Inflazione in netta crescita a Dicembre: raggiunge il 2,6%. I prodotti con maggiori aumenti

L'inflazione raggiunge il 2,6%, valore che non si registrava dal novembre 2003. Scopriamo quali sono le cause



I prezzi al consumo sono aumentati del 2,6% su base annua e dello 0,3% rispetto a novembre, quando i prezzi erano cresciuti del 2,4% annuo e dello 0,4% mensile
In base alla stima provvisoria, che tiene conto anche di riduzioni temporanee (sconti, saldi, vendite promozionali, etc.), il dato è il più alto dal novembre 2003.
La maggiore spinta all' accelerazione dell' inflazione nel corso di dicembre si deve agli aumenti dei prezzi di alimentari e carburanti, con un picco di +12,3% su base annua per il pane e del 15,4% per il gasolio. Balzo in avanti anche per i prezzi di bar e ristoranti, in crescita del 3,5%.

Pane e cereali accelerano del 7,5% rispetto a dicembre 2006, con il pane da solo che mette a segno un +12,3% e la pasta che sale dell' 8,4%. Il segmento latte, formaggi e uova fa registrare un aumento su base annua del 5,7%, con il latte da solo che sale del 7,6%, sempre su scala tendenziale. La carne segna un aumento del 3,5% con un picco del 7,3% tendenziale per il pollame, mentre la frutta sale del 4,8%.
Passando al comparto energia, a dicembre nel suo complesso ha fatto registrare un aumento congiunturale dell' 1,1% e tendenziale del 6,5%. L'aumento congiunturale si deve alla componente non regolamentata (carburanti), che sale dell' 1,8% su novembre e dell' 11,7% sull' anno.
Più in dettaglio i prezzi della benzina aumentano dell' 1,5% su base mensile e dell' 11,6% su base annua, mentre più consistente è l'aumento del gasolio, che cresce del 3,7% su base congiunturale e del 15,4% su base tendenziale. In aumento anche i prezzi dei combustibili per la casa (riscaldamento), con un +1% su novembre e un +13% su dicembre 2006. La componente regolamentata (luce, gas) è invece stabile sul mese e fa registrare un calo dell' 1% sull' anno.
Sempre per quanto riguarda i beni, un effetto di contenimento dell' inflazione è venuto dai medicinali, che scendono dello 0,1% congiunturale e del 2,7% sull' anno, e dagli apparecchi telefonici, con un calo dei prezzi del 2,9% su novembre e del 7% sull' anno.
Passando ai servizi, una spinta all' inflazione arriva invece dai prezzi di ristoranti e bar, saliti del 3,5% su base annua.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il