Pensioni novità Nota di accompagnamento DEF: la verità su argomenti trattati tutti tranne pensioni

Novità per le pensioni ancora nulle in nuovo Def e relativa nota di aggiornamento e nulle le risorse da stanziare e dividere per le misure

Pensioni novità Nota di accompagnamento

Pensioni novità nulle DEF Nota accompagnamento



Tutti gli argomenti sono stati trattati nella nota di Aggionamento al DEF, ma molti sono stati trattatati male e in modo assolutamente incompleto con anche frasi da chiarire e dalla diversa interpretazione. Diverso, invece, il caso delle pensioni che non è stato proprio trattato.

Dal rinnovo della contrattazione dei dipendenti del pubblico impiego, al nuovo piano di taglio del cuneo fiscale per le assunzioni a tempo indeterminati dei giovani, al rinnovo di misure a sostegno per le famiglie: sono solo alcune delle misure presentate con il nuovo Def e riprese con ulteriori precisazioni con la nota di aggiornamento di accompagnamento al Def stesso, documento di economia e finanza che anticipa i provvedimenti da inserire nella prossima manovra. Nulla è stato detto in merito alle novità per le pensioni e, dunque, nonostante le tante attese l’unico riferimento è stato fatto alla necessità di attuazione di novità per le pensioni per dare nuovo slancio all’occupazione e alla richiesta di revisione delle attese di vita che, secondo quanto annunciato dallo stesso premier, non saranno un tema da poter trattare nel breve periodo.

Def e Nota di accompagnamento: le misure annunciate

Secondo quanto riportato dalle ultime notizie, il Def avrebbe chiarito che il prossimo anno non vi sarà alcun aumento dell’Iva, considerando la sterilizzazione delle clausole di salvaguardie decise per il prossimo 2018, da sostituire con misure relative a spesa ed entrate, comprensi ulteriori interventi di contrasto all’evasione, mentre, secondo le ultime notizie, dovrebbero arrivare con l’approvazione della prossima manovra, salvo eventuali modifiche in Aula:

  1. taglio del cuneo fiscale e decontribuzione per le assunzioni stabili dei giovani in modo da rilanciare occupazione giovanile, nella manovra del prossimo anno, stando a quanto riporta il Def, rientreranno misure a favore della crescita attraverso l’incentivazione degli investimenti delle imprese, ma non vengono specificate le cifre da stanziare;
  2. nuove risorse a favore delle famiglie che vivono in condizione di grande indigenza economica;
  3. nuovo piano di rottamazione bis delle cartelle esattoriali;
  4. nuovi incentivi alle imprese;
  5. risorse per il rinnovo contrattuale del pubblico impiego, e anche in tal caso la nota non ha riportato alcuna spesa effettiva che dovrà essere sostenute con sole ipotesi di aumento delle risorse economiche che dovrebbero passare dagli 1,2 miliardi di euro inizialmente annunciati a 1 miliardo e 650 milioni per il 2018.

Def e Nota di accompagnamento: novità per le pensioni argomento non trattato

L’unico argomento che sembra non essere stato proprio trattato con la presentazione del nuovo Def, e relativa nota di aggiornamento, è stato quello relativo alle novità per le pensioni. Nulla per quanto riguarda eventuali miglioramenti delle condizioni di accesso alle novità per le pensioni di ape volontaria e ape social e quota 41; nulla per quanto riguarda le novità per le pensioni per le donne; e nulla per quanto riguarda la revisione del sistema delle attese di vita, nonostante sia chiaro, da alcuni passaggi riportati, che la necessità di novità per le pensioni sia sempre più urgente, soprattutto per un concreto rilancio dell’occupazione che, secondo tanti, non subirà alcuna spinta dal nuovo taglio del cuneo fiscale.

Del resto, lo stesso ministro del Lavoro Poletti, avrebbe parlato di nuovi confronti sulle novità per le pensioni dopo il Def e non è chiaro e si tratti di un annuncio che preannuncia un rimandare ancora tutto al prossimo anno o che preannuncia la possibilità di ulteriori cambiamenti in Aula fino alla presentazione della manovra ufficiale. La certezza, al momento, stando alle ultime notizie, è che nulla di ciò che si era chiesto e ci si aspettava è stato proprio affrontato.

Né tanto meno con la nota di accompagnamento al Def si è parlato di risorse economiche eventualmente per le pensioni, anche se, in generale, la nota di aggiornamento al Def, a parte alcune indicazioni, non ha fornito alcun numero certo relativo alle spese e ai soldi che dovranno essere stanziati per le misure anche annunciate. E’ stato precisato che le risorse disponibili nella nuova manovra verranno impiegate privilegiando gli interventi a sostegno dell’occupazione giovanile, degli investimenti pubblici e privati, del potenziamento delle misure di contrasto alla povertà ma senza specificare alcuna cifra. Tutto, dunque, è ancora molto generale.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il