Tari, non pagare nulla o meno. Quando si può fare domanda detrazioni. In tanti comuni è caos, a Milano rimborsi

La Tari, la tassa sull'immondizia, è protagonista in molte vicende di differenti Comuni italiani sia in positivo che in negativo con esiti differenti al ritorno delle ferie di questa estate. Senza dimenticare le regole generale quando si può non pagare o pagare meno.

Tari, non pagare nulla o meno. Quando si

Tari, situazioni singoli comuni e regole generali



La maggior parte dei Comuni ha già fatto pagare la Tari. I costi, in diversi casi, paiono aumentati e
non di poco e questo sta provocando numerosi disagi anche perché alla stessa tassa non sempre
corrisponde un servizio della spazzatura impeccabile. (aggiornamento ore 11:01)

Grande confusione in numerosi Comuni per chi deve pagare la Tari che è stata anche fortemente aumentata in molti casi e non ancora decisa in altri. E aumenta chi non la vuole pagare anche per un servizio come quello dela raccolta della spazzatura spesso inefficiente. E le regole e le leggi spesso, in questi casi, sono dalla parte del cittadino. Ecco come si può pagare meno o del tutto o quasi la Tari.

Un ritorno dalle ferie che per molti cittadini potrebbe avere delle spese in più ma anche qualche sorpresa positiva per quanto riguarda numerose spese, tra cui da sottolineare è la Tari, ex Tares, la tassa sui rifiuti.

Situazione Tari nei singoli Comuni e città

La maggior parte dei Comuni l'ha già fatta pagare, ma altri non ancora e nelle delibere che hanno emesso o stanno emettendo i costi in diversi casi paiono aumentati e non di poco e questo sta provocando numerosi disagi anche perchè alla stessa tassa non sempre corrisponde un servizio della spezzattura impeccabile, anzi...bsti pensare alle polemiche avute a Roma

C'è anche chi sta ricevendo, però, delle buone notizie come quei 25 e più di milanesi che si vedranno rimborsare come deciso dall'amministrazione cittadina la Tari in più pagata per errori di calcolo negli anni 2014-2016 per un ammontare totale di circa 3 miliardi e 500 milioni. In parte questa cifra era stata già rimborsata, ma ad alcuni mancava e il rimborso doveva essere fatto diretto e non per compensazione. E finalmente i soldi a settembre saranno disponibili.

Tari quando non si può pagare o si può fare domanda detrazioni per pagare meno

Da ricordare che la Tari si può non pagare o pagare meno sia in base alle singole regole dei Comuni come per le famiglie disagiate, case non abitate o poco nell'anno, fabbricati rurali che vengono usati come case, negozi in crisi, oppure avere delle riduzioni sulla Tari quando il cassonetto è distante dalla propria casa e che può raggiungere fino al 40% dell'importo complessivo se il cassonetto è lontano almeno 400 metri. Ma l'ammontare della detrazione, decisa da una sentenza della Cassazione, la deve decidere il Comune.

Sempre in altri casi si può avere una detrazione e pagare meno Tari, quanto non si è svolto in maniera regolare il ritiro dei rifiuti per un determinato periodo o quando vi è stato un blocco, ad esempio per degli scioperi di chi lo doveva eseguire. In tutti questi casi lo sconto sulla Tari non è immediato, ma sideve fare richiesta scritta al Comune in base alle singole regole si può arrivare ad una diminuzione dell'80%

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Gianluca Fiore pubblicato il