Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni rilanci assenti indigenza dilaga (novità, affermazioni)

Cresce l’indigenza tra famiglie numerose e ragazzi: urgenza e necessità di rilancio di novità per le pensioni per svolta al cambiamento

Pensioni ultime notizie quota 100, quota

pensioni novità indigenza dilaga senza rilanci



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 02:01): Nonostante i dati che appaiono chiari così come appare evidente che le precedenti e attuali ricette stanno fallendo, le novità per le pensioni che potrebbero essere una delle variabili per affrontare questa grave emergenza nelle ultime notizie e ultimissime si persiste a lasciarle al palo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Non vi è al momento una spinta concreta e decisa per le novità per le pensioni che pemetterebbero di creare, insieme ad altre variabili, quella spirale positiva che potrebbe almeno in oparte nelle ultime notizie e ulimissime arginare l'indigenza dilagante

Dilaga l’indigenza nel nostro Paese e si tratta di una situazione destinata a peggiorare se non saranno rilanciare misure adeguate di sviluppo e novità per le pensioni collegate al rilancio dell’occupazione. Stando a quanto riportano le ultime notizie, infatti, senza modifiche dell’attuale sistema e novità per le pensioni che siano in grado di favorire un rinnovato sviluppo delle attività per i ragazzi, si potrebbe andare incontro solo ad una ulteriore crescita dell’indigenza, tanto che alcune recenti rilevazioni statistiche riportano che entro 10 anni, senza rilanci di provvedimenti importanti e significativi e senza novità per le pensioni, si moltiplicherà il numero dei ragazzi e dei loro nuclei che saranno vicini alla soglia di indigenza.

Il vero problema, dunque, resta la mancanza di attività o, per chi ne ha una, la mancanza di giuste remunerazioni e riconoscimento di adeguati diritti. Occorre , dunque, rilanciare le novità per le pensioni per liberare spazi ma serve anche introdurre l'assegno universale unico che la stessa Comunità da tempo, come confermano le ultime notizie, ci invita ad approvare nel nostro Paese, considerando che si tratta di una misura di sostegno già in vigore in quasi tutti gli altri Paesi comunitari.

 
Indigenza dilaga, ultime notizie e urgenza di novità per le pensioni

Stando a quanto riportano le ultime notizie, continua a dilagare l'indigenza nel nostro Paese, colpendo soprattutto le famiglie con tre e più figli e i ragazzi. Nel 2016, secondo le ultime notizie, l’indigenza assoluta avrebbe interessato 1 milione e 619mila famiglie, per 4 milioni e 742 mila di individui, registrando, rispetto al 2015, una generale stabilità dell’indigenza assoluta per quanto riguarda famiglie e individui, ma un aumento dell’indigenza assoluta al 26,8% dal 18,3% del 2015 tra le famiglie numerose, con tre o più figli minori, coinvolgendo nel 2016 137mila 771 famiglie e 814mila 402 individui. L’aumento peggiore dell’indigenza è quello che si registra tra i minori, con numeri in crescita da 10,9% a 12,5%. Tra gli indigenti assoluti, secondo le ultime notizie, le donne sarebbero due milioni 458mila, i minori un milione 292mila (12,5%), i ragazzi di età compresa tra 18 e 34 anni un milione e 17mila (10,0%) e gli anziani 510mila (3,8%).

Se nel nostro Paese lo scenario dovesse continuare a rimanere quello attuale senza alcun cambiamento sostanziale, senza un rilancio di profonde iniziative, come le novità per le pensioni, che possano avviare una svolta reale, secondo le stime, tra dieci anni l'indigenza tra i giovani potrebbe addirittura triplicare e questo significherebbe privare il Paese di una sostanziale crescita. Manca la possibilità di impiego e solo attraverso importanti novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti senza oneri, o attraverso una revisione del sistema delle attese vita, si potrebbe riavviare quel ricambio generazionale che grazie alle uscite anzitempo degli impiegati più anziani, permetterebbero ai ragazzi di trovare un impiego, con il vantaggio, dunque, di:

  1. rilanciare la ricerca di impiego;
  2. rilanciare produttività ed efficienza;
  3. rilanciare i consumi.

E queste situazioni, correlate, permetterebbero di avviare un ciclo economico generale positivo per la rinnovata crescita interna del Paese.

Rilancio urgente di novità per le pensioni e assegno universale

Un rilancio, dunque, delle novità per le pensioni di revisione degli attuali requisiti di pensione sarebbe fondamentale per bloccare la crescita dell’indigenza, soprattutto tra i ragazzi, ed evitare che lo scenario tra dieci anni sia quello appena riportato, ridando fiducia ai ragazzi di oggi che, come emerge dalle ultime notizie, tendono a lasciare sempre più il Paese, in cerca di attività e fortuna fuori dai confini nazionali, dove le opportunità sono chiaramente maggiori e, soprattutto, la meritocrazia di persone valide viene premiata. Ma insieme alle novità per le pensioni che potrebbero contribuire a cambiare notevolmente lo scenario attuale e futuro, portando ad un rinnovato sviluppo interno, per i quasi 5 milioni di italiani costretti a vivere in condizioni di particolare indigenza, servirebbe introdurre anche una misura di sostegno, come l’assegno universale unico per tutti.

Particolarmente rilanciato in quest’ultimo periodo da tutte le forze, come confermano le ultime notizie, l’introduzione dell’assegno universale unico nel nostro Paese permetterebbe anche un adeguamento al modello comunitario, considerando che, come a inizio pezzo accennato, si tratta di una misura di sostegno che è già in vigore in quasi tutti gli altri Paesi comunitari ad eccezione, appunto, del nostro Paese e della Grecia. Servirebbe ad assicurare un aiuto certo da parte dello Stato a tutti coloro che sono costretti a vivere in condizioni di grosse difficoltà economiche, sostituendo tutti quei sostegni una tantum al momento in vigore, validi in maniera temporanea e sperimentale, che non assicurano sostegno certo per tutti.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il