Pensioni ultime notizie su mini pensioni, quota 100, quota 41 da Battista, Marini, Polito (novità, pensioni)

Sono gli interessi personali e il tornaconto a guidare l'azione dei rappresentanti con le novità per le pensioni messe che continuano a essere costantemente messe da parte.

Pensioni ultime notizie su mini pensioni

Pensioni ultime notizie e novità affermazioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): Uno spreco in due sensi, un modo di agire su due livelli che di fatto ostacola le novità per le pensioni e tutto il resto che si evidenzia nelle ultime notizie e ultimissime senza nessuna distinzione da una parte e dall'altra.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 03:01):  Il tornaconto continua ad essere dominante sotto vari aspetti mettendo tutto in secondo piano incluse le novità per le pensioni che sono nelle ultime notizie e ultimissime doppiamente prioritarie

Continuano i casi di frenetico passaggio dei rappresentanti istituzionali da uno schieramento all'altro. Sempre più indaffarati a cercare una candidatura, le questioni irrisolte come le novità per le pensioni, sono accotonante nei pensieri e nell'azione concrete. Il tutto mentre nelle ultime notizie pensioni è evidente la discutibile gestione dei fondi nazionali.

Le ultime posizioni di Andrea Marini e conseguenze per novità per le pensioni

Iniziamo da un dato che ci dà l'idea di come il fenomeno non sia composto da casi isolati, ma si tratta di una vera e propria degenerazione: il trentacinque per cento degli eletti ha cambiato casacca dal momento dell'ingresso in una delle due assemblee nazionali. Oltre uno su tre, esattamente trecentotrentacinque. E c'è da scommettere che da qui alla fine dell'esperienza attuale, queste cifre possano ulteriormente ingrossarsi. E come rileva il giornalista Andrea Marini, mai come questa volta i vari esponenti istituzionali stiano pensando ai propri interessi: nella precedente legislatura meno della metà rispetto ai numeri attuali ha cambiato schieramento. E poco c'entrano divergenze ideologiche, scontri sulle novità per le pensioni o battaglie su questioni specifiche. Di mezzo c'è il proprio futuro ovvero la possibilità di ricavare un posto in Aula. E siccome le prossime saranno settimane ancora più turbolente, è francamente difficile credere che qualcosa di realmente concreto possa cambiare su quegli aspetti chiave, come appunto le novità per le pensioni, rispetto a cui l'impegno e l'attenzione dei rappresentanti sta venendo sempre meno.

Le recenti posizioni di Antonio Polito e impatto su novità per le pensioni

Utilizza l'arma dell'ironia per descrivere la degenerazione del periodo attuale, ma si tratta di un sorriso amaro perché i protagonisti sono proprio coloro che dovrebbero invece salvaguardare gli interessi collettivi, mettendo in secondo piano il tornaconto personale e degli amici. E così quando Antonio Polito in uno dei suoi frequenti editoriali ricorda il sostegno ricevuto dagli organizzatori della Festa dei cornuti di Ruviano, della Sagra del fagiolo di Cellole o del Festival di Torchiara, viene certamente da sorridere. Poi si leggono le cifre e si scopre come il flusso di soldi arrivi a sei zeri in un batter d'occhio. Non è il caso di fare facile demagogia ed evidenziare come queste cifre potrebbero essere più utilmente sfruttati per le novità per le pensioni, ad esempio, perché anche lo svago ha la sua importanza. Ma è il modo di fare a essere oggetto di contestazione ovvero la ricerca del consenso a ogni costo e con ogni mezzo, quasi che i nostri rappresentanti e aspiranti tali siano null'altro che piazzisti. Non serve dunque ricordare il poco fatto sulle novità per le pensioni e altre questioni vitali per mettere sotto la luce del sole le inadeguatezze del quadro attuale.

Le ultime affermazioni di Pierluigi Battista e impatto su novità per le pensioni

Il quadro desolato è desolante perché ritrae una vera e propria transumanza dei rappresentanti da una parte all'altra, alla ricerca di una candidatura per la conquista di un posto al sole. L'obiettivo finale è proprio quello e poco importano tutte le discussioni sull'importanza delle ideologie, le battaglie per l'introduzione di novità per le pensioni, le scelte basate sull'appartenenza. Si tratta di un apparato e di un modo di fare che appartiene al passato e non alla praticità del presente. Ma c'è anche un altro elemento che l'editorialista Pierluigi Battista mette su piatto: lo spostamento degli esponenti istituzionali indica la direzione in cui sta soffiando il vento. Ed essere il Cavaliere la calamita più forte di questo periodo, è evidente come in tanti stiano scommettendo su una ennesima rinascita vittoriosa. E il tutto, mettiamolo ancora in evidenza, senza che i progetti da sottoporre alle preferenze dei cittadini siano ancora pronti, senza sapere quale peso avranno le novità per le pensioni e senza che si sappia con chiarezza quali saranno i punti centrali su cui andare alla ricerca dell'ambitissimo consenso.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il