Abbuffarsi, mangiare troppo può deteriore la memoria oltre ad ingrassare rivelano due studi

Due ricerche scientifiche mostrerebbero come mangiare troppo potrebbe rovinare la memoria non solo far ingrassare. Una motivazione in più per una alimentazione giusta ed equilibrata

Abbuffarsi, mangiare troppo può deterior

L'importanza di saper mangiare in modo equilibrato porta differenti benefici



Mangiare troppo in una determinata occasione o mangiare in maniera ripetuta tanto e in poco tempo può non solo far ingrassare, ma proprio far male alla salute. E' il caso, di quando si mangia mentre si guarda la tv alla sera un pasto aggiuntivo come pop-corn o merendine o cracker oppure quando si fa una abbuffata anche a tavola, ma si mangia davvero oltre alle proprie abitudini.

Nuovo test sulla memoria

E in modo particolare viene colpita la memoria e il cervello. Una ricerca dell'università della California lo ha evidenziato facendo una serie di test su persone tra i 18-65 anni e chi mangiava male, troppo e in maniera compulsiva tendeva ad avere meno memoria sia in generale che proprio anche delle situazioni in cui si era abbufatto tanto è vero che i ricercatori nello studio pubblicato su Appetite pensano che ci possa essere come un circolo vizioso tra il mangiare tanto e perdere la memoria anche di quel momento e di ripetere questo modo di alimentantarsi.

Conferma dal mangiare troppi zuccheri

Una precedente ricerca di quache anno fa dell'Ucla aveva evidenziato come anche mangiare molti zuccheri provocava nei test di laboratori sui topi disturbi sull'apprendimento e la memoria con un rallentamento e un danneggiamento della memoria. E si pensa che la stessa cosa possa accadere anche agli uomini, in quanto il calo dell'insulina provacato dall'aumento degli zuccheri provocherebbe questi problemi. Viceversa, dunque, si potrebbe pensare che diminuire gli zuccheri eccessivi non solo fa meglio alla salute in generale e alo stato di forma, ma potrebbe consentire di avere una memoria migliore

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il