Indipendenza Kosovo proclamata domenica 17 febbraio? Grande festa in preparazione, ma cosa accadrà?

Il prossimo 17 febbraio segnerà il giorno dell'indipendenza del Kosovo da parte della Serbia.



Il prossimo 17 febbraio segnerà il giorno dell'indipendenza del Kosovo da parte della Serbia.

Samardzic ha confermato la netta posizione di Kostunica contro la firma dell'accordo politico offerto alla Serbia da Bruxelles, ipotesi ben tollerata, invece, dal presidente serbo filoeuropeista Boris Tadic. "L'Ue sta cercando ad ogni costo di far sottoscrivere alla Serbia un qualsiasi accordo prima del 17, perchè in questo modo la firma della Serbia sarebbe interpretata come un'accettazione dell'indipendenza del Kosovo", ha dichiarato Samardzic, ripetendo, tuttavia, che "Kostunica non accetterà mai, neppure indirettamente, lo scippo del 15 % del territorio serbo, la creazione di uno finto Stato e la violazione della Carta dell'Onu e della risoluzione 1244".

La dichiarazione unilaterale di indipendenza del Kosovo era data per imminente già prima delle elezioni di domenica scorsa, che hanno riconfermato, per una manciata di voti, come presidente Boris Tadic. E giovedì scorso l'Alleanza delle municipalità e delle comunità serbe, in Kosovo, aveva chiesto una riunione d'emergenza del parlamento serbo a Belgrado, per discutere la futura strategia in vista della secessione della provincia a maggioranza albanese.

Nella capitale kossovara, nel frattempo, i preparativi per una mega festa di indipendenza sono già in fermento: tonnellate di fuochi d'artificio, concerti in piazza già in fase d'organizzazione e sono attese, infatti, almeno 200mila persone, tra cui moltissimi giornalisti stranieri.

Il primo ministro kosovaro Hashim Thaci è sicuro che circa 100 Paesi riconosceranno l'indipendenza del Kosovo non appena sarà proclamata. "Abbiamo le conferme di circa 100 Paesi in tutto il mondo, pronti a riconoscere l'indipendenza immediatamente dopo la proclamazione", ha dichiarato ai giornalisti.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il