Pensioni novità: abolizione oneri, baby pensioni, quota 100 dividono maggioranza

Ci sono tre anime nella maggioranza e ciascuna di esse ha visioni differenti sulle novità per le pensioni, ma c'è ancora una corrente molto più favorita rispetto alle altre.

Pensioni novità: abolizione oneri, baby

Pensioni ultime notizie e novità affermazioni



Le ultime novità sulle pensioni ci riconducono a problemi interni nella maggioranza sul fatto che ci sono divergenze sul rilancio di nuovi strumenti per le pensioni. Baby pensioni, abolizione degli oneri di quota 100 e altri punto non riesco a mettere d'accordo tutti quanti. (aggiornamento 15:03)

I giochi all'interno della maggioranza in termini di scelta del candidato alla guida del Paese sembrano fatti, ma poi non sono così scontati. Sono troppo le correnti che la animano, ciascuna con esigenze, aspettative e visioni di differenti, sulle novità per le pensioni. Riuscire a orientarsi nelle ultime notizie pensioni è perciò importante e utile.

Le ultime posizioni di Andrea Orlando e conseguenze per novità per le pensioni

Sono in tanti a scommettere che per Andrea Orlando è solo una questione di tempo e che presto o tardi abbandonerà la maggioranza. Ma intanto il guardasigilli non arretra, vuole combattere all'interno dello schieramento contro la tendenza egemonica del suo segretario e si dice disposto a riprendere in mano la questione delle novità per le pensioni, ma senza riscrivere tutto dall'inizio ovvero introducendo correzioni e aggiustamenti graduali, allargando la platea dei beneficiari delle mini pensioni senza oneri nel contesto di quota 41 e migliorando il rapporto con i rappresentanti dei dipendenti, troppo tormentato e spesso sottovalutato nel corso di questa legislatura.

A detta di Orlando, la parte delle novità per le pensioni si è rivelata al di sotto delle aspettative e non solo nella previsione dei metodi più appropriati per smettere anzitempo. Pochi i passi in avanti rispetto a uno scenario bloccato da troppo tempo con l'esecutivo non ha avuto il coraggio di andare al di là dell'allargamento degli strumento di sostegno al reddito di chi si trova in condizione di indigenza e della parziale revisione delle detrazione.

Le recenti posizioni di Michele Emiliano e impatto su novità per le pensioni

Tra le varie correnti nella maggioranza non c'è alcun dubbio sulla visione maggiormente orientata sull'indispensabilità di prevedere ulteriori novità per le pensioni da parte di Michele Emiliano. Il governatore della Puglia ha già cercato di cavalcare questi temi nella corsa alla conquista alla segreteria, ma l'appeal incontrato tra gli iscritti è stato limitato. Senza mezze parole, punta su un deciso cambiamento delle prospettive del sistema attuale e tra i suoi punti di distinzione c'è quello dell'applicazione di quota 100 accanto a quota 41.

Se il primo, come somma di anni di contribuzione ed età da raggiungere per accedere al trattamento previdenziale, viene immaginato per tutti, il sistema di quota 41 (solo anni di contribuzione) è pensato per chi ha iniziato a essere impiegato molto presto. Ma con una novità per le pensioni ulteriore rispetto a quanto è adesso in vigore: l'abolizione di ogni tipo di onere e di paletto per accedere a questo strumento. Vale infine la pena notare come Emiliano abbia sempre manifestato l'intenzione di aprire un dialogo con i Comitati online sulle novità per le pensioni, proprio pensando a quota 41.

Le ultime affermazioni di Matteo Renzi e impatto su novità per le pensioni

Nessun sconvolgimento di quanto fatto fino a questo momento con le novità per le pensioni per Matteo Renzi. Secondo il segretario della maggioranza, le disposizioni introdotte - dalle mini pensioni, con o senza oneri, a quota 41, dall'aumento delle pensioni base all'unione della contribuzione - è il massimo che si può ottenere in una fase congiunturale in cui occorrono coperture per tutti i comparti, a iniziare dalla riduzione delle imposte per gli imprenditori.

Di conseguenza, in vista delle urne, Renzi potrebbe riprendere le sue posizioni iniziali sulle novità per le pensioni ovvero l'indispensabilità di provvedere alla revisione delle pensioni delle vedove, alla razionalizzazione degli assegni di invalidità, al contrasto alle truffe, alla riscrittura delle regole sulle baby pensioni così da accumulare una somma tale per coprire le spese per ulteriori novità per le pensioni. Siamo ancora alle battute iniziali ed è facile credere che a ridosso dell'appuntamento con le urne possa estrarre dal cilindro qualche altra proposta di maggiore impatto, come l'introduzione di una forma di assegno universale o l'incremento ulteriore delle pensioni base.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il
Puoi Approfondire