Dieta: disponibile in Italia, sistema innovativo e inedito sviluppato da intelligenza artificiale

Un nuovo sistema del tutto inedito che offre consigli alimentari e riduce gli sprechi grazie al’intelligenza artificiale: come funziona

Dieta: disponibile in Italia, sistema in

dieta sistema inedito intelligenza artificiale italia



Con il nuovo sistema per dimagrire inedito sviluppato con l’intelligenza artificiale sono stati avviati progetti per il monitoraggio e il tutoring delle abitudini alimentari per riuscire a garantire alla totalità della platea dei consumatori, e non solo chi vuol mettersi a dieta per perdere chili, una corretta alimentazione.

Un inedito sistema per dimagrire, sviluppato con l’intelligenza artificiale dalla Fondazione Marchesi e dalla Bicocca, pensato per favorire un regime alimentare equilibrato e ridurre, allo stesso tempo, gli sprechi. Nell’infinito mondo delle diete dimagranti e tra le tantissime persone ogni giorno alla ricerca della dieta migliore per perdere peso, possibilmente in fretta ma comunque in modo sano, ecco arrivare una gran bella novità che, come facilmente immaginabile, sarà molto apprezzata.

Sistema inedito per diete disponibile in Italia

Grazie allo sviluppo dell’intelligenza artificiale del machine learning e dei sofisticati sistemi di image recognition/understanding, sviluppati dall’Università degli Studi di Milano Bicocca in collaborazione con la Fondazione Gualtiero Marchesi, si potranno dare suggerimenti su cosa mangiare e in quali quantità a coloro che desidereranno perdere peso. Stando a quanto spiegato dagli studiosi, con il nuovo sistema si occupa di analisi di immagini, sono stati avviati progetti per il monitoraggio e il tutoring delle abitudini alimentari per riuscire a garantire ai consumatori, e non solo chi vuol mettersi a dieta per perdere chili, una corretta alimentazione. Per fare un esempio pratico, prendendo il caso di una mensa aziendale, scolastica o ospedaliera, il sistema Feedin Italy analizza l’immagine del vassoio da una speciale telecamera, che ne riconosce i cibi e li inserisce in un database collegato alla persona e usato per monitorarne le abitudini alimentari e dare suggerimenti per migliorare la propria alimentazione.

Il sistema riconosce non solo gli alimenti nel vassoio ma stima anche gli eventuali avanzi e la loro entità per quantificare effettivamente il cibo mangiato, permettendo, così, non solo di impostare un corretto regime alimentare ed equilibrato ma anche di ridurre gli eventuali sprechi. Il sistema di riconoscimento messo a punto dalla Bicocca potrebbe essere utile anche in caso di intolleranze alimentari, per prevenirle e consumare alimentanti alternativi a quelli per cui si è intolleranti.
 

Ulteriori progetti di sviluppo di intelligenza artificiale per una corretta alimentazione

Lo sviluppo del sistema inedito appena riportato dimostra, ancora una volta, quanto importante sia diventata la corretta alimentazione nel nostro mondo che in parte si abbuffa di alimenti poco sani andando incontro a malattie e patologie che possono portare anche alla morte prematura. Tanto importanti sono tali progetti che da poco, stando a quanto riportano le ultime notizie, sarebbe stato avviato, sempre in collaborazione con la Fondazione Marchesi, un secondo progetto, FooDesArt, che prevede il riconoscimento delle immagini dei piatti esteso anche ad altri ambiti oltre le mense. Anche questo secondo progetto servirebbe per dare consigli utili a tutti sulla giusta alimentazione da seguire in un corretto regime equilibrato, in grado di apportare le giuste quantità di ogni nutriente di cui il nostro organismo ha bisogno, non solo per dimagrire, ma per star bene e in forma, tra:

  1. vitamine;
  2. proteine;
  3. sali minerali;
  4. fibre;
  5. zuccheri;
  6. grassi.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il