Confronto prezzi: aumenti maggiori per prodotti alimentari, rifiuti e trasporti

Il boom dei prezzi investe per lo più i generi alimentari, i rifiuti e i trasporti



La crescita dei prezzi ha riguardato soprattutto gli alimentari, come le patate (+15,2 per cento), il pollame (+9,2 per cento), il pane (5,7 per cento) e la frutta fresca (5,5 per cento). Salgono i prezzi anche di alcuni servizi pubblici, come la raccolta dei rifiuti (9,2 per cento) ed i trasporti ferroviari (7,2 per cento) e marittimi (7 per cento). Aumenti significativi, si legge ancora nella newsletter “Prezzi & Consumi” del ministero, si sono registrati anche per oreficeria (11,2 per cento), lubrificanti (5,6 per cento) e manifestazioni sportive (5,5 per cento). L’inflazione italiana rimane comunque inferiore a quella dei Paesi dell’Area euro, nonostante “le tensioni sui prezzi di alcuni prodotti specifici” come benzina e gasolio.
“I dati del Ministero confermano la gravità della situazione – commenta Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – che ora è importante venga valutata di concerto con Mr.Prezzi."

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il