BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Aumento stipendi: primo incontro tra Prodi e sindacati l'8 Gennaio ? Minacciato sciopero generale

Sarà quello dei salari il terreno su cui si giocherà la prima partita economico-politica che vedrà impegnato il governo all'avvio del nuovo anno.



Sarà quello dei salari il terreno su cui si giocherà la prima partita economico-politica che vedrà impegnato il governo all'avvio del nuovo anno. Complice anche il richiamo del capo dello Stato, che nel messaggio di fine anno agli italiani ha sottolineato la necessità di lavorare per ridurre gli effetti sulle famiglie del crescente costo della vita, nella prima giornata del 2008 sono i temi economici e sindacali i primi a bussare alle porte di Palazzo Chigi.

I leader sindacali non hanno perso tempo e hanno colto al balzo l'assist del presidente della Repubblica. Il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, ha espresso «apprezzamento» per le parole di Giorgio Napolitano. Il leader del maggiore sindacato ha detto di riconoscersi in particolare «per quanto ha detto sui temi del lavoro e della sicurezza». «L'auspicio - ha aggiunto - è che nel nuovo anno, con l'impegno di tutti, si possano finalmente affrontare i temi dei redditi, dei salari e della sicurezza sul lavoro, temi che non possono più attendere».

Meno diplomatico il suo omologo della Cisl, Raffaele Bonanni. Che al governo manda subito un avvertimento: se entro gennaio l'esecutivo non avrà impresso un’andatura decisa per dare risposte concrete al problema del potere d’acquisto dei salari, il sindacato reagirà con lo sciopero generale. Bonanni lo ha spiegato all'agenzia di stampa Apcom, precisando comunque che la decisione spetterà alla riunione della segretaria unitaria delle tre confederazioni fissata per il 15 gennaio. «Confermiamo - ha puntualizzato il leader cislino - che nella seconda decade di gennaio o abbiamo risultati, un’andatura già definita e stabilita della partita oppure andremo a un’iniziativa generale sindacale».

Quella del 15 gennaio non è una data casuale: una settimana prima, e precisamente martedì 8, dovrebbe avere luogo un primo incontro tra governo e parti sociali con all'ordine del giorno proprio la questione salariale. A dare l'annuncio del vertice è lo stesso Bonanni che ricorda come la data sia stata decisa già nel corso dell'ultimo faccia a faccia con il premier Romano Prodi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il