Pensioni novità Quota 100 e Ape Social, Donne, Quota 41 quanto dipendono da manovra finanziaria e quanto da elezioni

Possibilità di attuazione di novità per le pensioni tra nuova manovra e nuove elezioni: situazione attuale, attese e prospettive

Pensioni novità Quota 100 e Ape Social,

Pensioni Quota 100 ape manovra finanziaria elezioni



Si lavora alla definizione di una nuova manovra finanziaria che, secondo le ultime notizie, nel 2018, dovrebbe costare tra i 22 e i 25 miliardi di euro, cui al momento però, stando a quanto riportano le ultime notizie, mancherebbero ancora tra i 7 e i 10 miliardi, nonostante la manovra sarà finanziata per circa 9 miliardi da un maggior deficit rispetto a quanto previsto nel Def presentato dall’esecutivo lo scorso aprile Le misure che potrebbero rientrare nella prossima manovra fianziaria e di cui al momento si parla sono soprattutto:

  1. taglio del cuneo fiscale per le assunzioni di nuovi giovani e nuovi incentivi per il rilancio dell’occupazione;
  2. rinnovo dei contratti degli impiegati della pubblica amministrazione;
  3. revisione di agevolazioni e detrazioni fiscali per imprese e famiglie;
  4. estensione della fatturazione elettronica per tutti;
  5. nuovo piano di rottamazione bis delle cartelle esattoriali;
  6. possibili novità per le pensioni.

Ma ci si chiede, ancora ad oggi, quali novità per le pensioni potranno davvero essere inserite nella prossima manovra e quanto la loro attuazione dipenderà effettivamente dalla manovra o dalle prossime elezioni. Le ultime notizie su un possibile accordo su un nuovo sistema per elezioni, infatti, sembra aprire nuovi scenari e nuove possibilità.

Novità per le pensioni reali tra nuova manovra finanziaria e nuove elezioni

L’attuazione delle novità per le pensioni previste con la prossima manovra, come ben sappiamo, dipende da una disponibilità di risorse economiche che al momento, come dichiarato dallo stesso ministro dell’Economia, sono piuttosto esigue. Bisognerà, dunque, valutare la priorità di alcuni interventi piuttosto che altri per capire quante risorse mettere a disposizione delle novità per le pensioni. E in tal caso si tratterebbe di valutare:

  1. ampliamento e miglioramento delle condizioni di accesso all’ape volontaria in modo da coinvolgere anche disoccupati, precoci e usuranti che non riescano a maturare i requisiti di pensione necessari per l’accesso all’ape social;
  2. miglioramento delle condizioni di accesso ad ape social e quota 41, soprattutto in riferimento a coloro che sono rimasti senza occupazione per fine contratto;
  3. novità per le pensioni per le donne, tra possibilità di ulteriore proroga dell’opzione donna, in scadenza il 30 settembre, e nuova ape social donna, con previsione di uno sconto contributivo alle donne lavoratrici che, stando a quanto proposto dall’esecutivo, dovrebbe essere di sei mesi per ogni figlio nato fino ad un massimo di due anni in presenza di quattro figli. Questo eventuale sconto abbasserebbe il requisito contributivo necessario per l’ape social portandolo, solo per le donne, da 30 anni a 28 anni.

Ma, secondo quanto riportano le ultime notizie, le forze sociali avrebbero rilanciato su questa proposta di conto contributivo, chiedendo di aumentare da 6 a 12 mesi lo sconto, fino ad un massimo di tre anni, portando così il requisito contributivo per l’accesso all’ape social per le donne da 30 a 27 anni. Tutto, però, è ancora molto in forse. Perché queste novità per le pensioni appena riportate possano rientrare nella prossima manovra, molto dipenderà da quante risorse saranno destinate al capitolo pensioni ma con le ultime notizie si nuove prospettive di elezioni alle porte è possibile che i diversi schieramenti puntino a stanziare maggiori risorse per le pensioni, tanto attese dai cittadini e che darebbero modo di riconquistare consensi.

Quota 100 e prospettive con manovra finanziaria e prossime elezioni

Se con la prossima manovra finanziaria non vi è alcuna prospettiva positiva per la novità per le pensioni di quota 100, rimandata già tempo fa perchè ancora considerata troppo costosa (richiederebbe tra i 7 e i 10 miliardi di euro) rispetto alla disponibilità di risorse economiche esistenti per la prossima manovra, lo scenario potrebbe decisamente cambiare in vista di prossime elezioni che, come abbiamo più volte spiegato, si prospettarsi come l'occasione ideale di rilancio di quelle profonde novità per le pensioni che permetterebbero ad ogni schieramento di recuperare fiducia ed elettori, a partire dalla quota 100, considerata la migliore soluzione pensionistica per tutti, unico sistema che lascerebbe davvero ad ogni lavoratore di scegliere quando andare in pensione e se prima rispetto all’attuale soglia fissata.

Sono, inoltre, diverse le proposte di novità per le pensioni di quota 100 avanzate finora. Le principali sono:

  1. novità per le pensioni di quota 100 del presidente del Comitato ristretto per le pensioni Damiano, con penalizzazioni crescenti dal 4% al 12% al massimo, in base all’anno di uscita prima rispetto alla soglia dei 66 anni e sette mesi attuale, partendo dalla base 60 anni di età con 40 di contributi e a condizione che somma di età anagrafica ed età contributiva dia 100, per cui si potrebbe andare in pensione a 60 anni di età e 40 anni di contributi, o a 61 di età con 39 di contributi, o a 62 anni di età con 38 di contributi e così via;
  2. novità per le pensioni di quota 100 della Lega, che si basa sempre sul principio della somma di età anagrafica e contributiva che debba risultare 100, ma non partendo da una base di 60 anni di età e 40 di contributi ma di 58 anni di età o 35 anni di contributi, per cui ogni lavoratore potrebbe decidere di andare in pensione a 58 anni di età e 42 di contributi, a 59 anni di età e 41 di contributi, o con 35 anni di contributi e 65 anni di età, o con 36 anni di contributi e 64 di età, e così via.
  3. novità per le pensioni di quota 100 avanzata dalle forze sociali, che prevede lo stesso modello di quota 100 di Damiano ma senza prevedere alcuna penalità per chi decidesse di lasciare prima la propria attività.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il