bisogno di più e chi di meno. L'attività dell'esecutivo è invece andata nelle ultime notizie e ultimissime in una direzione completamente opposta e senza troppe distinzioni.

L’Italia il Paese dei sostegni una tantum: mentre la Comunità invita da tempo il nostro Paese ad introdurre l’assegno universale unico, soprattutto per adeguamento al modello comunitario, considerando che si tratta di una misura di sostegno già in vigore in quasi tutti gli altri Paesi comunitari ad eccezione del nostro e della Grecia, le decisioni nel nostro Paese continuano invece ad essere orientante su misure di sostegno una tantum, che in alcuni casi vengono erogate anche a chi poi tanto bisognoso non è per mancanza di criteri specifici, continuando a ribadire che mancano le risorse economiche (circa 10 miliardi di euro secondo le stime) necessarie per l’introduzione dell’assegno universale. Ma se tutti i soldi male impiegati per i diversi sostegni, limitati e non per tutti, fossero stati investiti con maggiore criterio, allora sarebbero abbondantemente bastati per il via libera all’assegno universale unico anche da noi.

Sostegni una tantum e sprechi miliardari a discapito di novità per le pensioni

Dall’incentivo di 80 euro, alla decontribuzione sulle assunzioni stabili, all’incentivo per insegnanti, a quello cultura per i maggiorenni, ai bonus bebè, asilo, baby sitter, e non solo, sono tantissime le misure di sostegno che complessivamente, secondo un calcolo generale, costerebbero al nostro Paese ben 50 miliardi di euro, una cifra decisamente altissima che se investita in maniera differente avrebbe potuto permettere sia l’introduzione dell’assegno universale, per un costo di 10 miliardi di euro, sia l’approvazione di quelle importanti novità per le pensioni, come quota 100 e quota 41 per tutti, per cui servirebbero, rispettivamente, circa 7 miliardi di euro e circa 5 miliardi di euro, e che avrebbero garantito, però, i relativi di cui da tempo parliamo.

Attraverso l’introduzione delle novità per le pensioni appena riportate infatti, sarebbe possibile:

  1. rilanciare l’occupazione, soprattutto per i ragazzi, grazie ai prepensionamenti degli impiegati più anziani;
  2. rilanciare produttività ed efficienza;
  3. rilanciare i consumi;
  4. permettere risparmi, anche se nel lungo periodo.

Sostegni una tantum già in vigore e novità in arrivo

Sono diversi i sostegni una tantum già in vigore destinati soprattutto a coloro che hanno un Isee basso ma che, in alcuni casi, come il bonus mamma domani 2017, possono essere richiesti da tutti indipendentemente dalla propria situazione economica e dai redditi. Tra le misure di sostegno già in vigore e che hanno richiesto investimenti statali non indifferenti, troviamo:

  1. assegni familiari;
  2. bonus bebè;
  3. bonus asilo nido;
  4. bonus mamma domani;
  5. bonus famiglie numerose;
  6. social card;
  7. voucher baby sitter.

A questi sostegni per le famiglie già in vigore, dalla prossima settimana si affiancherà anche il sostegno relativo per asili o assistenza familiare. Stando a quanto riportano le ultime notizie, infatti, l'organismo per le pensioni si prepara ad erogare un sostegno del valore di circa mille euro per il nido o l'assistenza domiciliare. La procedura per la sua richiesta sarà attivata tra pochissimi giorni e potrà esser usato per pagare l'asilo nido del proprio bimbo o come sostegno economico ai genitori di bambini con gravi patologie e che non possono frequentare l'asilo. Si tratta di un sostegno valido per bambini nati o adottati nel corso del 2016. Le domande per ottenere questo nuovo sostegno potranno essere presentate dal lunedì prossimo 17 luglio e fino al 31 dicembre.

Anche in questo caso, però, il rischio è che il sostegno venga erogato anche a chi non ne avrebbe poi particolare bisogno, Insomma un eventuale nuovo spreco di soldi che, invece, avrebbero potuto essere risparmiati, per raggiungere la cifra per l’introduzione dell’assegno universale unico, che varrebbe per tutti e seguirebbe criteri specifici di assegnazione. A questa situazione di continuo spreco di soldi per misure di sostegno una tantum, si aggiunge anche la difficoltà nel portare avanti concretamente sia la revisione della pesa pubblica sia quella netta divisione tra assistenza e spesa prettamente previdenziale che tante volte abbiamo sottolineato essere necessaria, per evitare di erogare aiuti a pioggia a tutti, senza riferimento al quoziente familiare.

Ti č piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il