Tumori 2017 in Italia in crescita, cause, tipi, guarigione. Prevenzione elimina il 40%

Nuovo rapporto aggiornato sui tumori in Italia. Aumentano di poco i casi nel 2017, ma anche chi guarisce dopo 5 anni. E con la prevenzione si potrebbe ridurre del 40%

Tumori 2017 in Italia in crescita, cause

I numeri sui turmori in Italia dal nuovo rapporto 2017 Aiom



Fa notizia il boom del cancro al polmone tra le donne. In crescita anche i tumori di pancreas, tiroide e melanoma mentre, mentre diminuiscono le diagnosi a stomaco e colon-retto. Grazie ad una prevenzione più efficace, oggi oltre tre milioni e trecentomila cittadini sopravvivono dopo la diagnosi.

Crescono i tumori ogni anno in Italia, ma non tutti i numeri sono così negativi dal racconto che viene fatto dallo studio realizzato dall'Iom e dall'Airtum, Associazione italiana registri Tumori, "I numeri del cancro in Italia 2017".

I numeri

Sono 369 mila in  casi di tumore quest'anno in aumento di 3mila, con un migliaia di pazienti ammalati scoperti ogni giorno.

Ma non ci sono, come appena scritto, dati solo negativi. Grazie alle nuove cure, ma soprattutto alle diagnosi precoci e agli esami di prevenzione praiticamente un quinto di più dei pazienti vive e riesce a superare il cancro e guarire rispetto a 7 anni fa, in pratica più di 3 milioni e 300mila persone in più.

Gli uomini che si ammalano sono stati 192mila, ma sono diminuiti quasi del 2% dal 2003 ad oggi grazie al calo dei tumori alla propsta e ai polmoni, mentre le donne rimangono stabili e nell'utimo anno hano riscontato un cancro in 177mila. 

I cinque tumori che colpiscono di più in Italia sono:

  1. tumore colon-retto 
  2. seno  
  3. polmone 
  4. prostata
  5. vescica 

Le persone che sono, purtroppo, morte sono state soprattutto per tumori al polmone seguiite ( ma poco più della  metà su 30mila dei rpecedenti) al colon-retto, seno, pancreas, stomaco. Il tumore è la seconda causa di morte in Italia con poco del 29% dei decessi, mentrev la maggior delle morti deriva da patologie cario-circolatorie per il 37%

Prevenzione fondamentale

E si potrebbe fare molto di più, secondo gli esperti, almeno il 40% dei casi potrebbe essre evitato conun giusto stile di vita e con la prevenzione adeguata.

I comportamenti sbagliati condizionano per il 10% il poter sorgere di tumori, in modo particolare obesità, fumo, diete scorrette e non fare movimento e sport e tutto questo è dimostrato da oltre 50 anni di ricerche. certo, c'è anche l'inquinameto delle città che influisce.

Molto importanti per l riduzioni delle morti sono le nuove cure come le terapie a target e l'immunoterpaia a cui si aggiungono miglioramenti e sviluppo alla chirurgia, chemioterapia e radioterapia oltre a farmaci più avanzati.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il