Termovalvole obbligatorie: proroga richiesta per tanti ritardi. Rischio multe per controlli in arrivo

Il trenta giugno è stato l’ultimo giorno utile per adeguare gli impianti di riscaldamento condominiali centralizzati alla direttiva europea in materia ed evitare così sanzioni piuttosto pesanti

Termovalvole obbligatorie: proroga richi

Da giugno è scattato l'obbligo delle termovalvole per gli impianti di riscaldamento condominiali centralizzati. Cosa si rischia e perchè conviene



Oltre ad un terzo delle case e dei condomini non sarebbero ancora in regola per quanto riguarda le termovavole obbligatorie e ci sarebbero un problema anche di norme da interpretare su chi è già a norma, avendo, per esempio solo deciso di metterle, ma non avendole ancora installate. E visto l'annuncio dei controlli in arrivo le varie parti in causa hanno chiesto una proroga. 

Fa un certo effetto pensare al riscaldamento di casa in piena estate, ma sta per scadere il termine per l’installazione delle valvole termostatiche negli impianti di riscaldamento centralizzato dei condomini. Il trenta giugno, termine stabilito dopo la proroga per l’installazione obbligatoria delle termovalvole (leggi articolo), inizialmente prevista per Dicembre 2016, è stato l’ultimo giorno utile per adeguare tali impianti alla direttiva europea in materia ed evitare sanzioni piuttosto pesanti. Ecco perché tra le tante informazioni è bene capire anche cosa si rischia in caso di infrazione e perché conviene installare le valvole termostatiche.

Installazione obbligatoria termovalvole

L’obiettivo dell’Unione Europea che ha emanato recentemente questa direttiva consiste nella riduzione delle emissioni di Co2 nell’atmosfera e ad incrementare del venti per cento l’uso di fonti di energia rinnovabile, tutto entro il 2020. L’installazione obbligatoria delle termovalvole dovrebbe automaticamente produrre un risparmio nel consumo di combustibile tra il dieci per cento ed il trenta per cento per ogni condomino.

L’obbligo è scattato per tutti i condomini che hanno il riscaldamento centralizzato. Sono esclusi gli immobili dotati di riscaldamento autonomo e gli immobili in cui siano presenti degli impedimenti tecnici certificati, come ad esempio un impianto di riscaldamento obsoleto, per il quale risulterebbe troppo complesso e oneroso l’adeguamento. Le valvole termostatiche permettono di regolare il calore emanato nelle diverse stanze di un appartamento, consentendo quindi importanti risparmi perché la calibrazione del calore avviene a seconda delle necessità effettive di chi vive nell’immobile.

Le valvole devono essere installate su ogni radiatore per poter programmare una temperatura limite, oltre la quale il termosifone si spegne. Questo si riaccenderà nel momento in cui la temperatura minima impostata viene meno. Con l’installazione delle valvole e dei contabilizzatori dovranno essere modificati anche il regolamento condominiale e le modalità di ripartizione delle spese per il riscaldamento: i consumi reali di ogni appartamento dovranno infatti essere calcolati in base alla lettura del contatore, non più in base alla tabella millesimale.

Termovalvole Cosa si rischia e perché conviene

L’obbligo al 30 giugno per l’iinstallazione delle termovalvole contiene in sé anche un’altra notizia. Dal giorno dopo, infatti, sono iniziati i controlli che dovevano accertare se la nova norma fosse stata rispettata oppure no. E, seppure le valvole siano oggetti piccoli, il danno derivato dal non rispettare la nuova normativa potrebbe avere conseguenze molto pesanti. Ecco cosa si rischia ad avere fatto orecchio da mercante e perché conviene installare queste valvole termostatiche.

Cominciamo con il dire che la mancata installazione dei contabilizzatori di calore e delle valvole termostatiche, comporta sanzioni dai cinquecento ai duemila e cinquecento euro. Meglio muoversi subito: i lavori di adeguamento degli impianti possono richiedere qualche settimana.

E qui che c'è un problema anche di lettura delle norme, ovvero che alcuni condomini hanno deliberato in assemble e deciso di metterle in tutti gli appartamenti ma i lavori non sono ancora iniziati o devono finire, complice la pausa estiva. E nel frattempo in autunno inizieranno i primi controlli. Da qui la richiesta della proroga delle associazioni delle varie parti coinvolte, anche perchè si ritiene che un terzo o poco meno dei condomini e delle case in Italia non siano ancora in regola.

L’uso di valvole termostatiche ha cambiato enormemente il metodo di approccio alla stagione meno permissiva dell’anno: gli impianti di riscaldamento odierni prevedono spesso l’installazione di questi componenti facoltativi, che migliorano il rendimento complessivo annuo dell’impianto e quindi si riducono i consumi del combustibile usato dall’impianto. La regolazione della temperatura ambiente per ambiente ha come risultato un abbassamento dei consumi rispetto un impianto regolato esclusivamente da un termostato o cronotermostato ambiente.

Da ricordare, inoltre, che mentre ora stanno per arrivare i primi controlli per l'installazione delle termovalvole e nello stesso tempo viene richiesta la proroga vi è la possibilità di una rottamazione con detrazioni e incentivi per le caldaie.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il