Ici, affitti, ristrutturazioni, mutui, abbonamenti per pendolari:agevolazioni della Finanziaria 2008

Le più importanti novità per i cittadini introdotte dagli oltre 1192 commi della legge Finanziaria 2008 per i consumatori e cittadini.



Le più importanti novità per i cittadini introdotte dagli oltre 1192 commi della legge Finanziaria 2008 per i consumatori e cittadini sono i seguenti:

ICI: Viene introdotta una nuova detrazione ICI. Alla vecchia detrazione di 103,29 euro viene aggiunta una nuova detrazione pari all’1,33 per mille del valore imponibile ICI, con un massimo di 200 euro. La detrazione complessiva può arrivare quindi a 103,29 + 200,00 = 303,29 euro. La detrazione riguarda le abitazione principali, escluse ville, castelli e abitazioni di lusso.

Affitti: Con la dichiarazione dei redditi 2008 (redditi 2007) chi è in affitto avrà diritto ad una detrazione di 300 euro per redditi fino a 15.493,71 oppure di 150 euro per redditi fino a 30.987,41. Detrazioni maggiori sono previste per giovani fra i 20 e i 30 anni che vivono in affitto: 991,60 euro per 3 anni per redditi fino a 15.493,71 e 300 euro circa per redditi fino a 30.987,41 euro.
Famiglie numerose: Dal 2007 ai genitori con almeno quattro figli a carico è riconosciuta un’ulteriore detrazione per carichi di famiglia pari a 1.200 euro.

Detrazioni per ristrutturazioni: La detrazione del 36 per cento viene prolungata sino al 2010 sulle spese di ristrutturazione sostenute fino a 48 mila euro per ogni immobile. Proroga fino al 2010 anche per l’IVA agevolata al 10 per cento.

Sconto del 55 per cento per interventi di risparmio energetico e detrazione per acquisto di frigoriferi nuovi: La detrazione del 55 per cento per gli interventi che garantiscono un risparmio energetico negli edifici e l’incentivo per l’acquisto di frigoriferi nuovi si applicano alle spese sostenute entro il 31 dicembre 2010. La detrazione può essere spalmata su un minimo di 3 ad un massimo di 10 anni, a scelta del contribuente. Per la sostituzione di finestre e per l’installazione di pannelli solari non serve la certificazione energetica dell’edificio, né l’attestato di qualificazione energetica.

Canone TV: nel limite massimo di 500.000 euro annui a decorrere dal 2008, per le persone con più di 75 anni, con un reddito annuale sotto i 516,46 euro x 13, senza conviventi, è abolito il pagamento del canone di abbonamento TV (106,00 euro).
Contravvenzioni stradali: Dal 2008 gli agenti di riscossione non possono richiedere il pagamento per violazioni al Codice della strada di competenza comunale, se la consegna non era stata notificata entro due anni dalla consegna del ruolo.

Detrazioni interessi su mutui: la somma massima sulla quale calcolare la detrazione del 19 per cento viene elevata a 4.000 euro (+ 384,80 euro rispetto a prima).

Gasolio e Gpl: Anche per il 2008 sono previste le agevolazioni sulle accise per l’acquisto di gasolio (0,12911 euro/litro) e Gpl, per le zone montane e quindi anche per l’Alto Adige.

Gruppo di acquisto solidale (GAS): vengono istituiti i gruppi di acquisto solidale (in breve Gas); le loro attività rivolte agli aderenti non sono considerate „commerciali“ e quindi sono esentate dal pagamento dell’IVA.

Abbonamenti per pendolari: per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2008 per abbonamenti al trasporto locale, regionale ed interregionale è prevista una detrazione dall’IRPEF nella misura del 19 per cento per un importo non superiore a 250 euro.

Mister prezzi: Viene istituita la figura di „Mister prezzi“: sarà un’autorità garante che vigilerà sull’andamento dei prezzi. Avrà soprattutto compiti informativi; possibilità sanzionatorie non sono previste.

Un cent per il clima: Dal 2008 per ogni litro di carburante e per ogni 6 chilowattora di energia viene trattenuto un cent che andrà ad alimentare un fondo per misure di salvaguardia del clima. I venditori di carburanti e di energia raddoppieranno questo importo.
Medicinali: medicinali non scaduti potranno essere riutilizzati attraverso medici e organizzazioni umanitarie.

Class action: viene finalmente introdotta anche nel nostro ordinamento l’azione di classe (o collettiva). La norma è già stata inserita nel Codice del consumo. Legittimati a proporre l’azione sono le associazioni di consumatori e comitati rappresentativi di interessi diffusi.

Servizi pubblici locali: gli utenti potranno pretendere dalle aziende che forniscono servizi pubblici locali (luce, acqua, gas, rifiuti…) le cd. “carte di qualità del servizio”; tali carte dovranno essere oggetto di accordo con le associazioni dei consumatori.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il