Pc in vendita per raccogliere fondi contro l'Aids: iniziativa di Microsoft e Dell

Dell e Microsoft uniranno le loro forze nella lotta contro l'Aids, in una iniziativa chiamata Red Products



Uniscono le forze anche Dell e Microsoft all'iniziativa dei prodotti Red(ovverosia quei prodotti il cui ricavato viene donato in parte alla lotta contro l'Aids), commercializzando due pc studiati ad hoc per la linea rossa. Dietro l'iniziativa c'è un vistoso impegno, monetario e ideologico, da parte di Bill Gates, che risponde alle critiche sostenendo che se qualcuno ha un'idea migliore per salvare il mondo si dovrebbe fare avanti e definendo l'iniziativa un "uso creativo del capitalismo".

Essere filantropi per immagine, per lavarsi la coscienza, per convinzione, per auto gratificazione: non ha importanza il motivo che porta tanti uomini di successo a sposare le grandi cause dell'umanità, la cosa importante è che in questi giorni a Davos la filantropia è uno degli argomenti più ricorrenti.

In questo contesto è stata anticipato il pc solidale, nato da una partnership tra Microsoft e Dell che aderiscono alla campagna Red, fondata da Bono e da Bobby Shriver nel 2006 per impegnare i consumatori e il settore privato nella lotta contro l'Aids. Da Redmond fanno sapere che insieme a Dell commercializzeranno due computer, un portatile e un desktop con Windows Vista, per ciascuno dei quali verranno donati rispettivamente 50 e 80 dollari al Fondo Globale per combattere l'AIDS, la TB e la malaria.

I due computer saranno rigorosamente rossi e inizieranno a essere venduti negli Stati Uniti già da questo venerdì e nel resto del mondo a partire dal 31 gennaio. Secondo il leader degli U2 l'idea Product Red (che fa parte della ONE Campaign to Make Poverty History) si fonda su una gratificazione istantanea, sia per il consumatore che per il produttore, di sapere che una quota del valore viene devoluto per combattere l'Aids.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il