Petrolio come strumento di liberazione dal "giogo" delle super-potenze secondo il presidente Chavez

Il presidente del Venezuela, inaugurando il vertice di PetroCaribe dice basta al petrolio come strumento del colonialismo



Petrolio e geopolitica. Hugo Chavez ha inaugurato insieme a Raul Castro il vertice di PetroCaribe, sottolineando che per anni il petrolio è stato in America Latina uno strumento del "colonialismo": ora invece, ha rilevato il presidente del Venezuela, deve diventare un mezzo di "liberazione". Ad aprire nella piccola cittadina di Cienfuegos il summit di PetroCaribe - cui aderiscono 16 paesi dell'area caraibica e dell'America Centrale (oltre a Venezuela, Cuba, Repubblica Dominicana, i piccoli stati della regione) - sono stati proprio Raul Castro e Chavez: entrambi hanno parlato di tematiche quali le energie alternative e il ruolo del petrolio nel mondo, oggi e in passato, senza risparmiare frecciate contro gli Stati Uniti.

Il presidente provvisorio di Cuba ha per esempio parlato dei cambiamenti climatici, criticando il "consumismo" dei paesi ricchi. Chavez è andato al di là, ed ha ricordato "la dittatura del capitalismo mondiale", riprendendo un'espressione usata tempo fa dal presidente del Nicaragua, Daniel Ortega (presente anch'egli al vertice), oltre ad osservare che "il libero commercio non esiste" e che proprio PetroCaribe rappresenta la piattaforma per "far fronte all'impero", cioé Washington.

Rivolgendo lo sguardo a casa e ai fiumi dei petrodollari di Caracas, il presidente venezuelano ha osservato che per decenni il suo paese è stata "una colonia petrolifera" prigioniera "degli interventi diretti ed indiretti dei diversi cartelli guidati dagli Stati Uniti". Ora invece, "l'oro nero sta diventando più trasparente, e deve essere uno strumento di liberazione", ha tagliato corto Chavez, rilevando inoltre quelli che sono i tre settori chiave a cui punta PetroCaribe, e cioé gli idrocarburi (petrolio e gas), la produzione di etanolo e le energie alternative (eolica e solare).

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il