Pensioni ultime notizie su pensioni mini, quota 41, quota 100 da Quagliarello, Gotor, Parisi

Sono ancora tutti alle prese con lo scioglimento di nodi delicati sulle novità per le pensioni da cavalcare e sugli accordi da raggiungere, ma per gli schieramenti il tempo stringe.

Pensioni ultime notizie su pensioni mini

Pensioni ultime notizie e novità affermazioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:01): Le idee di entrambe le forze che sono in creazione per le novità per le pensioni sono senza dubbio positivo anche se bisogno stare attenti almeno a due elementi nelle ultime notizie e ultimissime che si possono intravedere

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 05:01): Sono loro tra alcuni dei creatori o fondatori ex-novo di differenti forze che vogliono poter riprendere la propria identità e rilanciare le proprie posizioni tra cui le novità per le pensioni ponendo le fondamenta nelle ultime notizie e ultimissime di schieramenti rinnovati 

Da destra a sinistra è arrivato il momento delle grandi scelte in vista delle urne, dalle novità per le pensioni su cui scommettere alle alleanze da stringere. C'è però da credere che il clima di incertezza nelle ultime notizie pensioni durerà almeno fino alla scelta del sistema elezioni subito dopo la pausa.

Le ultime posizioni di Miguel Gotor e conseguenze per novità per le pensioni

Sono in tanti a domandarsi cosa farà la sinistra rinnovata in vista delle urne. Formeranno un grande gruppo senza intese con la maggioranza? Si presenteranno in maniera frazionata? O c'è una terza via che diventerà più chiara solo con la scelta del sistema elezioni? Per il Movimento democratico e progressista e Miguel Gotor è arrivato il momento della verità ed è francamente difficile riuscire adesso a scorgere le prospettive. A conti fatti sarà perfettamente inutile elaborare un grande progetto sulle novità per le pensioni senza una rappresentanza sufficientemente ampia nelle Assemblee elettive per tradurre le parole in fatti. L'atteggiamento ostile preannunciato in vista dell'iter d'autunno non fa certamente ben sperare in vista di un possibile accordo con la maggioranza. O almeno con quella parte con cui c'è una maggiore sintonia progettuale sulle novità per le pensioni o strategica limitate alle urne. Per ora Gotor non le manda a dire, spiegando come il vero problema della maggioranza sia il suo segretario e quella che considera una vera e propria incapacità a guidare una comunità e a tenerla unita.

Le recenti posizioni di Gaetano Quagliariello e impatto su novità per le pensioni

Per il mondo di centro è arrivato il momento della verità. Deve decidere cosa fare: offrire un contributo per la formazione di una maggioranza o andare da solo alla ricerca di consenso. In pratica Gaetano Quagliariello e tutti i rappresentanti che gli gravitano a torno devono scegliere da che parte. Con la maggioranza, al pari di quanto fatto in questa legislatura con un contributo limitato sulle novità per le pensioni? Con il Cavaliere, sancendo un ritorno possibile. O cercare di formare un rischioso polo alternativo con poca rappresentanza. Senza dubbio la decisione sarà assunta solo con la scelta del sistema voto, sempre ricordando come, almeno per ora, la maggioranza ha chiuso le porte a un nuovo accordo di scopo. Eppure nelle recenti posizioni di Gaetano Quagliariello emergono l'importanza delle novità per le pensioni, l'indispensabilità di stare dalla parte dei bisognosi e delle famiglie, la riscoperta degli ammortizzatori, la lotta alle forme di indigenza. Si tratta evidentemente di temi che sono per tradizione molto più presenti nei programmi del centrosinistra anziché in quelli del centrodestra, a dimostrazione di come tutte le strade siano ancora percorribili.

Le ultime affermazioni di Stefano Parisi e impatto su novità per le pensioni

Anche approfittando delle rilevazioni che lo danno in grande spolvero, il Cavaliere è pronto a un rinnovamento completo sia delle candidature e sia dei progetti da sottoporre al volere dei cittadini. E per certi versi, alla luce delle informazioni che circolano di un programma stilato insieme a Stefano Parisi, già candidato primo cittadino del capoluogo meneghino, anche sorprendenti. Sembra infatti che la tradizionale posizione moderata sulle novità per le pensioni sia stata abbandonata, almeno in parte. Sono tre i punti su cui Parisi e il Cavaliere vorrebbero scommettere. Il primo è la cancellazione dell'intero impianto in vigore, sintonizzandosi così in perfetta sintonia con il Carroccio. Certo, occorre verificare se si tratta di una proposta pensata solo per le urne o se c'è un fondo di verità, ma di certo si tratta di un presa di posizione netta e deflagrante. Il secondo punto all'ordine del giorno è l'innalzamento delle pensioni inferiori e in questo non c'è nulla di nuova rispetto a quanto incoraggiato in passato. Infine, il terzo punto è il contrasto alle truffe e agli sprechi sulle pensioni ovvero all'erogazione di assegni a chi non spetta.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il