Pensioni ultime notizie quattro variabili condizionanti

Quattro variabili cher potrebbero fortemente condizionare iniziatve urgenti e concrete novità per le pensioni: quali sono e cosa pevedono

Pensioni ultime notizie quattro variabil

pensioni novità quattro variabili condizionanti



L’iter di discussione sulle novità per le pensioni e le concrete opportunità di attuazione delle stesse novità per le pensioni dipenderanno in maniera sostanziale dal quadro politico che si delineerà nel nostro Paese, all’indomani delle ultime notizie su riorganizzazioni interne alle forze e tra le diverse forze stesse in vista di prossime elezioni. Non si sa ancora se le elezioni, infatti, si terranno prima della naturale scadenza legislatura, ipotesi che sembra sempre più improbabile man mano che il tempo passa, o se si terranno nella primavera del prossimo anno esattamente come stabilito, lasciando all’attuale premier l’opportunità e la responsabile di guidare ancora il nostro Paese, ci si augura, verso una nuova crescita.

Quattro variabili condizionanti il rilancio di novità per le pensioni   

Sono, però, tante e diverse le incognite ad oggi, quando non solo è incerto il tempo delle elezioni, e come confermano le ultime notizie, manca ancora un sistema per elezioni, ma è incerta anche l’evoluzione dello scenario politico dl nostro Paese. E quattro variabili, in particolare, potrebbero rivelarsi davvero condizionanti per rilancio concreto e attuazione delle novità per le pensioni. Stiamo parlando di:

  1. creazione di forze completamente originali, all’indomani delle ultime notizie sull’ombra di una ulteriore possibile scissione all’interno della maggioranza;
  2. riorganizzazione delle forze attuali, con l’obiettivo di risolvere tensioni e divergenze;
  3. scelta dei leader delle diverse forze;
  4. scelta di alleanze che potrebbero rivelarsi fondamentali in vista di prossime elezioni per garantire una maggioranza certa e una piena governabilità.

Si tratta di quattro variabili che avranno certamente impatto sulla definizione di contenuti e priorità delle diverse forze e, chiaramente, sul concreto rilancio di novità per le pensioni. Del resto, le ultime notizie confermano come le diverse forze siano ancora a lavoro sulla definizione dei loro contenuti da presentare in vista di prossime elezioni.

Situazione del centrosinistra e impatto su novità per le pensioni

Nel grande panorama della riorganizzazione politica del nostro Paese, certamente i movimenti del centrosinistra sono quelli che stanno facendo più discutere. Dopo le prime scissioni che hanno portato alla nascita degli importanti movimento democratico progressista e del campo progressista, si prospetta l’ombra di nuove scissioni interne, con alcuni dei fedelissimi del premier, come il guardasigilli, che proprio da lui sembrerebbero ora prendere le distanze. E in base all’evoluzione delle situazioni, vi saranno diverse possibilità di rilancio, considerando chi è fermamente convinto di un rilancio di importanti novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti, soprattutto perché collegate al rilancio della ricerca di attività, come movimento democratico progressista e del campo progressista, e l’attuale maggioranza che, come riportano le ultime notizie, sarebbe più orientata su misure come:

  1. novità per le pensioni per i ragazzi;
  2. contributo di solidarietà per le pensioni più alte in modo da sostenere con maggiori risorse economiche il rilancio di ulteriori iniziative positive;
  3. introduzione dell’assegno universale, collegato alla ricerca attiva di un impiego o alla frequentazione di corsi di formazione o specializzazione professionale volti proprio per sostenere la ricerca di attività;
  4. taglio delle imposte per tutte le famiglie con figli, artigiani e piccoli imprenditori, ma non per i pensionati.
  5. novità per le pensioni ulteriori per il mondo femminile.

Situazione del centrodestra e impatto su novità per le pensioni

Meno concitata e piuttosto stabile, potremmo dire, la situazione all’interno del centrodestra, dove non sembra si sia ancora raggiungo un accordo tra Schieramento del Cavaliere e Carroccio e non si sa nemmeno se si troverà, e potrebbero prospettarsi ulteriori movimenti per un centrodestra del tutto rinnovato che potrebbe puntare su personalità diverse da leader Carroccio e Cavaliere, anche se in quest’ultimo caso sembra piuttosto difficile che questo avvenga. In ogni caso, qualsiasi siano le decisioni interna di questa forza, di certo c’è che tra le priorità che rilancerà ci saranno certamente le novità per le pensioni che, forse, cambierebbero in base alla scelta del leader considerando, per esempio, che il Cavaliere darebbe priorità a novità per le pensioni di aumento del valore delle pensioni inferiori e all’introduzione dell’assegno universale per gli indigenti, mentre il leader del Carroccio punterebbe su una totale revisione dell’attuale sistema, ripartendo dalla novità per le pensioni di quota 100.
Ma tra le altre misure di cui al momento si parla e su cui sarebbe a lavoro la squadra dei tecnici del centrodestra vi sarebbero anche:

  1. abolizione del pagamento del bollo sulla prima auto;
  2. cancellazione di tutte le imposte sulla prima casa;
  3. cancellazione delle imposte su donazioni e successioni rimesse;
  4. novità per la scuola;
  5. misure di sostegno alla natalità;
  6. proposta di una flat tax al 15% per tutti.

Situazione dei pentastellati e impatto su novità per le pensioni

Anche tra i pentastellati fervono cambiamenti e si potrebbe andare incontro alla scelta di un leader diverso da quello finora sempre indicato, tanto che sembra che all’interno stesso dei pentastellati se ne stia già parlando. La necessità dei pentastellati è quella di recuperare certamente consensi e fiducia all’indomani della scottante sconfitta subita in occasione delle ultime elezioni comunali che hanno dimostrato chiaramente come quella che sembrava essere fino a qualche mese prima la prima forza del Paese, che era riuscita anche a superare il centrosinistra, fosse del tutto crollata.

E nell’attesa della definizione finale e ufficiale dei loro contenuti, c’è da aspettarsi, come le ultime notizie confermano, che tra le loro priorità ci sarà certamente inserito l’assegno universale, che da sempre rappresenta il fiore all’occhiello della lista dei contenuti proposti dai pentastellati, e ci saranno certamente le novità per le pensioni, anche se in tal caso bisognerà capire su quale novità per le pensioni i pentastellati rilanceranno concretamente tra:

  1. novità per le pensioni di quota 41 per tutti senza alcun onere;
  2. novità per le pensioni di abbassamento generalizzato dell’età pensionabile;
  3. novità per le pensioni di cancellazione delle alte pensioni degli esponenti.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il