Pensioni novità su Ape Volontaria, Ape Social, Donna, Quota 41, Aspettative di vita da forze sociali con documento ufficiale

Le richieste di novità per le pensioni dalle forze sociali all’esecutivo: cosa prevedono e quali potranno essere considerate

Pensioni novità su Ape Volontaria, Ape S

Pensioni Ape Aspettative vita forze sociali documento



Dopo aver chiesto un nuovo incontro direttamente con il premier Paolo Gentiloni, le forze sociali, come confermano le ultime notizie, hanno inviato all’esecutivo l’annunciato nuovo documento con nuove richieste relative alle novità per le pensioni. Probabilmente ben consapevoli di non aver effettivamente fatto nulla di concreto per i lavoratori in tal senso, alle sogli di presentazione di nuovo Def, in programma il 22 settembre, e nuova manovra finanziaria, in programma il 4 ottobre, hanno deciso di muoversi in maniera decisamente più ferma e decisa per chiedere ulteriori novità relative a:

  1. novità per le pensioni di ape volontaria;
  2. novità per le pensioni ape social e quota 41;
  3. novità per le pensioni per le donne;
  4. novità per le pensioni con revisione delle aspettative di vita.

Nuovo documento ufficiale da sindacati e richieste novità per le pensioni

Ma cosa riporta il nuovo documento presentato al governo? Diverse le richieste avanzate dalle forze sociali, riassumibili in undici punti fondamentali, richieste che, a loro stesso parere, si inseriscono in quel confronto ormai da tempo avviato con l'esecutivo sulle novità per le pensioni che ormai stanno diventando sempre più importanti da definire. E nonostante la grande delusione per aver rimandato ancora una volta le profonde novità per le pensioni di quota 100 e quota 41 per tutti senza oneri, considerate le migliori soluzioni pensionistiche e in grado di risolvere i grandi problemi creati dall'entrata in vigore delle attuali norme pensionistiche, che hanno fortemente penalizzando soprattutto determinate categorie di lavoratori come usuranti e precoci, ma ancora rinviate perchè considerate troppo costose rispetto alle risorse economiche effettivamente disponibili, le forze sociali hanno deciso di andare oltre e portare avanti ulteriori richieste di novità per le pensioni.

E se queste novità per le pensioni non saranno approvate, stando a quanto riportano le ultime notizie, potrebbe essere indetto uno sciopero generale che rappresenterebbe una vera e propria novità, perchè sarebbe la prima volta in assoluto che le forze sociali decidono di scendere in piazza per le pensioni, abbandonando, dunque, il confronto interlocutorio che c'è sempre stato con l'esecutivo in tema previdenziale.

Tra le richieste di novità per le pensioni contenute nel documento ufficiale inviato dalle forze sociali all’esecutivo figurano:

  1. richiesta di revisione del sistema delle aspettative di vita per evitare un ulteriore aumento dell’età pensionabile;
  2. novità per le pensioni per i giovani e maggiore flessibilità in uscita;
  3. miglioramenti per accesso ad ape social e quota 41 ad essa collegata;
  4. superamento delle disparità di genere di trattamento pensionistico tra uomini e donne e valorizzazione del lavoro di cura;
  5. interventi di rafforzamento della previdenza complementare;
  6. rivalutazione delle pensioni;
  7. ulteriore proroga dell’opzione donna e ottava salvaguardia per gli esodati;
  8. netta separazione tra  spesa assistenziale e spesa prettamente previdenziale, misura di cui da troppo si parla senza però arrivare mai ad un punto;
  9. modifiche delle norme per il posticipo del termine di percezione dei Tfr e dei Tfs dei dipendenti pubblici;
  10. decreto di semplificazione delle procedure per il pensionamento degli usuranti;
  11. riorganizzazione degli Enti previdenziali.

Le risposte dell’esecutivo

Una volta inviato il documento, ora si attendono le risposte dell’esecutivo anche se sarà decisamene difficile che a tutte le richieste si risponda positivamente, soprattutto in riferimento alla revisione del sistema delle aspettative di vita, considerando che si tratta di una questione che divide molto e particolarmente lo stesso esecutivo, tra chi dice un no netto a tale richiesta e chi, invece, vi apre, ipotizzando almeno un congelamento delle aspettative di vita, e che ha già trovato forti resistenze da parte del presidente dell’Inps che ha chiaramente spiegato come approvare una tale novità per le pensioni potrebbe avere solo un impatto negativo sui conti pubblici.

Per le forze sociali, invece, non rivedere il sistema delle aspettative di vita potrebbe portare ad una vera e propria ‘tragedia’ sociale, considerando che il continuo aumento dell’età pensionabile continuerà sempre più a lasciare letteralmente fuori dal mondo del lavoro i giovani che oggi vivono già una condizione occupazionale decisamente critica nel nostro Paese. Più probabile, invece, la valutazione della richiesta di modifiche per l’accesso ad ape social e quota 41 e per le novità per le pensioni per giovani e donne.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il