Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 aggiunti quattro sistemi alternativi (novitā, affermazioni )

I quattro sistemi alternativi insieme a novitā per le pensioni di quota 100 e novitā per le pensioni di quota 41 per tutti: cosa prevedono

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

pensioni novitā quattro sistemi alternativi



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:30): Non si arresta affatto la macchina delle novità per le pensioni e sistemi alternativi a quelli in vigore per smettere anzitempo sono pronti ad affacciarsi. Nulla va dato comunque per scontato perché come visto più volte nelle ultime notizie e ultimissime ci sono troppi condizionamenti in grado di rallentare se non di bloccare le varie idee

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): Vi sono almeno quattro sistemi alternativi per le novità per le pensioni sia che si sono presentati sia già ad un livello più avanzato nelle ultime notizie e ultimissime alternativi a quelli più convincenti finora e che, forse, rimangono comunque tali.

Se le discussioni e le richieste di novità per le pensioni continuano a concentrarsi sulle novità per le pensioni di quota 100 e novità per le pensioni di quota 41 per tutti senza alcun onere che, come abbiamo spesso spiegato, vengono rimandate ormai da anni perché sarebbero troppo costose, richiedendo rispettivamente circa 7 miliardi di euro e circa 5 miliardi di euro, per il budget disponibile, d’altro canto si sono portate avanti altre novità per le pensioni, non universali e strutturali, già approvate, come la staffetta, già in vigore, e le ultime novità per le pensioni di mini pensione con e senza oneri e di quota 41 ad essa collegata per cui, invece, si attende ancora l’entrata in vigore ufficiale, pur se inizialmente fissata per lo scorso mese di maggio. A queste novità per le pensioni, comunque minime, e alle richieste di novità per le pensioni di quota 100 e quota 41 per tutti, come riportano le ultime notizie, si affiancherebbero ulteriori quattro sistemi alternati.

I quattro sistemi alternativi sarebbero:

  1. novità per le pensioni di uscita a 62 anni;
  2. novità per le pensioni di uscita a 64 anni, per cui si attende ancora la circolare ufficiale dall’organismo per le pensioni che sembrerebbe averla dimenticata;
  3. novità per le pensioni per i cargivers;
  4. novità per le pensioni ulteriori per il mondo femminile.

Sistema di uscita a 62 anni: ultime notizie e cosa prevede

Le ultime notizie di questi giorni si sono concentrati su una ulteriore proposta di novità per le pensioni che, secondo quanto affermato da esponenti dell’esecutivo nel corso dell’ultimo incontro con i rappresentanti dei dipendenti, dovrebbe essere portato avanti. C’è dunque particolare apertura nei confronti di questa novità che, secondo le ultime notizie, dovrebbe permettere la possibilità di lasciare anzitempo la propria occupazione a 62 anni a tutti gli iscritti ai singoli comparti di settore. Ancora una volta, dunque, si tratterebbe di una novità per le pensioni non per tutti e che secondo quanto dovrebbe essere finanziata dagli stessi comparti di settore. Al momento non si altro di questo sistema alternativo di novità per le pensioni di cui, però, si dovrebbero sapere ulteriori informazioni nel corso dei prossimi incontri tra esponenti dell’esecutivo e rappresentanti dei dipendenti.

Sistema di novità per le pensioni di uscita a 64 anni e circolare ufficiale ancora attesa

Altro sistema alternativo di novità per le pensioni è quello relativo alla possibilità di pensione a 64 anni, per cui, però, si attende ancora la circolare ufficiale da parte dell’organismo per le pensioni, anche in merito alle richieste di ampliamento della platea di beneficiari del sistema stesso. Questa novità per le pensioni permette di lasciare la propria occupazione a 64 anni tutti gli impiegati del settore privato che abbiano raggiunto:

  1. l’età di 64 anni e almeno 36 anni di contributi;
  2. l’età di 61 anni con 35 di contributi entro il 31 dicembre 2012;  
  3. l’età di 60 anni e 20 anni di contributi per le donne, entro il 31 dicembre 2012;
  4. che alla data del 28 dicembre 2011 fossero regolarmente impiegati in attività da lavoro dipendente del settore privato.

Le ulteriori richieste presentate e per cui sarebbe ancora attesa la circolare ufficiale da parte dell’organismo per le pensioni riguardano la possibilità di estendere questo sistema alternativo di pensione a 64 anni sia a coloro che alla data del 28 dicembre 2011 non risultassero regolarmente impiegati in attività da lavoro dipendente del settore privato, sia alle lavoratrici quindicenni, nate nel 1952 che abbiano maturato 15 anni di contributi piuttosto che 20 anni al 31 dicembre 2012.

Sistema alternativo di novità per le pensioni per i caregivers

Terzo sistema alternativo di novità per le pensioni riguarderebbe, secondo le ultime notizie, i cosiddetti caregivers, ragazzi che assistono familiari disabili o gravemente malati come genitori o fratelli o sorelle, per cui si starebbero studiando diverse novità, da potenziamento dei servizi assistenziali, a novità per le pensioni volte alla creazione di ulteriori possibilità occupazionali in cui poter impiegare questi stessi ragazzi.

Sistema alternativo di novità per le pensioni per il mondo femminile

Le ultime notizie parlano di una ennesima novità per le pensioni dedicata al mondo femminile e di cui si è parlato nel corso dell’ultima riunione tra esponenti dell’esecutivo e rappresentanti dei dipendenti, e che sarebbe strettamente collegata alla novità per le pensioni di mini pensione con oneri. Stando a quanto riportano le ultime notizie, infatti, l'esecutivo  starebbe studiando un meccanismo per rendere più semplice l’accesso alla pensione finale con mini pensione senza oneri per il mondo femminile. L’intenzione dovrebbe essere quella di riconoscere ai fini del raggiungimento dei requisiti richiesti dalla mini pensione senza oneri i periodi dedicati ad assistenza della famiglia e maternità. E sarebbe un passo verso il riconoscimento di una parità di trattamento previdenziale.

Ti č piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il