Vendita olio di oliva italiano: etichetta dovranno mostrare il luogo di produzione delle olive

Il nuovo decreto legge cerca di proteggere il Made in Italy



Entra oggi in vigore il decreto legge a tutela del prodotto Made in Italy, col quale si rende obbligatoria l'indicazione di provenienza delle olive utilizzate. Niente più inganni in etichetta, con vendita di miscugli spacciati per nazionali ma ricavati da materia prima straniera.

Lo rende noto il Ministero per le politiche agricole, alimentari e forestali (Mipaaf). Particolare soddisfazione è stata espressa dai rappresentanti dei produttori italiani, che da tempo si battono in difesa del settore olivicolo italiano. Ora la decisione passa alla Commissione Europea.

"La norma per l'indicazione di origine in etichetta, - ha dichiarato Rosario Lopa, rappresentante della D.G.Q. del Mipaaf - consente di verificare oltre al marchio la reale origine delle olive impiegate e quindi anche di valorizzare l'olivicoltura nazionale, evitando tutte quelle situazioni che tolgono spazio di mercato alla produzione regionale, sfruttando l'immagine positiva di territori e di stili ineguagliabili, a vantaggio di alimenti che nulla hanno a che fare con il tessuto produttivo agricolo nostrano. Naturalmente, conclude l'esponente del Mipaaf, i produttori di tutti gli oli etichettati, d'ora in poi, dovranno rispettare le condizioni fissate dal decreto".

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il