Dieta dei due giorni: ridurre tossine e alcuni grassi maligni in 48 ore per depurarsi

Due giorni di dieta a settimana per perdere peso ed eliminare le tossine: le diete alternative del due. Quali sono e cosa mangiare

Dieta dei due giorni: ridurre tossine e

Dieta due giorni rimuovere tossine grassi eccesso



La dieta dei due giorni impazza sul web e si sta diffondendo in misura davvero importante. Chi decide di seguirla non potrà fare di testa sua, ma dovrà seguire i consigli relativi agli alimenti da consumare durante i pasti della giornata. Soprattutto fare un abbondante colazione che deve fornire l’apporto calorico per affrontare la giornata 

Eliminare dall'organismo tossine e grassi in eccesso con due giorni di dieta: ben 48 ore di alimentazione suggerita nel minimo dettaglio per stare bene. Ma quanto serve effettivamente questo regime alimentare per rimanere in forma e in buona salute? E per quanto tempo bisognerebbe seguire questa dieta del digiuno per ottenere risultati concreti e positivi?

Dieta dei due giorni: cosa prevede

C’è chi l’ha già sperimentata e sostiene di aver effettivamente ottenuto risultato, sia in termini di benessere interiore, sia in termini di perdita di peso, e chi si interroga ancora sui suoi benefici. E’, dunque, destinata a far discutere la nuova dieta dei due giorni, ma, si sa, per poter capire se effettivamente si tratti di una dieta che realmente funziona o meno non resta che sperimentarla. Per chi volesse rimuovere tossine e grassi in eccesso provando la dieta dei due giorni dovrà seguire i consigli alimentari forniti relativi agli alimenti da consumare per i diversi pasti della giornata, colazione, pranzo e cena. La dieta di seguito riportata dovrebbe essere seguita per due giorni consecutivi per avere benefici.

Partendo dalla colazione, prevede Quinoa e prugne, con  mezza tazza di quinoa e 4 prugne tritate, zenzero grattugiato e 1 cucchiaio di olio di semi di lino, una tazza di acqua e un pizzico di noce moscata, un quarto di tazza di latte di riso. Preparazione: Aggiungere acqua e Quinoa in una pentola per poi riscaldarla e girare a fuoco basso, bollire il tutto per 10 minuti. Aggiungere le prugne e il latte di riso, per poi cuocere per altri 5 minuti e successivamente consumare la bevanda.  

Per spuntino è prevista la bevanda detox, composta da ananas, cavolo e zenzero, che aumenta la produzione di bile e pulisce i reni. Per pranzo un frullato di frutta, fatto da un quarto di tazza di mirtilli congelati, u quarto di banana 1 cucchiaio, mezza tazza di latte di mandorle semplice e non zuccherato. E, infine, per cena, brodo vegetale preparato con un cavolo tagliato, 8 tazze d’acqua, due cucchiai di paprica, un bulbo di finocchio tagliato (fronde e gambi), due cipolle rosse tritate, due gambi di sedano tritato, sale e pepe nero appena macinato, una tazza di funghi di shitake affettati, mezza tazza di prezzemolo tagliato grossolanamente, 4 grandi spicchi d’aglio macinati, 2 cucchiai di origano fresco tritato. Il consiglio è quello di consumare la cena non oltre le 19.

Dalla dieta dei due giorni ai due giorni di digiuno, ai due pasti in un giorno

La dieta dei due giorni potrebbe essere la dieta speculare a quella dei due giorni di digiuno di cui ormai da tempo si parla: anche questo stile alimentare, sperimentato da alcuni, è stato considerato positivo. Consiste nel consumare pasti regolari per cinque volte a settimane e fare due giorni di digiuno e in questi due giorni di totale mancanza di cibo si possono consumare solo liquidi e integratori. Ma sono la dieta dei due giorni e quella dei due giorni di digiuno le uniche diete del ‘due’ che permettono di perdere peso e star bene.

Da alcune ricerche scientifiche sarebbe, infatti, emerso che concentrare in soli due pasti più calorici la razione giornaliera di cibo, porta ad un calo di grasso nel fegato e ad un incremento della sensibilità dell’insulina rispetto a quando i pasti vengono consumati più volte al giorno. Secondo i ricercatori, il pasto principale dovrebbe essere la colazione e le calorie introdotte tra le 6 e le 10 del mattino dovrebbero essere abbondanti perchè necessarie per affrontare la giornata e smaltibili in un arco di tempo maggiore che va fino alla sera. La cena, al contrario, dovrebbe essere molto ridotta e leggera visto che le calorie introdotte con essa non vengono smaltite facilmente.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il