Norvegia, grande successo auto elettriche e colonnine mancano. Incentivi al via in Italia

Grande successo per le auto elettriche. La Norvegia è un esempio, ma non è la sola. E iniziano ad esserci i primi incentivi anche in Italia.

Norvegia, grande successo auto elettrich

Boom auto elettriche in Norvegia e incentivi in Trentino



Grande crescita per le auto elettriche in tutto il mondo in special mondo nei Paesi nordici, ma non solo. E al via una serie di incentivi anche in Italia al momento limitati, ma che potrebbero prendere molto piede

L'auto elettrica è in una fase costante di crescita, in un momento dove il ritmo della produzione di nuovi modelli sta aumentando così come le vendite e dove nuove leggi e regole predisposte o che si stanno rpedisponendo potrebbe favorire anche più fortemente la sua adozione

Boom mondiale

Siamo agli inizi di un boom mondiale, basti pensare che in Norvegia non ci sono abbastanza colonnine per il rifornimento tante sono le auto e i veicoli venduti elettrici, con una crescita a due cifre, tanto che uno su tre dei cittadini nervegesi ha un veicolo elettrico.
E si vuole arrivare nel 2025 a vietare lavendita di auto diesel e benzina, così come sta succedendo anche in Finlandia e in Svezia.

La Norvegia così come gli altri Paesi nordici sta vivendo questo boom grazie a due motivi, il fattore di coscienza ecologica dei suoi cittadini e il secondo grazie a dei forti incentivi che vanno da quelli per comprare l'auto ai 4mila ai 9mila euro per i modelli più grandi e ad una serie di imposte come il bollo auto fortemente diminuite o alcuen scomparese per le auto elettriche, fino a forti sconti per le assicurazioni.

Ma non c'è solo la Norvegia, il primo mercato per le vendite di auto eletriche è la Cina e che lo poitrebbe diventare ancora di iù se verrà entro l 2040 vietata la vendita, come sembra di auto a benzina, una decisione che hanno già preso in Europa Francia e Inghilterra e molto presto altri le seguiranno anche come indicazioni della Ue stessa.

In Italia, i primi incentivi

La situazione italiana è indietro al momento, in quanto nulla si è fatto per far crescere il mercato dell'auto elettrica rispetto a quello tradizionale. Ma tutto potrebbe cambiare e anche velocemente come fanno pensare alcuni elementi.
Il primo è che sono iniziati gli incentivi in Trentino Alto Adige, con un piano di centinaia di milioni per dotarsi delle colonnine (più colonnine) e di cambiare tutit i veicoli pubblici in circolazione. Ma soprattutto stanziando già ben 14 milioni di icnentivi per comprare le auto elettriche e dando particolari bonus ad attività commerciali, come quelle degli alberghi per dotasri di veicoli per la lo stessa attività sempre elettrici.

Ma gli incentivi elettrici potrebbero arrivare ben presto in tutta Italia, soprattutto se dovesse passare il bollo auto progressivo dove si paga di più in base all'emissione dell'auto, con 17 milioni di veicoli che dovrebbero essere cambiati perchè pagherebbero di più di tutti, essendo vecchi. E sono solo quelli più vecchi.

A quetso punto sarebbe il ometo giusti di lanciare gli incentivi, che tra l'altro potrebebro esser favoriti dalla politica europea, che sta decidendo una serie di direttive per rendere ancora più stringenti i controlli di gas ed emissioni inquinanti dalla auto. 

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il