Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 Piga, Fortis, Lepre

C'è una conduzione fondamentale per le novità per le pensioni ed è quella che passa dalla revisione del patto fiscale, rispetto a cui sono iniziati i grandi confronti.

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

Pensioni ultime notizie e novità affermazioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:01): Si potrebbe pensare di rivedere in parte il patto fiscale con dei benefici legati a risultati virtuosi, ma eliminarlo sarebbe nel lungo periodo un autogol, mentre si devono perseguire novità per le pensioni che permettano di innescare nelle ultime notizie e ultimissime spirali positive a 360 gradi

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:01): Sarebbero altre le vie da seguire più complicate e impegnative ma che porterebbero benefici nel lungo periodo e costanti per cui le novità per le pensioni potrebbero avere un ruolo di causa-effetto che appare da tutti o quasi nelle ultime notizie e ultimissime compreso, ma non ancora applicato.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:02): Non rispettare, però, il patto fiscale potrebbe avere dei benefici nell'immediato per le novità per le pensioni ma non è neppure certo se nelle ultime notizie e ultimissime queste non rapresentanto la priorità e, poi, comunque, sarebbe solo nel breve termine. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 05:01): Non è assolutamente da sottovalutare il patto fiscale che condizionerebbe le novità per le pensioni in modo assoluto se non vi fosse una revisio nelle ultime notizie e ultimissime come molti auspicano, ma non tutti.

Torna improvvisamente d'attualità il Patto fiscale, l'opportunità di una sua revisione, anche sulla base dei benefici che ne trarrebbero le novità per le pensioni, sempre nel rispetto degli equilibri complessivi. La partita è aperta nelle ultime notizie pensioni e il gioco sta adesso nel calcolare rischi e benefici.

Le ultime posizioni di Gustavo Piga e conseguenze per novità per le pensioni

I fatti sono chiari: il segretario della maggioranza ha lanciato la proposta di un accordo in cui il nostro Pese si impegna a ridurre il rapporto debito e Prodotto interno lordo una crescita più forte e un'operazione sul patrimonio che la Cassa depositi e prestiti e il Tesoro hanno già studiato. Sarà proposta alla comunità solo con un accordo di legislatura e in cambio del via libera al ritorno per almeno cinque anni ai criteri precedenti che prevedono il deficit al 2,9%. Ma attenzione, fa notare il docente universitario Gustavo Piga, le maggiori coperture non servirebbero a finanziare le novità per le pensioni. Questi trenta miliardi saranno dirottati sulla riduzione della pressione fiscale. Ciò non toglie, riflette Piga, che il patto fiscale va rivisto per consentire di intervenire sulle novità per le pensioni con maggiore facilità. O comunque occorre affiancargli un progetto di revisione della spesa nazionale, mai realmente implementato, così da rassicurare l'intera Comunità sulle nostre buone intenzioni. Secondo i vertici sovranazionale, il segretario non può lamentarsi delle osservazioni essendo il solo Paese che ha beneficiato di tutti gli spazi concesso dal Patto.

Le recenti posizioni di Stefano Lepri e impatto su novità per le pensioni

Ma insomma, questo patto fiscale, adesso da tutti additato come il male assoluto e come ostacolo concreto anche per l'introduzione di novità per le pensioni, è realmente un problema? Dipende da come lo si interpreta. Nell'ottica di una cooperazione comune, osserva il giornalista Stefano Lepri, i vantaggi sono superiori alle limitazioni. Ma solo se tutti i Paesi procedono insieme e secondo un piano comune, altrimenti se ogni momento di difficoltà diventa l'occasione per mettere tutto in discussione, ecco allora che si crea un corto circuito. E poi c'è un caso tutto nazionale, quello del nostro debito oltre ogni misura che viene quotidianamente ingrossato che appare un peso insopportabile se non una condanna. Proprio questo è il problema dei problema, eredità del passato e rallentamento degli interventi sulle novità per le pensioni e su tutti quei settori ingessati perché bisognosi di coperture che adesso non ci sono. Il patto fiscale in vigore, così com'è adesso in vigore, limita quei Paesi come il nostro che vogliono investire di più o ridurre le imposte ma non possono, e allo stesso tempo consente ad altri che lo potrebbero fare di contenersi.

Le ultime affermazioni di Marco Fortis e impatto su novità per le pensioni

Al di là dei contenuti della proposta, il merito è innanzitutto quello di aver aperto gli occhi sulle scarse possibilità in queste condizioni di allineare il Paese lungo i binari della normalità e dunque coprire i buchi sulle novità per le pensioni, senza allentare i vincoli comunitari sui parametri da rispettare. Le strade sono infatti due, fa notare l'editorialista Marco Fortis: o il nostro Paese comincia a crescere a ritmi interessanti rendendo il tutto più facile oppure occorre rivedere i confini entro cui muoversi. Nessuna delle due ipotesi è evidentemente praticabile fino in fondo perché la crescita procede a rilento e non è tale da lasciare immaginare miracoli sulle novità per le pensioni o su altri comparti bisognosi di una spinta. E né è possibile derogare oltre certi limiti agli accordi sovranazionali. Ma qualcosa di più si puà fare sul secondo versante per favorire il primo, riflette Fortis, come la mutualizzazione del deficit pari all'ammontare eccedente l'avanzo primario per quei Paesi che sono in grado di generarlo. Si tratta insomma di rinnovare un patto di fiducia con quei Paesi zavorrati da deficit eccessivi, ma intenzionati a rimettersi in pista anche a costo di qualche sacrificio.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il