Pensioni ultime notizie: sprechi ridotti e rilancio economia da quota 100, ingiustizie e privilegi corretti

Situazione e gestione dell’organismo per le pensioni, ultime posizioni di Brambilla, Di Nicola, Cazzola e impatto su novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie: sprechi ridotti

pensioni novità ultime affermazioni brambilla



Continuano a esserci divergenze di vedute sulle strategie da seguire per migliorare il quadro nazionale e di conseguenze sul terreno delle novità per le pensioni le ricette proposte finiscono per diventare anche opposte. Come abbiamo visto con le affermazioni di osservatori accreditati nelle ultime notizie e ultimissime, perfino su alcuni punti base non si riesce a raggiungere una sintesi condivisa di posizioni. (aggiornamento ore 16:01)

Agire sulle pensioni significa agire a 360 gradi sull'intero sistema economico e non solo del nostro Paese riuscendo con decisioni giuste e corrette, ma non così difficili da intraprendere visto da quanto tempo se ne sta ragionando e viste anche le ampie convergenze, ad evitare numeroschi sprechi e addirittura risparmiare oltre a risucire a rilanciare l'economia. (aggiornamento ore 22:30)
 

La gestione dell’organismo per le pensioni sembra rappresentare in quest’ultimo periodo un vero e proprio pomo della discordia all’interno della stessa dirigenza dell’organismo. Mentre il suo responsabile continua ad essere l’unico che finora è riuscito a trasformare in realtà ogni annuncio di novità per le pensioni e, con l’obiettivo di rendere il nostro sistema previdenziale più sostenibile ed equo per tutti, continua anche ad essere la persona nel mirino di critiche e polemiche. Dopo essere stato protagonista di attacchi da parte di alcuni esponenti istituzionali, è diventato bersaglio anche di colleghi dello stesso organismo, probabilmente per le sue posizioni, da alcuni considerate estreme.

Le ultime notizie si sono concentrate sulle sue idee in riferimento alle attività che regolarmente i migranti svolgono nel nostro Paese, contribuendo al pagamento delle pensioni di oggi, esattamente come ogni impiegato italiano che versa contributi, rappresentando, dunque, una risorsa per il nostro Paese.  

Le recenti posizioni di Brambilla e ultime notizie su pensioni

Secondo l’esperto Alberto Brambilla, presidente del Centro studi e ricerche Itinerari previdenziali, effettivamente l'integrazione a migliorare sia la percezione sugli immigrati sia l’andamento del sistema previdenziale ma non rappresenta la soluzione. La vera soluzione sarebbero concrete proposte di novità per le pensioni per sostenere il rilancio delle opportunità di impiego soprattutto per i ragazzi che oggi, come confermano le ultime notizie, vivono condizioni di grande difficoltà, tra carriere precarie e discontinue e stipendi minimi.

Brambilla, del resto, è da sempre particolarmente favorevole all’attuazione di novità per le pensioni, come novità per le pensioni di quota 100 piuttosto che una revisione delle attese vita, perché la novità per le pensioni di quota 100 permetterebbe non solo di rilanciare opportunità di impiego per i ragazzi ma anche di accumulare risparmi nel medio-lungo termine.   


Le ultime affermazioni di Di Nicola

Per il consigliere economico Fernando Di Nicola, le novità per le pensioni da attuare realmente dovrebbero essere modulate in base a diversi aspetti, come finanza pubblica, e quindi disponibilità effettiva di risorse economiche, e distribuzione delle risorse, per definire modifiche che siano effettivamente coerenti, non si tratta certo delle strade che sono state seguite per l'attuazione delle novità per le pensioni introdotte con la manovra di quest'anno, come l’aumento dei trattamenti per i pensionati che, come ha sottolineato lo stesso responsabile dell’organismo per le pensioni, è stato dato anche a chi effettivamente non ne avrebbe avuto bisogno, sprecando risorse che invece avrebbero potuto essere destinate a chi effettivamente vive in condizioni di maggiori difficoltà. Per evitare queste storture servirebbe, dunque, definire prima le situazioni reali e le disponibilità entro cui ci si può muovere e poi pianificare novità per le pensioni.

Le ultime posizioni di Cazzola

Sempre più attento alle dinamiche che regolano la gestione dell’organismo per le pensioni e da sempre contrario ad una totale revisione dell’attuale sistema, Giuliano Cazzola, uno dei più importanti studiosi delle pensioni, che, stando a quanto riportano le ultime notizie, sarebbe tra coloro che ritengono che il lavoro regolare dei migranti rappresenti una risorsa per il nostro Paese, contribuendo al finanziamento delle pensioni, ma si è detto anche d’accordo con eventuali novità per le pensioni che riescano effettivamente a riavviare u interscambio, permettendo agli impiegati più anziani di collocarsi finalmente a riposo e dando nuove opportunità di impiego ai ragazzi, oggi del tutto tagliati fuori dalle attività.

Secondo Cazzola, però, se da una parte le ultime novità per le pensioni approvate di mini pensione con e senza oneri e quota 41 potrebbero essere ancora una volta errati investimenti, dall’altro, pur ammettendo la necessità di rilanciare gli impieghi per i ragazzi, continua a non ritenere che le novità per le pensioni siano misure prioritarie per il nostro Paese a fronte di ulteriori provvedimenti che potrebbero essere più vantaggiosi.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il
Puoi Approfondire