Elezioni primarie Usa: Obama e Clinton testa a testa, mentre John McCain vince tra i Repubblicani

Ancora tutto da decidere tra la Clinton e Obama, mentre per i repubblicani McCain in netta superiorità sui rivali



Fra i repubblicani, McCain ha vinto in 9 stati, Arizona, California, Connecticut, Delaware, Illinois, Missouri, New Jersey, New York, e Oklahoma.  L'ex governatore del Massachusetts, Mitt Romney, ha vinto in 7 stati, Alaska, Colorado, Massachusetts, Minnesota, Montana, Nord Dakota, e Utah.  L'ex governatore dell'Arkansas, Mike Huckabee, ha vinto in 5 stati, Alabama, Arkansas, Georgia, Tennessee, e West Virginia.  La conta dei delegati, che sarà completata durante la giornata odierna, vede già un evidente vantaggio per McCain.  Dei 1.081 delegati in gara nel Super Tuesday, 740 sono stati già assegnati: McCain in testa con 467, seguito da Romney con 149, Huckabee con 114, e il deputato del Texas, Ron Paul, con 10.  Si prevede che i rimanenti 296 delegati andranno in maggioranza a McCain, mentre non è ancora certo chi otterrà il secondo posto, con Romney e Huckabee abbastanza vicini.

Con i risultati di oggi, McCain avrà conquistato quasi la metà dei 1.191 delegati necessari per essere nominato il candidato repubblicano alle presidenziali USA durante la Convention repubblicana che si terrà a Minneapolis-St.Paul ai primi di settembre.  McCain, dinnanzi ad una folla festante a Phoenix, Arizona, ha finalmente accettato di essere definito il "front runner" (il favorito) fra i candidati del suo partito, affermando che "non mi dispiace affatto" perchè "abbiamo vinto in alcuni degli stati più grossi nel paese".

Mike Huckabee è riuscito a vincere negli stati del sud, dove il voto della destra religiosa è particolarmente influente.  Secondo Adam Nagourney del New York Times, "il risultato relativamente forte di Huckabee è sia una benedizione, sia una maledizione per McCain, ma forse più una benedizione.  Ha iniettato una piccola nota di incertezza nella corsa dei repubblicani, e forse ha rinviato il giorno in cui McCain potrà avere il palcoscenico per se stesso.  Ma Huckabee sembra aver portato via i voti principalmente a Romney, contribuendo al suo debole risultato di stasera".  Se saranno confermate le voci di un'eventuale decisione di Huckabee di presentarsi come vice presidente di McCain nel "ticket" repubblicano, l'ex pastore battista potrebbe assicurare a McCain il sostegno della destra religiosa e di quei conservatori, come i commentatori politici Ann Coulter e Rush Limbaugh, che osteggiano il senatore dell'Arizona, perchè lo considerano a sinistra di Hillary Clinton su molti temi, dalla tassazione alla questione dell'immigrazione.

Fra i democratici, Clinton e Obama sono praticamente alla pari dopo una giornata, come scrive David Espo della Associated Press, caratterizzata da una "battaglia epica di cui non si vede la fine".  La drammaticità e l'emozione della gara democratica si legge nei risultati che i due candidati hanno ottenuto da costa a costa, dove un candidato, Obama, conquista più stati, ma l'altro candidato, Clinton, ottiene più delegati.

Obama ha vinto in 13 stati, Colorado, Connecticut, Delaware, Georgia, Idaho, Illinois, Kansas, Minnesota, Missouri, Nord Dakota, e Utah.  Clinton ha vinto in 8 stati, Arizona, Arkansas, California, Massachusetts, New Jersey, New York, Oklahoma, e Tennessee, e potrebbe vincere nel nono stato, il New Mexico, dove è in vantaggio per pochi punti, e ha vinto anche nel territorio della Samoa Americana.  I risultati delle votazioni fra i Democrats Abroad (democratici all'estero) saranno disponibili a metà febbraio.  Dei 2.088 delegati in gara nel Super Tuesday, 1.128 sono stati già assegnati, con 568 alla Clinton e 560 ad Obama.  Secondo le proiezioni, la giornata dovrebbe concludersi con un leggero, ma non rilevante, vantaggio per la Clinton.

In un discorso a New York dinnanzi ai suoi sostenitori, la Clinton ha commentato la grande partecipazione degli elettori democratici nelle primarie affermando che "dopo sette anni con un presidente che ascolta solo gli interessi speciali, siete pronti per un presidente che porta la vostra voce, i vostri valori, e i vostri sogni alla vostra Casa Bianca.  Stasera, con una partecipazione da record, avete votato non solo per creare la storia, ma anche per ricreare l'America".  In un discorso davanti ai suoi sostenitori a Chicago, Obama ha detto che "quello che è iniziato come un sussurro in Springfield (ndr: nell'Illinois), è diventato un coro di milioni di persone che chiedono il cambiamento".

Repubblicani e democratici sono già al lavoro per le primarie che si terranno fra tre giorni in Lousiana, Nebraska e nello stato di Washington, seguiti dalla tornata elettorale del 12 febbraio in Maryland, Virginia, e nel Distretto della Columbia.  Fra gli strategisti democratici c'è la preoccupazione che il consolidamento di McCain potrebbe permettere ai repubblicani di iniziare già da ora la campagna presidenziale di novembre, lavorando per unire le varie componenti repubblicane, dai sostenitori di McCain ai fondamentalisti religiosi che lo osteggiano, mentre i democratici sono ancora impegnati nella competizione interna.  Pertanto, i dirigenti del partito democratico dovranno assicurarsi che gli strateghi della Clinton e di Obama evitino di far degenerare la campagna per le primarie, che si prevede abbastanza lunga dopo i risultati odierni, in una lotta intestina"cattiva".

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il