Cellulare Google Android presentato in anteprima: novità e funzioni interessanti,ma ancora prototipo

Niente delusioni per la presentazione di Google Android, ma nemmeno sorprese eclatanti. Bisognerà aspettare ancora



Durante la dimostrazione di Google al World Mobile Congress, per l'Android, niente più di quello che già non si potesse vedere su internet nei video messi in circolazione dalla stessa azienda di Mountain View: un browser, un'applicazione per la posta elettronica (Gmail), le mappe di Google, foto e video. Due le versioni degli schermi, esattamente come nei video promozionali: con schermo tradizionale e schermo a tocco. Unica differenza: la possibilità di vedere dal vivo e toccare con mano i prototipi messi in campo da Arm, Texas Instrument, WindRiver e Qualcomm. Proprio quest'ultima è stata l'unica delle aziende produttrici di hardware coinvolte a mostrare qualcosa in più: un piccolo videogioco.

Se qualcuno sognava applicazioni da lasciare a bocca aperta è rimasto deluso. Il World Mobile Congress è stata soprattutto l'occasione per i produttori di processori di mostrare il loro coinvolgimento nel progetto. "Siamo ancora nella prima fase della nostra collaborazione con Google", ha detto il rappresentante di Qualcomm mostrando un prototipo che monta il processore 7210 A, "nel caso di Windows Mobile siamo già nella seconda ondata. Ma i risultati sono già ottimi". Dalle parti di Arm prevale invece la cautela. Assediata dalle richieste di demo fin dalla prima mattina l'azienda ha infine realizzato una dimostrazione. Anche se un rappresentante della società presente allo stand si è lasciato andare ad un commento eloquente: "forse annunciare le demo in questo stadio di sviluppo è stato un errore".

Per il resto, come ripete Texas Instrument (che ha mostrato un prototipo equipaggiato con il processore Omap850), le speranze per il futuro sono grandi. E risiedono tutte in un modello di sviluppo aperto che non ha pari, finora, nel mondo del cellulare.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il