Etichette grano, pasta, riso con origine e dati ulteriori obbligatorie da Febbraio. Cosa si potrà conoscere

Al via dal prossimo febbraio obbligo di nuove etichette per indicazioni di produzione e provenienza di pasta, riso e grano

Etichette grano, pasta, riso con origine

etichette pasta riso nuove regole obbligatorie febbraio



Vi è finalmente la conferma che sono stati promulgati i decreti che introducono l'obbligo di indicazione dell'origine del riso e del grano per la pasta in etichetta firmati dai ministri per le Politiche Agricole Maurizio Martina e dello Sviluppo economico Carlo Calenda. (aggiornamento ore 17:01)

Si preparano ad entrare in vigore dal prossimo mese di febbraio 2018 le nuove etichette relative alle informazioni che dovranno essere fornite ai consumatori su pasta, riso e grano. Stando a quanto riportano le ultime notizie, dunque, da metà febbraio potremo avere etichette più trasparenti sull'origine di riso e grano per la pasta.

I due decreti per nuove etichette sull’origine di pasta e riso

Le ultime notizie confermano che sono stati pubblicati sulla Gazzetta ufficiale i due decreti interministeriali che introducono l'obbligo di indicazione dell'origine del riso e del grano per la pasta in etichetta, firmati dai ministri per le Politiche Agricole Maurizio Martina e dello Sviluppo economico Carlo Calenda. Secondo quanto specificato dalle ultime notizie, il decreto grano-pasta prevede che le confezioni di pasta secca prodotte in Italia dovranno riportare obbligatoriamente sull’etichetta Paese di coltivazione del grano, Paese di molitura, vale a dire il nome del paese in cui il grano e’ stato macinato.

Se queste fasi avvengono nel territorio di più Paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: Paesi Ue, Paesi non Ue, Paesi Ue e non Ue. Per quanto riguarda il riso, invece, il provvedimento prevede che sull’etichetta devono essere indicati il Paese di coltivazione, il Paese di lavorazione e quello di confezionamento. Se le tre fasi avvengono nello stesso Paese, si può usare la dicitura ‘Origine del riso: Italia’, mentre se le fasi avvengono nel territorio di più Paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le diciture come quelle della pasta.

Tempi di entrata in vigore delle nuove etichette su pasta, riso e grano

I due nuovi decreti relativi alle novità previste per le etichette che dovranno essere riportate per pasta, riso e grano prevedono una fase di 180 giorni per l'adeguamento delle aziende al nuovo sistema e lo smaltimento delle etichette e confezioni già prodotte, per cui l'obbligo definitivo sancito dai due nuovi decreti scatterà il prossimo 16 febbraio per il riso e il prossimo 17 febbraio per la pasta. Secondo quanto reso noto da Coldiretti, finalmente con le nuove etichette non potranno più esserci inganni relativi a produzione e provenienza di pasta, riso e grano, del resto, la stessa associazione si stava occupando ormai da tempo di portare avanti proprio questa battaglia per garantire ai consumatori maggiore trasparenza su tali prodotti. Secondo il presidente di Coldiretti Puglia, i due decreti mettono fine all’inganno dei prodotti importati dall’estero e spacciati per Made in Italy.  

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il